0/0
Aggiungi ai preferiti

Depressione?


giovedì 12 aprile 2012 da Utente 247xxx
Buongiorno staff di Medicitalia.
Sono una ragazza di diciannove anni e da ormai cinque anni a questa parte ( con un netto peggioramento negli ultimi due ) accuso dei sintomi ( a mio parere ) dovuti a una patologia dell'umore.
Dopo le scuole medie, appena iniziate le superiori, ho cominciato a non credere più in me stessa e ad avere difficoltà dal punto di vista scolastico ( cali di concentrazione e di memoria, nonché una profonda sfiducia nelle mie capacità ). Col tempo ho iniziato a soffrire di ansia, accompagnata da una perenne angoscia, corredata da scatti di rabbia e comportamenti aggressivi, per non parlare di quanto mi senta triste e apatica, il mio unico rifugio è diventato il letto. Tutto ciò ha determinato delle profonde ferite nel rapporto che ho con mia madre, la quale attribuisce il mio comportamento ad una presunta svogliatezza. Col tempo ho iniziato a preferire la solitudine, alienandomi quasi completamente dal resto del mondo, cosa alla quale ho contribuito rifiutando di partecipare a qualsiasi iniziativa mi venisse proposta. Provo ogni giorno un infinito senso di colpa e anche molta vergogna per ciò che sono. Ora ho deciso di rivolgermi ad uno specialista, nonostante il disappunto delle persone che ho attorno, le quali credono che sia un qualcosa di passeggero.
Vorrei sapere se le mie preoccupazioni hanno motivo di esistere.
Grazie per l'attenzione, spero che mi rispondiate presto.

Segnala allo staff

Risponde dal 2011 lo psicologo

Dr. Paola Scalco

Risponde in:
Psicologia

Specialista in:
Psicoterapia

Perfezionato in:
Sessuologia

Esercita a:
CASTELL'ALFERO (AT)
NIZZA MONFERRATO (AT)

Indice di partecipazione al sito: 264
indice medicitalia
Gentile Ragazza,
ritengo sia corretto dar voce e ascoltare il suo disagio con l'aiuto di uno specialista.
Il suo umore e le emozioni negative che descrive è bene siano oggetto di approfondimento da parte sua, pur senza preoccupazione eccessiva.
Per quale motivo i suoi famigliari osteggiano questa sua decisione?
Ha già incontrato lo specialista (psicoterapeuta?) a cui ha deciso di rivolgersi?

Cordialità.

Dr.ssa Paola Scalco, Psicologa
specialista in Psicoterapia Cognitiva
perfezionata in Sessuologia Clinica
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
giovedì 12 aprile 2012, dopo 13 minuti
replica #1  -  Segnala allo staff
Replica dell'
Utente 247xxx
Gentile Dottoressa Scalco, le sono infinitamente grata per avermi dato una risposta in così poco tempo.
Vede, come ho già scritto, mia madre ritiene che il mio malumore dipenda da una non meglio nota "svogliatezza" con la quale affronto le situazioni.
Ho individuato un possibile specialista al quale rivolgermi, vedrò di contattarlo a breve.
Cordiali saluti.

giovedì 12 aprile 2012, dopo 11 minuti
modificato dopo 5 minuti
replica #2  -  Segnala allo staff
Risponde dal 2011 lo psicologo

Dr. Antonio Raia

Risponde in:
Psicologia

Esercita a:
MONTESARCHIO (BN)
SOMMA VESUVIANA (NA)
BENEVENTO (BN)
AVELLINO (AV)

Indice di partecipazione al sito: 10
indice medicitalia
Gentile ragazza,
è comprensibile, ma non giustificabile, il fatto che le persone che le stanno intorno attribuiscono le sue problematiche ad una presunta svogliatezza. Questo accade per vari motivi, primo su tutti il non voler vedere qualcosa che in primis farebbe soffrire loro.
Rispondendo alla sua domanda rispetto a quanto sia preoccupante il suo stato le dico che, a mio parere, non è tanto importante quanto sia preoccupante a livello clinico il suo malessere ma ciò che dovrebbe chiedersi è quanto la fa soffrire questa situazione. Sarà appunto a partire da questa consapevolezza, al di la di cosa pensano gli altri, che lei potrà oppure meno decidere di parlarne con uno Psicologo.
Nella speranza di esserle stato un minimo di aiuto,
le auguro una serena giornata.
Saluti,
Antonio Raia
3298029784
www.psicologibenevento.it

