0/0
Aggiungi ai preferiti

Le spiego sono consapevole che il mio non e' un caso grave,faccio tutte


venerdì 7 maggio 2010 da Utente 320xxx
Salve sin da piccolo ho avuto dei tic motori semplici che via via sono andati scomparendo,dopo uno stress tra costruzione della casa,ansia, ecc mi e' ricomparso un tic,ammiccamento del mento soprattutto in casi di tensione e magari mentre devo fare qualcosa di importante,una scelta e adesso anche quando mangio in quanto sempre in casi di tensione avverto la paura di deglutire ecc.Devo fare una scelta e magari Voi mi potreste dare una mano;seguire la cura del mio medico di base,seguire quella del neurologo che mi ha consigliato 20 gocce di lexotan al mattino e 20 gocce alla sera per poi vedere, oppure rivolgermi ad uno psichiatra che vorrebbe il mio medico di base.Le spiego sono consapevole che il mio non e' un caso grave,faccio tutte e tante attivita' al giorno,ma vorrei ridurre l ansia in modo tale che questo tic(ammiccamento del mento e piu' raramente strizzare l occhio possa scomparire).Questo mio consulto lo ritengo importante spero di scegliere la cosa migliore da fare.

Segnala allo staff

Risponde dal 2003 il medico

Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Specialista in:
Psichiatria
Psicoterapia

Perfezionato in:
Psicologia

Esercita a:
AVELLINO (AV)
SOLOFRA (AV)
ISCHIA (NA)

Referente d'area
Indice di partecipazione al sito: 1889
indice medicitalia
Sarebbe utile anche una visita psichiatrica, in quanto il sintomo pare avere una genesi di tipo ansioso.

Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
venerdì 7 maggio 2010, dopo 14 minuti
replica #1  -  Segnala allo staff
Replica dell'
Utente 320xxx
Grazie come esami effettuati tiroide tutto ok,si e' un problema ansioso,lei dottore mi ha risposto gia a miei consulti,infatti sto per effettuare una visita psichiatrica, mi potrebbe dare qualche consiglio in merito,e se i tic vanno via con i farmaci.

venerdì 7 maggio 2010, dopo 10 minuti
replica #2  -  Segnala allo staff
Risponde dal 2003 il medico

Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Specialista in:
Psichiatria
Psicoterapia

Perfezionato in:
Psicologia

Esercita a:
AVELLINO (AV)
SOLOFRA (AV)
ISCHIA (NA)

Referente d'area
Indice di partecipazione al sito: 1889
indice medicitalia
Non ho ben capito il tipo di consiglio che vorrebbe.


Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
venerdì 7 maggio 2010, dopo 1 ore
replica #3  -  Segnala allo staff
Replica dell'
Utente 320xxx
Secondo Lei per che' questo tic mi da fastidio mentre mastico,mentre se sto fermo e' molto di meno,le chiedo se secondo lei se ne puo' uscire da questo fastidioso problema,oltre alla visita psichiatra.Sempre gentile dottore.

venerdì 7 maggio 2010, dopo 2 ore
replica #4  -  Segnala allo staff
Replica dell'
Utente 320xxx
Cerco di essere piu' preciso.Secondo lei per eliminare questo tic c'e'bisogno di una cura farmacologica nel momento in cui e' piu'marcato negli stati d'ansia piu' forti nonche' quando dormo poco e sono stanco?

domenica 9 maggio 2010
replica #5  -  Segnala allo staff
Risponde dal 2003 il medico

Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Specialista in:
Psichiatria
Psicoterapia

Perfezionato in:
Psicologia

Esercita a:
AVELLINO (AV)
SOLOFRA (AV)
ISCHIA (NA)

Referente d'area
Indice di partecipazione al sito: 1889
indice medicitalia
Il problema va inquadrato.
Lei racconta un sintomo che sembra essere di tipo ansioso, secondo quella che e' la sua descrizione.

Quindi, va valutato, capito e poi va instaurata una possibilità di trattamento che può essere di qualsiasi tipo, eventualmente va fatta anche una nuova valutazione neurologica per una diagnosi più precisa, anche se dalla descrizione non sembrerebbe un problema neurologico.

Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
domenica 9 maggio 2010, dopo 41 minuti
modificato dopo 28 minuti
replica #6  -  Segnala allo staff
Risponde dal 2006 il medico

Dr. Matteo Pacini

Specialista in:
Psichiatria
Psicoterapia

Perfezionato in:
Medicina delle dipendenze

Esercita a:
MILANO (MI)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
BRESCIA (BS)

Referente d'area
Indice di partecipazione al sito: 1636
indice medicitalia
Gentile utente,

Il neurologo ha inquadrato il problema come "tic" oppure no ? In che senso ha prescritto un ansiolitico "per poi vedere" ? Nel senso che se scompare con l'ansiolitico non è propriamente un tic ? Tenga presente che l'ansiolitico preso regolarmente dopo un po' esaurisce il suo effetto, quindi anche funzionasse nel lungo termine la soluzione non è sempre efficace. In altri termini: se è un disturbo d'ansia insieme al "tic" la terapia comunque non si risolverebbe all'ansiolitico.
Pertanto la valutazione psichiatrica è consigliabile.

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
domenica 9 maggio 2010, dopo 6 minuti
replica #7  -  Segnala allo staff
Replica dell'
Utente 320xxx
Dott Ruggiero e dott.Pacini V il medico di base mi ha detto che non esiste un problema neurologico,tempo fa consultando un neurologo grazie a lexotan per un mese il tic e' dimuìinuito notevolmente

lunedì 10 maggio 2010, dopo 23 ore
replica #8  -  Segnala allo staff
Replica dell'
Utente 320xxx
Dott Ruggiero e dott.Pacini Vi ringrazio per la Vosta gentile consulenza, il medico di base mi ha detto che non esiste un problema neurologico,e interessa la cura farmacologica;tempo fa consultando un neurologo grazie a lexotan per un mese il tic e' diminuito notevolmente per poi con con l ansia e' ricomparso;un altro neuropsichiatra dopo una visita breve e praticamente senza diagnosi mi aveva prescitto Tavor al bisogno e un percorso di psicoterapia ;il che' non mi ha convinto.Giovedi ho un appuntamento da un altro psichiatra segnalatomi dal mio medico di base,Vi diro' mi sento molto sicuro di questo in quanto mi seguiranno entrambi.Premetto che sin da piccolo ho avuto dei semplici tic motori poi scomparsi con l eta'mentre in un periodo di stress mi e' ricomparso questo ammiccamento del mento e dell'occhio sinistro soprattuto mentre mastico e sono in tensione, associato alla paura di soffocare nella deglutizione che pero' pian piano questa paura si sta esaurendo per fortuna da sola.Chiedo al dott.Pacini:quindi come si fronteggia il disturbo d ansia insieme al tic dato che secondo lei gli psicofarmaci non risolverebbero il problema.Grazie anche al dott.Ruggiero per i suoi consulti brevi ma efficaci.

lunedì 10 maggio 2010, dopo 10 minuti
replica #9  -  Segnala allo staff
Risponde dal 2006 il medico

Dr. Matteo Pacini

Specialista in:
Psichiatria
Psicoterapia

Perfezionato in:
Medicina delle dipendenze

Esercita a:
MILANO (MI)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
BRESCIA (BS)

Referente d'area
Indice di partecipazione al sito: 1636
indice medicitalia
"Problema neurologico" in senso lato è trattandosi comunque di sistema nervoso.
In ogni caso se il solo ansiolitico migliora notevolmente il tic, è da stabilire se esso sia un sintomo di una sindrome ansiosa altrimenti diagnosticabile. Questo può farlo meglio uno psichiatra, ma la cura a lungo termine non dovrebbe essere l'ansiolitico, poiché esso perde il suo effetto e induce semplicemente assuefazione.
Mai affermato che con gli "psicofarmaci" (termine che non uso perché privo di significato) non si risolve il problema, io stavo parlando dell'uso a lungo termine degli ansiolitici tipo il lexotan.


Peraltro l'effetto è aspecifico, per cui non è possibile concludere che se l'ansiolitico funziona nel breve termine non vi sia un classico disturbo da tic.

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
lunedì 10 maggio 2010, dopo 1 minuti
modificato dopo 2 minuti
replica #10  -  Segnala allo staff
Risponde dal 2003 il medico

Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Specialista in:
Psichiatria
Psicoterapia

Perfezionato in:
Psicologia

Esercita a:
AVELLINO (AV)
SOLOFRA (AV)
ISCHIA (NA)

Referente d'area
Indice di partecipazione al sito: 1889
indice medicitalia
Secondo me, a questo punto, la valutazione psichiatrica e' d'obbligo.

Sara' lo psichiatra durante la visita a capire se e' opportuno fare un ulteriore approfondimento neurologico per questo suo problema.


Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
lunedì 10 maggio 2010, dopo 7 minuti
replica #11  -  Segnala allo staff
Replica dell'
Utente 320xxx
Grazie ad entrambi,sarei felice se avrei la possibilita' di potervi aggiornare su questo mio problema dopo la visita di giovedi,ma non so per Voi e' il caso.Grazie

lunedì 10 maggio 2010, dopo 37 minuti
replica #12  -  Segnala allo staff
Risponde dal 2003 il medico

Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Specialista in:
Psichiatria
Psicoterapia

Perfezionato in:
Psicologia

Esercita a:
AVELLINO (AV)
SOLOFRA (AV)
ISCHIA (NA)

Referente d'area
Indice di partecipazione al sito: 1889
indice medicitalia
Se vuole faccia sapere senza problemi.


Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
lunedì 10 maggio 2010, dopo 6 ore
replica #13  -  Segnala allo staff
Replica dell'
Utente 320xxx
Ho effettuato la visita psichiatra:
diagnosi: DISTURBO D ANSIA GENERALIZZATO CON ATTACCHI DI PANICO.
XANAX 0,50 mg cp. div o ALPRAZOLAM
1/2 cp ore 8
1/2 cp ore 14
1 cp ore 21
ENTACT 20 mg cp

1/2 cp al mattino (dopo 10 giorni 1 cp)

lo psichiatra mi ha riferito che in seguito che staro' bene bisognerebbe sottoporsi ad una psicoterapia, prima la terapia farmacologica.

Volevo chiederle un parere grazie

venerdì 14 maggio 2010
replica #14  -  Segnala allo staff
Risponde dal 2003 il medico

Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Specialista in:
Psichiatria
Psicoterapia

Perfezionato in:
Psicologia

Esercita a:
AVELLINO (AV)
SOLOFRA (AV)
ISCHIA (NA)

Referente d'area
Indice di partecipazione al sito: 1889
indice medicitalia
Ok, ora ha una diagnosi psichiatrica.

Il trattamento e' indicato per la diagnosi.

Segua le indicazioni del suo psichiatra.


Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
venerdì 14 maggio 2010, dopo 14 minuti
replica #15  -  Segnala allo staff
Replica dell'
Utente 320xxx
Grazie dott.Ruggiero, spero che i farmaci non mi recano dipendenza e una volta che staro' bene mi auguro di far una buona psicoterapia nella speranza che i costi siano giusti ma contenuti,spero ci sia la possbilita'.

venerdì 14 maggio 2010, dopo 2 ore
replica #16  -  Segnala allo staff
Risponde dal 2006 il medico

Dr. Matteo Pacini

Specialista in:
Psichiatria
Psicoterapia

Perfezionato in:
Medicina delle dipendenze

Esercita a:
MILANO (MI)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
BRESCIA (BS)

Referente d'area
Indice di partecipazione al sito: 1636
indice medicitalia
L'unico farmaco che può generare un legame di dipendenza è lo xanax, che però presumo sia un elemento che poi sarà opportunamente sospeso.
Dopo circa un mese induce assuefazione, cioè perde effetto. La persona però è portata a ritenerlo necessario per due ragioni: una è che è la cosa che ha funzionato più rapidamente all'inizio, la seconda è che essendo assuefatti prima della dose successiva si avvertono sintomi di "astinenza" iniziali, che svaniscono con l'assunzione della dose, e sono scambiati per l'ansia propria del disturbo.

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
venerdì 14 maggio 2010, dopo 3 minuti
replica #17  -  Segnala allo staff
Replica dell'
Utente 320xxx
Grazie dott.Pacini per l'intervento,mi chiedo gia'solo dopo un mese si rischia di essere assuefatti,il foglietto illustrativo parla di non superare le 12 settimane massimo quindi 3 mesi nei quali credo staro'scendendo le dosi fino all esaurimento,almeno credo,Volevo chiederVi se secondo voi con la diminuizione dell'ansia ci potrebbe essere l assorbimento del tic e quindi grazie ai farmaci si elimini automaticamente la paura di deglutire che gia'da sola e' in fase di discesa, credo con l iauto dei farmaci ci potrebbe essere un miglioramento totale,grazie.


venerdì 14 maggio 2010, dopo 6 ore
replica #18  -  Segnala allo staff
Risponde dal 2006 il medico

Dr. Matteo Pacini

Specialista in:
Psichiatria
Psicoterapia

Perfezionato in:
Medicina delle dipendenze

Esercita a:
MILANO (MI)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
BRESCIA (BS)

Referente d'area
Indice di partecipazione al sito: 1636
indice medicitalia
Questo presumo sia appunto il ragionamento del medico. Non con l'aiuto dei farmaci, per azione dei farmaci.

