Utente 249XXX
gentilissimi dottori,
da diverso tempo ormai (3 anni) mi porto dietro un problema di disfunzione erettile. Faccio fatica a raggiungere la piena erezione e se la raggiungo non persiste...inoltre non ho mai erezioni spontanee durante la mattina se non qualche accenno(cioè come se fosse partito lo stimolo ma qualcosa bloccasse l'afflusso di sangue) ora il problema sembra proprio essere cronico e voglio sbarazzarmene e ho già prenotato una visita specialistica. Con un po' di presunzione sono convinto che i fattori emotivi abbiano un ruolo marginale se non addirittura nullo nella mia situazione poichè non mi sento nessun problema nella mia coscienza e mai l'ho sentito. Io sono convinto che il mio problema abbia origine organica. In questi anni non ho mai avvertito dolori o sintomi e anche per questo non ho preso coscienza del mio problema. Lo scorso 24 ottobre però ho ritirato l'esame delle urine che per anni non avevo fatto;questi i risultati atipici: presenza di globuli rossi, leucociti e muco. Per altri 2 mesi, a causa di una lunga vacanza non mi sono preoccupato. 10 giorni fa il mio medico mi ha riproposto l'esame delle urine che a distanza di quasi 3 mesi hanno riportato i medesimi valori atipici. Il mio medico, portato a conoscenza della mia disfunzione erettile, ha pensato a una prostatite e voleva sottopormi a una cura di antibiotici. Ho rifiutato preferendo l'esito dello specialista. Ho passato diverse notti a documentarmi e ho letto che la prostatite cronica può manifestarsi senza sintomi e allo stesso tempo portare disfunzione erettile. Ho consultato online un andrologo che mi dirige sulla strada della congestione infiammatoria pelvico-prostatica. Leggendo varie risposte noto però che molti andrologi escludono a priori problemi organici su ragazzi 20enni per il semplice fatto di essere 20enni. Devo aggiungere che a volte sento pesantezza al livello del perineo soprattutto se sto seduto per molto tempo. Ora le domande: quale può essere la causa di disfunzione erettile in un 20enne(escludendo i fattori emotivi)? Può esserci un nesso tra i miei esami delle urine e la mia disfunzione erettile? é verosimile l'ipotesi di prostatite cronica? e se così fosse per quanto tempo dovrei ancora convivere con la mia disfunzione? può una prostatite persistere per anni senza causare dolori?C'è un bravo andrologo di verona fra voi in gradi di prendere in mano l'intera situazione? vi ringrazio per le risposte e vi prego di rispondere con la consapevolezza che un problema di questo tipo su un ragazzo 22enne va oltre al problema stesso...

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Daniel Bulla
48% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2003
Gentile utente,
dalla lettura della sua mail non si direbbe che l'aspetto emotivo non abbia nessuna rilevanza nel suo caso. Oltretutto non credo che qualche notte su internet riesca a prepararla al punto da sapere cosa è il suo problema e cosa non è.

Senza dubbio lei ha fatto una scelta molto saggia nel prenotare una visita specialistica, però secondo me ci vada con un animo più sereno e fiducioso, quale non mi sembra lei abbia in questo momento, altrimenti perchè, ancora prima dello specialista, provare a chiedere informazioni in rete?
In sintesi, non faccia in modo che il suo problema non divenga davvero una questione emotiva, ma cerchi di affrontarlo lucidamente.

Cordialmente

Daniel Bulla

dbulla@libero.it
[#2] dopo  
Utente 249XXX

Iscritto dal 2007
Grazie dottor Bulla, Lei ha sicuramente ragione. Probabilmente i fattori emotivi operano nel mio subconscio senza che io me ne renda conto. Proprio per questo voglio prima escludere (con esami appropriati) l'esistenza di problemi organici per poi operare su eventuali problemi psicologici. Però, cari dottori, proprio perchè nessuno è in grado di raggiungere le vostre conoscenze in poche notti ho formulato le seguenti domande:quale può essere la causa di disfunzione erettile in un 20enne(escludendo i fattori emotivi)? Può esserci un nesso tra i miei esami delle urine e la mia disfunzione erettile? é verosimile l'ipotesi di prostatite cronica?può una prostatite persistere per anni senza causare dolori? Queste sono domande di carattere tecnico alle quali una risposta la potete dare. E' vero che ho prenotato già una visita specialistica. Ma allo specialista farò le stesse domande e quello che a me interessava era avere una serie di pareri di carattere tecnico da dottori diversi per capire se alle mie domande esiste un unicità o una pluralità di risposte. Grazie
[#3] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore 24944,

ho l'impressione che i suoi problemi siano stati affrontati in maniera non idonea
cerchi di consultare il dottor Giorgio Piubello, Andrologia, Borgo Roma gpiubello@libero.it.
Cari saluti
[#4] dopo  
Utente 249XXX

Iscritto dal 2007
Grazie dr Pozza, Ho appena mandato una mail per prenotare una visita andrologica dal dottor Piubello. Mi auguro ora di avviare un percorso che porti a una soluzione stabile del mio problema... se soluzione c'è...