Dr. Antonio Raia
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
giovedì 12 aprile 2012, dopo 1 minuti
replica #3  -  Segnala allo staff
Replica dell'
Utente 247xxx
La ringrazio Dottor Raia per il suo intervento, ha sottolineato un altro aspetto molto importante che non avevo considerato.
Dunque Lei ritiene che, in un certo modo, l'atteggiamento dei miei cari sia egoistico?
Cordiali saluti.


giovedì 12 aprile 2012, dopo 2 ore
replica #4  -  Segnala allo staff
Risponde dal 2008 lo psicologo

Dr. Giuseppe Santonocito

Risponde in:
Psicologia

Specialista in:
Psicoterapia

Esercita a:
FIRENZE (FI)
SIGNA (FI)

Referente d'area
Indice di partecipazione al sito: 1107
indice medicitalia
>>> Vorrei sapere se le mie preoccupazioni hanno motivo di esistere.
>>>

Una richiesta come questa, se si considera il fatto che non ti conosciamo e che non possiamo quindi sapere nulla di te, tradisce ulteriormente il tuo grande senso di colpa. Ti senti talmente in colpa, anche per il tuo stare male, che arrivi a domandarti in qualche modo se è "lecito" che le tue preoccupazioni esistano.

Ma non c'è bisogno di "motivi" perché esistano delle preoccupazioni: se ci sono, tanto basta a giustificarne l'esistenza.

Tuttavia l'umore depresso e la perdita di fiducia nelle proprie capacità possono essere mantenute da blocchi emotivi o convinzioni erronee, che possono essere affrontate e risolte in sede specialistica.


Dr. Giuseppe Santonocito - Psicologo Psicoterapeuta
Specialista in psicoterapia breve strategica
www.giuseppesantonocito.it
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
giovedì 12 aprile 2012, dopo 2 ore
replica #5  -  Segnala allo staff
Replica dell'
Utente 247xxx
Dottor Santonocito, ogni qual volta ho tentato di far comprendere a qualcuno a me vicino, se così si può dire, le preoccupazioni che sento, quel qualcuno mi ha puntualmente risposto come riportato di seguito : "Passerà" - "Ingrandisci le cose" - "Non hai motitvo di preoccuparti" - "Inventi scuse". Inoltre devo aggiungere che mia madre, la quale non ha mai capito ciò che provo, ha da sempre peggiorato la situazione traendo conclusioni errate e offendendomi a più non posso. Quindi oggi come oggi non riesco facilmente a legittimare il mio malessere dato che da sempre è stato sottovalutato. Finalmente sono giunta alla conclusione che dopo cinque anni non è possibile che sia "qualcosa di passeggero" o che dipenda dalla mia "svogliatezza".
Saluti.

giovedì 12 aprile 2012, dopo 3 ore
replica #6  -  Segnala allo staff
Risponde dal 2009 lo psicologo

Dr. Rosa Riccio

Risponde in:
Psicologia

Specialista in:
Psicoterapia

Esercita a:
MILANO (MI)

Indice di partecipazione al sito: 164
indice medicitalia
"Dottor Santonocito, ogni qual volta ho tentato di far comprendere a qualcuno a me vicino, se così si può dire, le preoccupazioni che sento, quel qualcuno mi ha puntualmente risposto come riportato di seguito : "Passerà" - "Ingrandisci le cose" - "Non hai motitvo di preoccuparti" - "Inventi scuse"."

Gentile ragazza,
posso comprendere che tu ti possa sentire in colpa e che possa pensare che il tuo malessere non abbia dignità di esistere.
La realtà, però, è che a tutti può capitare di stare male e che non c'è nulla di sbagliato in questo.
Il tuo malessere è legittimo ed è giusto che tu te ne prenda cura.

un caro saluto e in bocca al lupo

Dr.ssa Rosa Riccio
Psicologa-Psicoterapeuta, perfezionata in psicopatologia forense
www.milanopsicologo.it
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
giovedì 12 aprile 2012, dopo 8 minuti
replica #7  -  Segnala allo staff
Replica dell'
Utente 247xxx
La ringrazio Dottoressa Riccio per il suo augurio. La settimana prossima inizierò ad essere seguita da uno specialista, ma nonostante ciò mia madre continua ad essere titubante, aggressiva, fredda e ferma sulle sue convinzioni.
Cordiali Saluti.

giovedì 12 aprile 2012, dopo 6 minuti
replica #8  -  Segnala allo staff
Risponde dal 2008 lo psicologo

Dr. Giuseppe Santonocito

Risponde in:
Psicologia

Specialista in:
Psicoterapia

Esercita a:
FIRENZE (FI)
SIGNA (FI)

Referente d'area
Indice di partecipazione al sito: 1107
indice medicitalia
>>> ma nonostante ciò mia madre continua ad essere titubante
>>>

Bene, quello è un suo diritto. Il tuo, è di cercare aiuto.


