Utente 251XXX
ho notato che l'unghia del secondo dito del piede si sta staccando lateralmente. Considerando che il colore e lo spessore dell'unghia non è cambiato, che non provo dolore e che la pelle del dito non è irritata, oltre al fatto che non ho subito traumi, vorrei chiedervi se potreste indicarmi di che potrebbe trattarsi.
grazie per l'attenzione

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2005
Gentile utente,
un onicolisi latero-distale della lamina unguale può essere ricondotta a molteplici patologie degli annessi, non ultima un'onicomicosi dermatofitica (non candidosica)
utile la valutazione dermatologica (per la diagnosi corretta, la quale ribadisco essere non solo attribuibile ad una onicomicosi in tal sede) corredata se è il caso da un esame colturale (più utile di quello microscopico).

Cari Saluti.
Dott. Luigi LAINO
Dermatologo e Venereologo, ROMA
[#2] dopo  
Dr. Antonio Del Sorbo
28% attività
12% attualità
12% socialità
SCAFATI (SA)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2004
Egr. utente da Milano,
lo "scollamento" o onicolisi laterale della lamina ungueale si può manifestare in diverse affezioni dell'unghia, sia di tipo infettivo (es: tinea unguium da dermatofiti del tipo Trycophyton, Microsporum, Epidermophyton, infezione da muffe del tipo scopulariopsis brevicaulis, infezione da lieviti del tipo Candida albicans, etc) sia di natura non infettiva (es: onicodistrofia, psoriasi, lichen, etc). E' importante quindi effettuare una visita specialistica presso il Suo dermatologo di zona per poter giungere ad una diagnosi e ad una terapia definitiva. L'esame microscopico miceti (sigla MIC MIC) è spesso utilizzato dal dermatologo per avere la certezza dell'eventuale infezione e per poter identificare l'agente microbico responsabile. L'esame può essere eseguito in pochi secondi presso qualsiasi dermatologo o anche in laboratorio. Esso consiste nel prelevare con uno strumento simile a delle comuni forbici le squame provenienti dall'unghia ed osservarle al microscopio previa opportuna preparazione. La risposta si ha nel giro di qualche giorno. In alcuni casi, quando ad esempio la diagnosi clinica di onicomicosi è abbastanza evidente, lo specialista "bypassa" tale esame e procede direttamente con una terapia a base di antimicotici. E' importante però evitare di applicare farmaci sull'unghia almeno 10 giorni prima di effettuare il test dal Suo dermatologo o presso il laboratorio consigliato dal collega. Le patologie ungueali sono in genere guaribili e ben controllate, ma richiedono molto tempo e pazienza per essere eliminate, in quanto i cheratinociti della matrice ungueale delle unghie dei piedi hanno un lento turnover (velocità di crescita rallentata) e i tempi di guarigione oscillano da qualche settimana a molti mesi. Cordiali saluti e in bocca al lupo.

Dott. Antonio DEL SORBO
Medico Chirurgo – Specialista in Dermatologia e Venereologia
Dottore di Ricerca in Dermatologia Sperimentale
Corso Nazionale, 139 – 84018 SCAFATI (Salerno)
Email: antoniodelsorbo@libero.it – Sito internet: www.scafati.it
Telefono Studio: 081/8502377 – Cellulare: 338/6422985