0/0
Aggiungi ai preferiti

Dolore addominale in basso a destra


lunedì 2 giugno 2008 da Utente 696xxx
Salve, ho da circa 4 giorni un dolore addominale in basso a destra, tra l'anca e l'inguine (un po' piú in alto). Non ho problemi digestivi, mangio, non ho febbre ne vomito. Inoltre riesco a camminare ed anche ad andare in bicicletta. Il dolore va e viene, e comunque sento come un senso di pesantezza in quella direzione, insomma come se ci fosse qualcosa che non va bene. Su consiglio di un vecchio medico in pensione che conosco, peró, sono andato al pronto soccorso, dove mi hanno fatto dei testi del sangue (credo una proteina reattiva per vedere se c'erano infezioni), e poi il medico mi ha visitato. La visita é stata molto lunga e molto accurata, mi ha toccato ovunque. Ho dolore quando mi tocca in determinate zone molto definite (appunto in basso a destra ma anche un pó quando seguiva l'andamento del colon in alto a destra), ma lui mi ha detto che si sente di escludere si tratti di un'appendicite, ma non ne puó essere completamente sicuro. In pratica l'unico sintomo che ho é il dolore, tra l'altro comparso da molti giorni ormai, dolore "di fondo" direi, che non mi impedisce di fare niente. Il consiglio del medico del pronto soccorso é stato quello di monitorare la situazione e tornare nel caso di febbre o di dolore che aumenta. Pensate ci possa essere una appendicite che all'improvviso mi scoppia e devo correre in ospedale? Questo é quello che mi spaventa di piú. Oppure posso stare tranquillo e pensare ad un'infiammazione del colon, cosí come ha detto il medico del pronto soccorso ?

Grazie infinite per i consigli.

Segnala allo staff

Risponde dal 2007 il medico

Dr. Maria Morena Morelli

Specialista in:
Chirurgia generale

Esercita a:
ROMA (RM)

Indice di partecipazione al sito: 80
indice medicitalia
Gentile Signore,
in considerazione della 'urgenza' della Sua richiesta mi permetto di rispondere al consulto anche se indirizzato all'area 'gastroenterologica'.
Il medico che l'ha visitata in effetti è stato chiaro:"...mi ha detto che si sente di escludere si tratti di un'appendicite, ma non ne puó essere completamente sicuro..". Il consiglio datole di continuare una osservazione domiciliare e di ripresentarsi al modificarsi dello stato clinico è alquanto corretto. Consideri che oltre alla valutazione clinica (..la visita é stata molto lunga e molto accurata...) il collega era, altresì, in possesso degli indici ematici di flogosi.
Per quanto riguarda la Sua domanda: e se all'improvviso mi scoppia e devo correre in ospedale ? ritengo che, nel caso dovesse esserci un peggioramento - non esiti a ripresentarsi presso P.S. - , vi siano tutti i margini di tempo per potere intervenire in modo adeguato.
Se le fà piacere ci tenga aggiornati.

Dott.ssa M.M.Morelli

Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
martedì 3 giugno 2008, dopo 20 ore
modificato dopo 12 minuti
replica #1  -  Segnala allo staff
Replica dell'
Utente 696xxx
Grazie mille per la risposta dottoressa Morelli.

Al momento il dolore sembra essere un po' diminuito, ma mi sento la parte destra della pancia come indolenzita, come se il dolore si stesse spostando seguendo il percorso del colon. Mi fa anche un po' male dietro la schiena, come se mi tirasse. In pratica é come se avvertissi un peso in basso a destra nella pancia. Intanto continuo a mangiare senza problemi (anzi ho fame!) anche se a volte sento come un senso di nausea. Non ho nessun problema ad "andare in bagno", anzi la situazione é migliore di come é al solito. Vado in bici, cammino e lavoro.

Se fosse un'appendicite potrebbe avere un decorso cosí lungo e lento nel tempo ? Altri suggerimenti, dieta da seguire etc. ?

Grazie ancora.

martedì 3 giugno 2008, dopo 3 ore
replica #2  -  Segnala allo staff
Risponde dal 2007 il medico

Dr. Maria Morena Morelli

Specialista in:
Chirurgia generale

Esercita a:
ROMA (RM)

Indice di partecipazione al sito: 80
indice medicitalia
Gentile Signore,
in base a quanto da Lei descritto la sintomatologia 'acuta' sembrerebbe in fase di risoluzione;
Al momento le consiglierei di continuare con una dieta leggera e di mantenere sotto controllo il Suo stato di idratazione.
Inoltre, necessita di una rivalutazione clinica o da parte del Suo medico curante o da parte del "vecchio medico in pensione" che conosce e che l'ha già visitata ieri (valutazione dello stato locale).