Dr. Giuseppe Santonocito - Psicologo Psicoterapeuta
Specialista in psicoterapia breve strategica
www.giuseppesantonocito.it
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
venerdì 13 aprile 2012, dopo 11 ore
replica #9  -  Segnala allo staff
Risponde dal 2010 lo psicologo

Dr. Valeria Randone

Risponde in:
Psicologia

Perfezionato in:
Sessuologia

Esercita a:
CATANIA (CT)

Referente d'area
Indice di partecipazione al sito: 983
indice medicitalia
Cara Ragazza,
Spesso sono proprio i genitori a sentirsi in colpa ed a vivere sentimenti di inadeguatezza, per la non senita' e felicita' dei figli.
Nella non accettazione del suo malessere potrebbe celarsi la paura da parte di sua madre, di non essere stata una buona madre e, confondere la svogliatezza con il dolore, e' una strategia per non affrontarlo.
Un possibile percorso di chiarificazione e di decodifica del suo disagio, credo sia la strada piu' consona.
Su soli diciannove anni, cinque di malessere, mi sembrano tanti per poter parlare di qualita' di vita.
Vedra' che con l' aiuto di un clinico, sapra' elaborarsi i sensi di colpa per cio' che prova e ripartire da dove si era smarrita.

Cordialmente.
Dr.ssa Valeria Randone,perfezionata in sessuologia clinica.
www.valeriarandone.it
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
venerdì 13 aprile 2012, dopo 1 ore
replica #10  -  Segnala allo staff
Risponde dal 2010 lo psicologo

Dr. Sarah Cervi

Risponde in:
Psicologia

Esercita a:
BRACCIANO (RM)
ROMA (RM)

Indice di partecipazione al sito: 10
indice medicitalia
Gentile ragazza,
il fatto che lei non si sia sentita compresa da sua madre, che come lei afferma "non ha mai capito ciò che provo" può aver influito (insieme ad altre cause) sul senso di solitudine che lei ha sviluppato e i suoi sentimenti di depressione. Il termine "svogliatezza" si riferisce normalmente ad un atteggiamento che spesso viene valutato come "superficiale" (un suo sinonimo è "pigrizia"), mentre a me pare che in realtà il suo non sia affatto un modo superficiale di affrontare la vita, infatti lei vuole cercare delle risposte, prendendosi cura di sè, andando, appunto, a fondo della cosa... e questo, a 19 anni, non è affatto un atteggiamento superficiale! Lo stesso modo lo utilizzi per scegliere il terapeuta che la seguirà, non accetti passivamente il primo che le capita anche se non "la convince", anche se con lui non trova il feeling che è necessario per poter fare un buon lavoro insieme. Lei è libera di scegliere.
Complimenti e un augurio di un buon "lavoro" (terapeuticamente parlando)!



Dr.ssa Sarah Cervi
www.psicologadellosviluppo-roma.blogspot.com
www.sarahcervi.it
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
venerdì 13 aprile 2012, dopo 15 minuti
modificato dopo 3 minuti
replica #11  -  Segnala allo staff
Replica dell'
Utente 247xxx
Cari dottori, l'unica grande paura che avverto in questo momento è che un domani possa aver ragione mia madre, che in realtà io sia una persona svogliata, bugiarda, irrispettosa e piena di colpe, e soprattutto ho paura che lei continuerà a rinfacciarmi i miei errori per tutto il resto della mia vita, così come ha fatto finora, ed io continuerò a sentirmi fragile e a non reagire.
Cordiali saluti.

venerdì 13 aprile 2012, dopo 3 ore
modificato dopo 11 minuti
replica #12  -  Segnala allo staff
Risponde dal 2008 lo psicologo

Dr. Giuseppe Santonocito

Risponde in:
Psicologia

Specialista in:
Psicoterapia

Esercita a:
FIRENZE (FI)
SIGNA (FI)

Referente d'area
Indice di partecipazione al sito: 1107
indice medicitalia
Bene, ma anche per sconfiggere questa paura, la terapia potrebbe essere la via più semplice.


