Utente 219XXX
Buongiorno gentili Medici

da anni era mia convinzione di avere la pressione tendente un pò verso l'alto, tanto che quando occasionalmente me la facevo misurare o dal mio medico o dagli infermieri nella struttura in cui svolgevo servizio, era sempre tra 130 e 140, il più delle volte tra 135 e 140 mmHg. Ora ho acquistato un misuratore Omron M 6, che dicono preciso e attendibile, con tolleranza riportata di 3 mmHg. Per farla breve, la misurazione dei valori che ora constato, effettuata al mattino entro un'ora dal risveglio, sono valori tipo 105 su 68, o 103 su 67, o 107 su 70, insomma intorno a quei valori lì, con numero pulsazioni di 55 - 58 al minuto. Vorrei capire se l'ansia da "camice bianco" può davvero tanto e come, e se per i valori da me riscontrati posso stare tranquillo, o devo preoccuparmi perchè sono troppo bassi. Per completezza devo dire che sono, per problemi urologici, in terapia con terazosina da diversi anni, e questa notoriamente abbassa un pò la pressione per favorire lo svuotamento, anche se non ho mai capito di quanto l'abbassa rispetto alla condizione di non assunzione. Ma assumevo terazosina anche quando medici e infermieri mi riportavano quei valori tendenti all'alto di cui citai..
Cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, i suoi attuali valori pressori vanno considerati nella norma considerata la terapia farmacologica cui è sottoposto e il caldo estivo. L'innalzamento pressorio durante visita medica è fenomeno fisiologico ben noto, legato essenzialmente ad un incremento di adrenalina nel nostro organismo, e non necessita di particolare attenzione clinica.
Stia pure tranquillo. Saluti
[#2] dopo  
Utente 219XXX

Iscritto dal 2006
Grazie dottor Martino

si, ma qui non è solo questione di ansia da "camici bianchi". Le dico questa. L'altra sera sono giunti da me alcuni familiari che con tutte le loro domande e questioni varie che mi mettono sempre un bel pò di ansia, anche se ovviamente fa piacere rivederli. Poi hanno visto l'apparecchio per misurare la pressione e se la sono voluta misurare, poi l'ho misurata pure io con loro vicino e sentivo i battiti nel braccio contro il bracciolo che si gonfiava, e gli ho detto "me la sento, vedrai che è alta", ed infatti la massima era circa 150! ho dato la colpa allo stress per i ll lavoro appena terminato (seguo ragazzi in disagio psichico e quindi poteva essere). Comunque, andati via loro, mi sono steso al buio per neanche 10 minuti, poi sono tornato a misurarla: due misurazioni, 110 e 108....ma è normale un lavoro del genere??
poi l'altra sera e ieri sera, sempre appena tornato dal lavoro (turno continuato di sette ore), per vedere se lo stress post - servizio poteva incidere (nel mio caso) sui valori pressori: 105 su 70 e 100 su 67, con frequenze cardiache intorno a 65..coi parenti vicino avevo quasi 90 pulsazioni....
Lei mi dirà che sarà normale, però questi scostamenti non sono piacevoli...
Cordialmente La saluto