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
sabato 15 maggio 2010, dopo 13 ore
replica #19  -  Segnala allo staff
Replica dell'
Utente 320xxx
Salve dottori, e' quasi una settimana che ho iniziato la cura e devo dire che il tic nervoso assumendo ALPRAZOLAM e' notevolmente dimunuito e anche quando sono a pranzo che come vi dicevo collegavo la mia ansia alla paura di deglutire per non rimanere soffocato l ansia e quindi la paurasi sta riducendo notevolmente, tutto questo con mezza cpr di alprazolam la mattina,mezza al pomeriggio e una alla sera insieme ad ENTACT mezza al mattino.Di questo dovrei informare lo psichiatra,voi cosa ne pensate,ansia e tic nervoso diminuiti notevolmente,sono felicissimo.

sabato 5 giugno 2010
replica #20  -  Segnala allo staff
Risponde dal 2006 il medico

Dr. Matteo Pacini

Specialista in:
Psichiatria
Psicoterapia

Perfezionato in:
Medicina delle dipendenze

Esercita a:
MILANO (MI)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
BRESCIA (BS)

Referente d'area
Indice di partecipazione al sito: 1636
indice medicitalia
Gentile utente,

non capisco due cose:

a) la sua cura prevedeva che dopo dieci giorni aumentasse a 1 la compressa di entact 20. Ne sta ancora prendendo mezza invece.

b) perché attribuisce l'effetto allo xanax quando lei sta assumendo una terapia composta da due cose ?

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
sabato 5 giugno 2010, dopo 17 minuti
replica #21  -  Segnala allo staff
Replica dell'
Utente 320xxx
in effetti la cura l ho iniziata il 1 giugno quindi tra pochi giorni devo aumentare di una,precisamente dall 11 giugno.
No credo a questo punto che sia l effetto di alprazolam e entact insieme o sbaglio? Non sono io lo specialista, mi dica lei sempre ringraziandola per la sua collaborazione.

sabato 5 giugno 2010, dopo 27 minuti
replica #22  -  Segnala allo staff
Risponde dal 2006 il medico

Dr. Matteo Pacini

Specialista in:
Psichiatria
Psicoterapia

Perfezionato in:
Medicina delle dipendenze

Esercita a:
MILANO (MI)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
BRESCIA (BS)

Referente d'area
Indice di partecipazione al sito: 1636
indice medicitalia
Appunto, ma lei menzionava solo l'alprazolam, quindi mi chiedevo perché. Comunque l'effetto si giudica ad almeno un mese. Quello di adesso verosimilmente è quello ansiolitico dell'alprazolam, che viene da subito, ma quello che il medico vuole valutare è l'effetto dell'entact. L'effetto dell'alprazolam è soggetto ad estinzione nel tempo.

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
sabato 5 giugno 2010, dopo 6 minuti
modificato dopo 1 minuti
replica #23  -  Segnala allo staff
Replica dell'
Utente 320xxx
e quindi secondo lei una volta estinto l effetto dell alprazolam puo' ritornare il tic?

sabato 5 giugno 2010, dopo 9 minuti
replica #24  -  Segnala allo staff
Risponde dal 2006 il medico

Dr. Matteo Pacini

Specialista in:
Psichiatria
Psicoterapia

Perfezionato in:
Medicina delle dipendenze

Esercita a:
MILANO (MI)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
BRESCIA (BS)

Referente d'area
Indice di partecipazione al sito: 1636
indice medicitalia
Scusi, ma perché non prende in considerazione che la terapia comprende anche l'entact ?

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
sabato 5 giugno 2010, dopo 5 minuti
replica #25  -  Segnala allo staff
Replica dell'
Utente 320xxx
si certo l avevo trascurato.Secondo lei dottore quanto deve durare la terapia per poi passare dopo alla psicoterapia? ma questa psicoterapia sara' davvero utile dopo.?
Sono contennto perche' grazie all alprazolam e entact il tic nervoso e' sparito, mi sento davvero piu' calmo, non so trasformato,ma poi la dipendenza? come si fa a togliere il dosaggio.grazie

domenica 6 giugno 2010
replica #26  -  Segnala allo staff
Risponde dal 2003 il medico

Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Specialista in:
Psichiatria
Psicoterapia

Perfezionato in:
Psicologia

Esercita a:
AVELLINO (AV)
SOLOFRA (AV)
ISCHIA (NA)

Referente d'area
Indice di partecipazione al sito: 1889
indice medicitalia
E' importante per lei avere risposta a queste domande che rappresentano la volonta' di avere qualche dubbio in merito al trattamento, oppure e' piu' importante che i suoi tic siano scomparsi?


Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
domenica 6 giugno 2010, dopo 7 minuti
replica #27  -  Segnala allo staff
Risponde dal 2006 il medico

Dr. Matteo Pacini

Specialista in:
Psichiatria
Psicoterapia

Perfezionato in:
Medicina delle dipendenze

Esercita a:
MILANO (MI)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
BRESCIA (BS)

Referente d'area
Indice di partecipazione al sito: 1636
indice medicitalia
Gentile utente,

mi sembra si stia ponendo domande inutili e completamente fuori dall'ottica di una cura. Le sto dicendo che la cura consiste anche dell'entact, e Lei va per la sua strada credendo che la soluzione sia la scomparsa dei tic nei primi giorni per effetto dell'alprazolam.
Dipendenza da che cosa ? Non me ne sembra ve ne siano in atto. La necessità di assumere una medicina per averne l'effetto non è una dipendenza nel senso che intende Lei.Non vedo perché porsi il problema di come togliere la cura immediatamente adesso con una fretta priva di senso e non vedo perché dovere avere la risposta da medici che non la conoscono quando ne ha uno che la sta seguendo.


In ultimo: non vedo la logica dello smettere la terapia per passare ad un'altra terapia ? Non è tassativo smettere una cura per passare ad un'altra. La psicoterapia non è una "fase II" della cura di un disturbo psichiatrico, è solo uno strumento diverso e nel caso associabile.


Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Vota il consulto: vota come INUTILE 1 vota come UTILE
domenica 6 giugno 2010, dopo 1 ore
replica #28  -  Segnala allo staff
Replica dell'
Utente 320xxx
Dott Ruggiero le vorrei chiedere, la scomparsa notevole del tic era quindi di tipo ansioso vero? non le nascondo che provo davvero serenita'a vedere che la mia ansia e relativo tic siano notevolmente diminuiti.
Ringrazio il dott.Pacini al quale ho lasciato una votazione di consulto.

lunedì 7 giugno 2010, dopo 20 ore
replica #29  -  Segnala allo staff
Risponde dal 2003 il medico

Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Specialista in:
Psichiatria
Psicoterapia

Perfezionato in:
Psicologia

Esercita a:
AVELLINO (AV)
SOLOFRA (AV)
ISCHIA (NA)

Referente d'area
Indice di partecipazione al sito: 1889
indice medicitalia
Il tic era un possibile fenomeno ansioso che e' scomparso con il trattamento, quindi e' un trattamento adatto al suo problema per il quale non ci sono problemi particolari.
Tra qualche tempo, dopo un periodo sufficiente di terapia, si potrà anche pensare di ridurlo.

Direi che pero' ora non e' il momento di preoccuparsi di questo.

Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
lunedì 7 giugno 2010, dopo 1 ore
replica #30  -  Segnala allo staff
Replica dell'
Utente 320xxx
*Salve dottor Ruggiero dopo la fine della terapia andata bene e' da circa un mese che non prendo piu' ansiolitici, il mio psichiatra mi ha mandato d auna psicologa psicoterapeuta e oggi ho iniziato, l ansia tutt ora la riesco a gestire soddisfacentemente ma ogni tanto ricompaiono questi antipatici tic soprattutto in momenti di stress, ad esempio chiudere e aprire l occhio,qualche smorfia con il mento ecc.lE CHIEDO SE CON LA PSICOTERAPIA posso eliminarli o limitarli eccellentemente,GRAZIE**ATTENZIONE!***
Questo consulto risulta aggiornato a più di DUE MESI fa:
valuta attentamente se la tua risposta può ancora essere utile all'utente!

Se ritieni opportuno inviare comunque il tuo consulto all'utente allora CANCELLA TUTTO QUESTO AVVISO e scrivi qui di seguito, grazie.

venerdì 12 novembre 2010
replica #31  -  Segnala allo staff
Replica dell'
Utente 320xxx
Salve dopo due mesi dalla fine della psicoterapia re' ricomparsa l ansia giornaliere agorafobia somatizzazioni ecc, non vorrei tornare dalla psicoterapeuta in quanto abbiamo finito il programma e' la verita' mi sono stancato dell emdr pur raggiungendo ottimi risultati, la mia intenzione e rivolgermi dal mio psichiatra cosi magari da tornare alla cura iniziale di bassi dosaggi che e' questa:diagnos cosi da ritonare a stare meglio-

DISTURBO D ANSIA GENERALIZZATO CON ATTACCHI DI PANICO.
XANAX 0,50 mg cp. div o ALPRAZOLAM
1/2 cp ore 8
1/2 cp ore 14
1 cp ore 21
ENTACT 20 mg cp

1/2 cp al mattino (dopo 10 giorni 1 cp);
secondo voi e' la strada giusta? qualche consiglio. oltre all ansia inevitabilmente e' tornato il tic ammiccamento del collo che credetemi conseguenza del fatto che di solito mi manca il respiro. grazie

martedì 14 febbraio 2012
replica #32  -  Segnala allo staff
Risponde dal 2003 il medico

Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Specialista in:
Psichiatria
Psicoterapia

Perfezionato in:
Psicologia

Esercita a:
AVELLINO (AV)
SOLOFRA (AV)
ISCHIA (NA)

Referente d'area
Indice di partecipazione al sito: 1889
indice medicitalia
Non ho ben capito e ad oggi sta assumendo tutta la terapia come ha scritto o solo l'antidepressivo.

Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
martedì 14 febbraio 2012, dopo 14 minuti
replica #33  -  Segnala allo staff
Replica dell'
Utente 320xxx
no nulla, ho terminato la psicoterapia 2 mesi fa.. e vorrei tornare dallo psichiatra.

martedì 14 febbraio 2012, dopo 8 minuti
replica #34  -  Segnala allo staff
Risponde dal 2003 il medico

Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Specialista in:
Psichiatria
Psicoterapia

Perfezionato in:
Psicologia

Esercita a:
AVELLINO (AV)
SOLOFRA (AV)
ISCHIA (NA)

Referente d'area
Indice di partecipazione al sito: 1889
indice medicitalia
Quindi, non sta assumendo la terapia farmacologica?

Per quanto tempo l'ha assunta?


Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
martedì 14 febbraio 2012, dopo 5 ore
replica #35  -  Segnala allo staff
Risponde dal 2006 il medico

Dr. Matteo Pacini

Specialista in:
Psichiatria
Psicoterapia

Perfezionato in:
Medicina delle dipendenze

Esercita a:
MILANO (MI)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
BRESCIA (BS)

Referente d'area
Indice di partecipazione al sito: 1636
indice medicitalia
Gentile utente,

Non ha bisogno di sapere se la cura funzionerà. Non ha bisogno di meditare su quale sintomo produce quale altro, anche perché le cose non avvengono in questi termini.

Tornare dallo psichiatra è una cosa logica, così come dallo psicoterapeuta se aveva ottenuto risultati. Non mi sembra che il termine di un ciclo di trattamento le imponga di non riprenderlo se sta di nuovo male, questa è una sua ritrosia.

Non deve partire con concetti paradossali tipo "bassi dosaggi", i dosaggi devono essere quelli che funzionano e li decide il medico. Se segue il suo istinto andrà a farsi vedere tardi, non ripeterà quel che ha funzionato in passato e spingerà i medici a darle dosi inefficaci.

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
mercoledì 15 febbraio 2012, dopo 16 ore
replica #36  -  Segnala allo staff
Replica dell'
Utente 320xxx
dott Ruggiero la cura l ho fatta per circa 6 mesi e alla fine stavo bene pure i tic erano passati. Dott Pacini ho fatto per un anno l emdr e mi sono sfinito ho raccontato tutto abbiamo studiato tutto e mi sento stanco non c e piu' nulla da dire credo, abbiamo fatto un percorso e l ho abbiamo finito, la dottoressa mi ha riferito che l ansia non scomparira' mai e nei casi di stress o altro puo' ritornare come e' ritornata, mia moglie incinta, altri problemi, preoccupazioni, l istinto la ragione e io credo il buon senso mi porta a fare una chiamata allo psichiatra emagari parlarne con lui, in attesa per star bene potrei prendere dei medicinali, la cosa piu' logica e ritornare a dove sono partito.

mercoledì 15 febbraio 2012, dopo 2 ore
replica #37  -  Segnala allo staff
Risponde dal 2006 il medico

Dr. Matteo Pacini

Specialista in:
Psichiatria
Psicoterapia

Perfezionato in:
Medicina delle dipendenze

Esercita a:
MILANO (MI)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
BRESCIA (BS)

Referente d'area
Indice di partecipazione al sito: 1636
indice medicitalia
Gentile utente,

Mi pare che avesse detto che l'emdr aveva funzionato, non è che ci sia da parlare di cose nuove, i trattamenti possono essere ripetuti anche senza stare a parlare a scopo informativo.

Comunque, sei mesi sono pochi, la ricaduta è piuttosto probabile. Perché dopo soli sei mesi ha sospeso la cura ?

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
mercoledì 15 febbraio 2012, dopo 40 minuti
replica #38  -  Segnala allo staff
Replica dell'
Utente 320xxx
Ho seguito le indicazioni dello psichiatra, io mi sentito davvero bene...lei che mi consiglia?

mercoledì 15 febbraio 2012, dopo 1 ore
replica #39  -  Segnala allo staff
Risponde dal 2006 il medico

Dr. Matteo Pacini

Specialista in:
Psichiatria
Psicoterapia

Perfezionato in:
Medicina delle dipendenze

Esercita a:
MILANO (MI)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
BRESCIA (BS)

Referente d'area
Indice di partecipazione al sito: 1636
indice medicitalia
Gentile utente,

6 mesi sono pochi. Lascerei perdere considerazioni sulla ricaduta non attesa. Neanche di ricaduta si può parlare, è una riattivazione di un disturbo che è stato solo curato e bene per un periodo limitato.