Dr. Giuseppe Santonocito - Psicologo Psicoterapeuta
Specialista in psicoterapia breve strategica
www.giuseppesantonocito.it
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
venerdì 13 aprile 2012, dopo 9 minuti
replica #13  -  Segnala allo staff
Replica dell'
Utente 247xxx
Mia madre continua a ripetermi che le mie sono soltanto scuse, ho quasi la tentazione di lasciar perdere anche questa volta.

venerdì 13 aprile 2012, dopo 3 minuti
replica #14  -  Segnala allo staff
Risponde dal 2008 lo psicologo

Dr. Giuseppe Santonocito

Risponde in:
Psicologia

Specialista in:
Psicoterapia

Esercita a:
FIRENZE (FI)
SIGNA (FI)

Referente d'area
Indice di partecipazione al sito: 1107
indice medicitalia
E cosa pensi che potremmo fare, da qui, per toglierti questa tentazione?

Dr. Giuseppe Santonocito - Psicologo Psicoterapeuta
Specialista in psicoterapia breve strategica
www.giuseppesantonocito.it
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
venerdì 13 aprile 2012, dopo 6 minuti
replica #15  -  Segnala allo staff
Risponde dal 2012 lo psicologo

Dr. Roberto Callina

Risponde in:
Psicologia

Specialista in:
Psicoterapia

Esercita a:
MILANO (MI)

Indice di partecipazione al sito: 106
indice medicitalia
Cara ragazza,

non crede che lasciar perdere anche questa volta sia un po' come riconoscere che in fondo sua madre ha ragione a dire che si tratta solo di "svogliatezza"?
Non crede che il suo diritto a stare bene debba venire prima di ogni altra cosa?

Invece di "lasciar perdere" provi a "lasciar perdere i sensi di colpa" per un momento.
Si faccia aiutare da un professionista: avrà modo di gestire anche i suoi sensi di colpa nella giusta sede.

Un caro saluto e in bocca al lupo.

Dr. Roberto Callina - Psicologo Psicoterapeuta
Specialista in psicoterapia dinamica - milano
www.robertocallina.com
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
venerdì 13 aprile 2012, dopo 6 minuti
replica #16  -  Segnala allo staff
Replica dell'
Utente 247xxx
Nulla, avete già fatto tanto, vi ringrazio per avermi ascoltata e per aver dato importanza ai miei pensieri. Ora tocca a me stringere i denti e smetterla di farmi influenzare da quello che mi dice mia madre.

venerdì 13 aprile 2012, dopo 0 minuti
replica #17  -  Segnala allo staff
Replica dell'
Utente 247xxx
Dottor Callina, spero che vinca la mia voglia di star bene e che le parole di mia madre, una volta iniziata la terapia, smettano di farmi soffrire così tanto.
Saluti.

venerdì 13 aprile 2012, dopo 9 minuti
replica #18  -  Segnala allo staff
Risponde dal 2010 lo psicologo

Dr. Sarah Cervi

Risponde in:
Psicologia

Esercita a:
BRACCIANO (RM)
ROMA (RM)

Indice di partecipazione al sito: 10
indice medicitalia
Credo che la terapia possa davvero esserle utile, anche per conoscersi un po' meglio... da quello che dice: "l'unica grande paura che avverto in questo momento è che un domani possa aver ragione mia madre, che in realtà io sia una persona svogliata, bugiarda, irrispettosa e piena di colpe, e soprattutto ho paura che lei continuerà a rinfacciarmi i miei errori per tutto il resto della mia vita..." sembra che lei non si conosca abbastanza, che non sappia come lei realmente è e che cerchi in sua madre una conferma o disconferma di come lei è o che sia tentata di adattarsi a ciò che sua madre si aspetta da lei o che sta proiettando su di lei.
Alla sua età è naturale oscillare tra il desiderio di svincolarsi da ciò che gli altri significativi si aspettano da noi, camminando verso una propria indipendenza e individuazione e la sensazione di non riuscire ad uscire da certe dinamiche ed influenze, tra il pensare ancora ai nostri genitori come "detentori della verità" e il pensare che forse in realtà non è proprio così... provi a non mollare e a portare avanti la sua decisione.

In bocca al lupo!



Dr.ssa Sarah Cervi
www.psicologadellosviluppo-roma.blogspot.com
www.sarahcervi.it
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
venerdì 13 aprile 2012, dopo 1 ore
modificato dopo 2 minuti
replica #19  -  Segnala allo staff
 

Vuoi rispondere al consulto?


Esegui il login (registrati e inserisci utente e password) e ti apparirà in questo spazio arancione il modulo in cui scrivere il testo.
 
 
 
 
advertising
 

Gratis il tuo consulto ora!

 
 
 
 

News dai blog degli specialisti:

 
Medicitalia sito dell'anno 2013
ultima modifica:  01/07/2014 - 0,30        © 2000-2014 medicitalia.it è un marchio registrato di MEDICITALIA s.r.l. - P.I. 01582700090 - staff@medicitalia.it - Fax: 02 89950896        Privacy Policy