Se fosse un'appendicite potrebbe avere un decorso cosí lungo e lento nel tempo ?.....
Purtroppo in medicina 'due più due non è detto faccia quattro' e nel Suo caso una diagnosi di certezza non c’è stata; Pertanto, l’osservazione dell’evoluzione clinica è fondamentale.

Dott.M.M.Morelli


Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
martedì 3 giugno 2008, dopo 1 ore
modificato dopo 1 minuti
replica #3  -  Segnala allo staff
Replica dell'
Utente 696xxx
Gentile dott.ssa, il dolore é piú o meno sempre lo stesso. Continuo a mangiare, bere ed andare in giro, ma continuo a sentirlo. Io soffro di colite probabilmente dovuta a stress, e l'anno scorso avevo dei dolori simili ma in alto a destra (sotto lo sterno), che passarono dopo una terapia di un mese con compresse di "duspatal", che mi diede un gastroenterologo. Il dolore era abbastanza simile.

Vivo all'estero, quindi mi é difficile tornare in Italia e vedere questo medico, e qui non esistono medici privati con cui prendere appuntamento. Pensa che posso iniziare di nuovo con lo stesso farmaco ? Il medico la scorsa estate mi consiglió di fare questa terapia circa ogni tre mesi, cosa che ho fatto a settembre e poi a dicembre, ma non piú quest'anno.

Grazie ancora.

giovedì 5 giugno 2008
replica #4  -  Segnala allo staff
Risponde dal 2007 il medico

Dr. Maria Morena Morelli

Specialista in:
Chirurgia generale

Esercita a:
ROMA (RM)

Indice di partecipazione al sito: 80
indice medicitalia
Gentile Signore,
quanto da Lei descritto con quest'ultima richiesta di consulto modifica la Sua storia clinica !.
Dall'iniziale dolore acuto - 4 giorni - ai quadranti addominali inferiori di destra (con ipotesi, dopo visita medica, di appendicite subacuta/acuta) siamo giunti ad una anamnesi positiva per colite ("..soffro di colite probabilmente dovuta a stress, e l'anno scorso avevo dei dolori simili..").
Comunque, sembra scongiurato il rischio di un intervento chirurgico urgente per appendicite !.
Per quanto riguarda la domanda odierna: ‘Pensa che posso iniziare di nuovo con lo stesso farmaco ?’;
In effetti, se ci fa caso, si è risposto da solo: ‘Il medico la scorsa estate mi consigliò di fare questa terapia circa ogni tre mesi, cosa che ho fatto a settembre e poi a dicembre, ma non più quest'anno'.

Dott.ssa M.M.Morelli


Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
giovedì 5 giugno 2008, dopo 1 ore
replica #5  -  Segnala allo staff
Replica dell'
Utente 696xxx
Grazie della risposta. Quello di cui ho paura é che invece usare questo farmaco potrebbe "provocare" grossi problemi se avessi un'appendicite sub-acuta, pensa che la cosa si possa escludere ? In pratica quello che sento é come un "peso" in basso a destra, dolore alla palpazione (ma devo andare molto in profonditá), il tutto come "indolenzito". Ho piú fastidio se sto seduto che in piedi o steso. Sento proprio come se ci fosse qualcosa dentro che mi "preme". Ho anche dolore a volte nell'interno coscia destro. Quando sono seduto come adesso mi fa male nell'inguine destro vicino alla gamba.

Il fatto é che é la prima volta che ho dolori in questo punto, come le dicevo in genere i dolori che ho sono in alto a destra o a sinistra.

Per il farmaco, non lo avevo preso in quanto non mi piace l'idea di condividere la mia vita con i medicinali, la mia "compliance" verso le medicine é indubbiamente bassa.

La ringrazio nuovamente per tutti i suggerimenti! : )

giovedì 5 giugno 2008, dopo 50 minuti
replica #6  -  Segnala allo staff
 

 

Vuoi rispondere al consulto?


Esegui il login (registrati e inserisci utente e password in altro a destra) e ti apparirà in questo spazio arancione il modulo in cui scrivere il testo.
 
 
 
advertising
 

Gratis il tuo consulto ora!

 
 
 
 
 
 

News dai blog degli specialisti:

 
Medicitalia sito dell'anno 2013
ultima modifica:  14/04/2014 - 0,13        © 2000-2014 medicitalia.it è un marchio registrato di MEDICITALIA s.r.l. - P.I. 01582700090 - staff@medicitalia.it - Fax: 02 89950896        Privacy Policy