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Vota il consulto: vota come INUTILE 1 vota come UTILE
mercoledì 15 febbraio 2012, dopo 6 minuti
replica #40  -  Segnala allo staff
Replica dell'
Utente 320xxx
Salve hi rivisto il mio psichiatra, mi ha riferito che in effetti l emdr che ho svolto con la psicoterapeuta e' andato bene ma crede che il lavoro dovesse essere finalizzato e quindi complicato.
Nel frattempo mi ha dato xanax una cps alla mattina e una alla sera per attenuare questo stato di ansia generalizzato, nel frattempo il tic ammiccamento del collo che mi stava dando fastidio e' quasi scomparso, come mi spiegate questo fatto, e' solo due giorni c he prendo lo xanax, inoltre credo che continuare a fare l emdr con la dottoressa non sia credo la strada giusta,la verita' mi sono stancato credo sia utile la psicoterapia di tipo cognitivo cognitivo anche breve, voi cosa ne pensate? e il tic?

lunedì 27 febbraio 2012
replica #41  -  Segnala allo staff
Risponde dal 2006 il medico

Dr. Matteo Pacini

Specialista in:
Psichiatria
Psicoterapia

Perfezionato in:
Medicina delle dipendenze

Esercita a:
MILANO (MI)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
BRESCIA (BS)

Referente d'area
Indice di partecipazione al sito: 1636
indice medicitalia
Gentile utente,

Non capisco perché la cosa si risolva farmacologicamente sull'ansiolitico che dopo un po' non funzionerà più bene, senza ulteriori indicazioni.



Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
lunedì 27 febbraio 2012, dopo 1 ore
replica #42  -  Segnala allo staff
Replica dell'
Utente 320xxx
no nfatti lo psichiatra mi ha prescritto un periodo breve con xanax ma si rivolgermi alla psicoterapeuta...soltanto che io vorrei fare quella cognitivo comportamentale invece lei lavora sull emdr che secondo me ha fatto il suo corso.

lunedì 27 febbraio 2012, dopo 6 minuti
replica #43  -  Segnala allo staff
Risponde dal 2006 il medico

Dr. Matteo Pacini

Specialista in:
Psichiatria
Psicoterapia

Perfezionato in:
Medicina delle dipendenze

Esercita a:
MILANO (MI)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
BRESCIA (BS)

Referente d'area
Indice di partecipazione al sito: 1636
indice medicitalia
Gentile utente,

Sinceramente la situazione non mi sembra costruttiva. Aveva una cura, è stata sospesa e adesso non è stata rinnovata né indicata una equivalente.

Lei sta ragionando su una scelta che non le compete. Le terapie le sceglie il medico o lo psicologo.

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
giovedì 1 marzo 2012
replica #44  -  Segnala allo staff
Replica dell'
Utente 320xxx
Salve da qualche mese e' iniziata l ansia soprattutto quando organizziamo pranzi con i colleghi oppure quando sono nei grandi supermercati, o quando a casa mia ci sono i miei genitori o amici per un po' di tempo. la psicoterapia l ho finita circa 6 mesi fa e' andato tutto bene sono stato molto bene, e non mi posso piu' permetterne di altra considerando il fatto che oramai abbiamo lavorato su tutto e ho capito le tecniche per l ansia, volevo chiederle credo per attuire un po questa ansia di tipo sociale avrei bisogno di star tranquillo un po,credo con un po di farmaci, cosa mi consigliate, premetto che sn un ragazzo che mi muovo molto faccio sport, e ho diversi interessi. da che cosa puo' dipendere questa ansia?

martedì 26 marzo 2013
replica #45  -  Segnala allo staff
Risponde dal 2006 il medico

Dr. Matteo Pacini

Specialista in:
Psichiatria
Psicoterapia

Perfezionato in:
Medicina delle dipendenze

Esercita a:
MILANO (MI)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
BRESCIA (BS)

Referente d'area
Indice di partecipazione al sito: 1636
indice medicitalia
Gentile utente,

L'indicazione le è già stata data, ovvero fare una visita psichiatrica, in primo luogo per la diagnosi e in secondo luogo per impostare una cura.

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
martedì 26 marzo 2013, dopo 1 ore
replica #46  -  Segnala allo staff
Replica dell'
Utente 320xxx
Salve lo psichiatra mi ha confermato la stessa diagnosi, mi ha prescritto la stessa cura del passato che aveva dato buoni frutti,mi vuole rivedere tra un mese circa,l obbiettivo quello di calmarsi stare bene, molto improbabile un ritorno alla psicoterapia.

