Utente 235XXX
Calo del desiderio,sensazioni sessuali, procreazione.


Ho 46 anni , mia moglie 40.
Da alcuni anni ho notato una marcata riduzione del desiderio e della sensazioni a livello sessuale.
Ho fatto uso di antidepressivi SSRI (citalopram) che hanno questo effetto collaterale, ma questa situazione si presentava più o meno sia prima che dopo la sospensione del farmaco.
Ho fatto le analisi di rito e sembra tutto regolare anche se il testosterone è ai limiti inferiori.
Il medico mi ha fatto fare 3 iniezioni di sustanom, ma il miglioramento è stato scarso. Comunque questo stato di cose per noi non è un grosso problema ma, avendo deciso di provare ad avere un figlio, per me diventa problematico avere frequenti rapporti vista la scarsa libido anche se per l’erezione sembra non vi siano problemi.
Esiste qualcosa per stimolarmi, possibilmente prodotti naturali e non farmaci? Oppure che consigli mi potete dare? Grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
caro lettore 23528,

purtroppo la Depressione porta ad un calo di desiderio sessuale, diciamo un certo disinteresse nel sesso.
Gli antidepressivi, anche loro possono deprimere un desiderio già flebile e "addormentato".
Se però l'erezione e la eiaculazione si mantengono valide e funzionali,allora il suo corretto e positivo desiderio di conseguire una gravidanza dovrebbe consentirle di avere rapporti, nel periodo fertile di sua moglie, nonostante un "entusiasmo" non molto elevato
Cari saluti
[#2] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
direi che un consulto specialistico Andrologico potrebbe essere molto utile, sia ai fini diagnostici che teraputici.
Affettuosi auguri per tutto e cordialissimi saluti.
Prof. Giovanni MARTINO
[#3] dopo  
Dr. Giuseppe Benedetto
28% attività
0% attualità
16% socialità
VICENZA (VI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2004
concordo con il collega Pozza
[#4] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
queste situazioni cliniche complesse richiedono sempre una valutazione clinica diretta da parte di un andrologo.
Ancora un cordiale saluto.
[#5] dopo  
Dr. Sergio Longhi
24% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2005
Concordo con i colleghi, ma suggerisco una rivalutazione neuropsichiatrica. Cordiali saluti.
[#6] dopo  
Dr. Giacomo Luigi Del Monte
36% attività
12% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2006
Gentile utente,
chiaramente oltre ad essere concorde con i colleghi la invito anche ad effettuure una visita da un sessuologo. Spesso il calo del desiderio può essere anche la causa di disagi relazionali che a prima vista non sembrano visibili.O ancor più può essere dovuto a disagi che sfociano nella propria sfera personale.
Un saluto
Dott. Giacomo Del Monte
www.psicosalute.it
[#7] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
assolutamente condivisibile la valutazione fatta nella sua risposta dal Collega DEL MONTE.
Ancora affettuosi saluti.
Prof. Giovanni MARTINO
[#8] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore,
è vero che spesso è utile l'intervento di uno psicoteraputa ma, visto che lei è un uomo di mezza età , la prima cosa da fare , dopo aver consultato eventualmente il suo medico di medicina generale, è quella di verificare la sua situazione clinica con un andrologo. Sarà lui eventualmente a consigliarle successivamente anche una consulenza psicologica.
Un cordiale saluto.