0/0
Aggiungi ai preferiti

Saw palmetto - serenoa repens quale rimedio naturale alternativo alla finasteride per contrastare la


sabato 28 aprile 2012 da Utente 231xxx
Ho 34 anni, e da una decina d'anni i miei capelli hanno iniziato a cadere progressivamente :(

Sette anni fa cominciai ad assumere compresse di Proscar tagliate in 5, per ottenere il milligrammo di finasteride che dovrebbe essere sufficiente a contrastare il DHT.

Non ottenendo un risultato positivo, passai alle compresse di Propecia, e nemmeno con quelle ho avvertito un arresto della miniaturizzazione e del defluvium.

Ad aprile 2011, a seguito di analisi ematochimiche di routine, mi risultarono le transaminasi un bel po' alte, e fui ricoverato una settimana al Policlinico della mia città, al fine di diagnosticare la causa.

I medici conclusero che l'innalzamento delle transaminasi era stato causato da mononucleosi, e mi raccomandarono, comunque, di evitare di fare qualsiasi cosa che potesse sovraccaricare l'attività epatica.

Preciso che bevo alcolici nella misura di un bicchiere di vino a cena (e nemmeno tutti i giorni), una birra il sabato sera, ed un amaro ogni tanto; non fumo; non bevo caffè; non sono un tipo sedentario [la mia professione (sono appartenente ad un corpo di polizia statale) è non poco movimentata].

Le transaminasi adesso sono rientrate nella norma.

Recentemente, navigando sul sito calvizie.net, mi sono imbattuto su un prodotto non di sintesi, il saw-palmetto (serenoa repens), che dovrebbe inibire il DHT.

Gradirei avere un Vs. qualificato parere in merito.

In attesa di un Vs. cortese riscontro, Vi saluto cordialmente

Segnala allo staff

Risponde dal 2000 il medico

Dr. Gino Alessandro Scalese

Specialista in:
Urologia

Perfezionato in:
Andrologia

Esercita a:
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Referente d'area
Indice di partecipazione al sito: 546
indice medicitalia
Dal mio punto di vista l'efficacia di tale prodotto è sicuramente inferiore a quello della finasteride. Quindi difficilmetne trarrà sicuri benefici.

Cordiali saluti
Gino Scalese
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
domenica 29 aprile 2012, dopo 5 ore
replica #1  -  Segnala allo staff
Risponde dal 2000 il medico

Dr. Gino Alessandro Scalese

Specialista in:
Urologia

Perfezionato in:
Andrologia

Esercita a:
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Referente d'area
Indice di partecipazione al sito: 546
indice medicitalia
In merito alla fiasteride è il farmaco che agisce più efficacemente e con meccanismi ben noti sul metabolismo del testosterone ed è quindi da ritenersi più efficace rispetto ai comuni integratori.

Cordiali saluti
Gino Scalese
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
lunedì 30 aprile 2012, dopo 23 ore
modificato dopo 1 minuti
replica #2  -  Segnala allo staff
Risponde dal 2000 il medico

Dr. Diego Pozza

Specialista in:
Andrologia
Chirurgia generale
Endocrinologia
Oncologia medica

Perfezionato in:
Urologia

Esercita a:
ROMA (RM)
MANCIANO (GR)

Indice di partecipazione al sito: 709
indice medicitalia
caro lettore,


è chiaro che l'assunzione di farmaci che agiscono sui fattori ormonali che regolano lo svipullpo del sistema pilifero potrebbe essere non "positiva" per l'organismo salvo la possiblità di interreagire nei delicati meccanismi sessuali.
E' il paziente che deve decidere se intraprendere tale forma di terapia, che importanza rivestita da miglioramento del sistema pilifero ed i potenziali rischi della terapia.
Cari saluti

Dott. Diego Pozza
www.andrologia.lazio.it
www.andrologiaroma.net
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
lunedì 30 aprile 2012, dopo 8 ore
replica #3  -  Segnala allo staff
Replica dell'
Utente 231xxx
Gent.mo Dott. Scalese,
essendo la finasteride un farmaco, la sua assunzione, a lungo andare, non provoca danni al fegato, ai reni, e ad altri organi?

lunedì 30 aprile 2012, dopo 12 ore
replica #4  -  Segnala allo staff
Risponde dal 2000 il medico

Dr. Gino Alessandro Scalese

Specialista in:
Urologia

Perfezionato in:
Andrologia

Esercita a:
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Referente d'area
Indice di partecipazione al sito: 546
indice medicitalia
Gentile utente,
un uso prolungato della finasteride non determina alterazioni epatiche o renali. Essa va usata con cautela negli epatopatici o nei soggetti affetti da insufficienza renale.

Piuttosto secondo le più recenti raccomandazioni della FDA Americana esistono delle modifiche agli effetti collaterali della finasteride che sono:

1) Finasteride 1 mg (Propecia) può determinare alterazioni della libido, disturbi della eiaculazione e dell'orgasmo che possono permanere dopo la sospensione del farmaco.
2) Finasteride 5 mg può determinare una diminuzione della libido che può continuare anche dopo la sospensione del farmaco.
3) La finasteride 1 e 5mg può determinare alterazioni della fertilità maschile e / o della qualità del liquido seminale che si normalizza o migliora dopo la sospensione del farmaco.
4) Finasteride finasteride 1 mg e 5 mg possono determinare disfunzione erettile che può continuare dopo la sospensione del farmaco.

La FDA ha approvato finasteride 5 mg nel 1992 per trattare l'iperplasia prostatica benigna e la finasteride 1 mg nel 1997 per il trattamento di alopecia androgenica negli uomini. Finasteride 1 mg viene utilizzato anche off-label per il trattamento dei peli superflui del viso delle donne. E 'stato anche studiato per la chemioprevenzione del cancro alla prostata ma questo uso non è stato approvato dalla FDA.


Cordiali saluti
Gino Scalese
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
lunedì 30 aprile 2012, dopo 1 ore
replica #5  -  Segnala allo staff
 

Vuoi rispondere al consulto?


Esegui il login (registrati e inserisci utente e password) e ti apparirà in questo spazio arancione il modulo in cui scrivere il testo.
 
 
 
 
advertising
 

Gratis il tuo consulto ora!

 
 
 
 
 
Medicitalia sito dell'anno 2013
ultima modifica:  01/07/2014 - 0,09        © 2000-2014 medicitalia.it è un marchio registrato di MEDICITALIA s.r.l. - P.I. 01582700090 - staff@medicitalia.it - Fax: 02 89950896        Privacy Policy