DISTURBO D ANSIA GENERALIZZATO CON ATTACCHI DI PANICO.
XANAX 0,50 mg cp. div o ALPRAZOLAM
1/2 cp ore 8
1/2 cp ore 14
1 cp ore 21


ENTACT 20 mg cp
1/2 cp al mattino (dopo 10 giorni 1 cp).
Spero andra' bene.

martedì 26 marzo 2013, dopo 4 ore
replica #47  -  Segnala allo staff
Risponde dal 2006 il medico

Dr. Matteo Pacini

Specialista in:
Psichiatria
Psicoterapia

Perfezionato in:
Medicina delle dipendenze

Esercita a:
MILANO (MI)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
BRESCIA (BS)

Referente d'area
Indice di partecipazione al sito: 1636
indice medicitalia
Gentile utente,

Ha una cura per la sua diagnosi. L'unico appunto è che il tranquillante dopo un mese inizia a non funzionare più come prima, e si sviluppa assuefazione.

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
giovedì 28 marzo 2013
replica #48  -  Segnala allo staff
Replica dell'
Utente 320xxx
ma il tranquillante e' lo xanax? e quindi cosa potrei andare incontro?

giovedì 28 marzo 2013, dopo 15 ore
replica #49  -  Segnala allo staff
Risponde dal 2006 il medico

Dr. Matteo Pacini

Specialista in:
Psichiatria
Psicoterapia

Perfezionato in:
Medicina delle dipendenze

Esercita a:
MILANO (MI)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
BRESCIA (BS)

Referente d'area
Indice di partecipazione al sito: 1636
indice medicitalia
Inutile assuefazione allo xanax con scocciatura poi di doverlo ridurre gradualmente.

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
venerdì 29 marzo 2013, dopo 17 ore
replica #50  -  Segnala allo staff
Replica dell'
Utente 320xxx
secondo lei la sera potrei prenderne mezza di xanax invece di una, al mattino faccio davvero f
fatica ad alzarmi, c8n una stanchezza che sembra sia normale,oppressi pregiudica la cura iniziata il 27 marzo grazie

giovedì 4 aprile 2013
replica #51  -  Segnala allo staff
Risponde dal 2006 il medico

Dr. Matteo Pacini

Specialista in:
Psichiatria
Psicoterapia

Perfezionato in:
Medicina delle dipendenze

Esercita a:
MILANO (MI)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
BRESCIA (BS)

Referente d'area
Indice di partecipazione al sito: 1636
indice medicitalia
Non è possibile fornire indicazioni su come assumere tramite il sito.

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
venerdì 5 aprile 2013, dopo 8 ore
replica #52  -  Segnala allo staff
Replica dell'
Utente 320xxx
OK, la cura che sto facendo e' questa, 1/2 compressa di xanax alle 8 1 compressa di entact, 1/2 compressa di xanax alle 14 e mezza alle 12. Le chiedo cosa ne pensa, nel frattempo lo stato ansioso e' mininuito vertiginosamente, ma c' e' una grande stanchezza, e sonnolenza, ho letto che sono gli effetti collaterali, secondo lei potrei prendere un integratore per tirarmi su, corro dalle 3 alle 4 volte a settimana, le chiedo cosa ne pensa della cura, della stanchezza e nel caso di usare l integratore, il dot lo vedro' tra circa un mese gentilissimi

martedì 9 aprile 2013
replica #53  -  Segnala allo staff
Risponde dal 2006 il medico

Dr. Matteo Pacini

Specialista in:
Psichiatria
Psicoterapia

Perfezionato in:
Medicina delle dipendenze

Esercita a:
MILANO (MI)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
BRESCIA (BS)

Referente d'area
Indice di partecipazione al sito: 1636
indice medicitalia
Gentile utente,
I commenti sono stati già fatti, non mi sembra ci sia niente da aggiungere.

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
sabato 13 aprile 2013
replica #54  -  Segnala allo staff
 

Vuoi rispondere al consulto?


Esegui il login (registrati e inserisci utente e password) e ti apparirà in questo spazio arancione il modulo in cui scrivere il testo.
 
 

 
 
advertising
 

Gratis il tuo consulto ora!

 

Dizionario Medico:

 
 
 
 
 

News dai blog degli specialisti:

 
Medicitalia sito dell'anno 2013
ultima modifica:  01/07/2014 - 5,84        © 2000-2014 medicitalia.it è un marchio registrato di MEDICITALIA s.r.l. - P.I. 01582700090 - staff@medicitalia.it - Fax: 02 89950896        Privacy Policy