Utente 126XXX
sono un uomo di 48 anni, sono alto 1,78, peso 103 kg, di professione avvocato. sono sposato e ho 3 figli. sono stato operato 4 anni fa di asportazione della tiroide e quest'anno di asportazione della cistifellea per laparoscopia. Soffro di ipertensione, la quale è molto ben controllata per via del farmaco coaprovel 300 che prendo ogni mattina. Per la asportazione della tiroide prendo ogni mattina eutirox 150.
Ultimamente registro una certa quale difficoltà nel rapporto con mia moglie per il faqtto che pur avendo un fortissimo desiderio e un'attività sessuale più che regolare, l'erezione non è più quella di una volta. Solo in prossimità della eiaculazione c'è una vera erezione o in momenti particolari di intenso piacere ma mai dall'inizio dei preliminari fino al coito. La situazione mi preoccupa, perchè l'erezione non è assente, infatti riesco ad introdurlo in vagina o nell'ano con facilità (pur essendo esso abbastanz grosso) ma senza quella che io ritengo una dovuta erezione (come da esperienza precedente). Sia nella masturbazione, che in qualche occasionale rapporto omosex-att. la situazione si mantiene costante...
Io mi sono fatto una idea: probabilmente dipende o dall'eutirox insufficiente (forse per peso e attività che compio bisognerebbe aumentarlo)e dunque dovrei richiedere le analisi del sangue per vedere le percentuali e far revisionare dall'endocrinologo la mia dose giornaliera, oppure dipende dal coaprovel che tenendo bassa la pressione impedisc un'opportuna erezione....ma come risolvere in questi casi?
Aspetto vostra cortese risposta.
Franco

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

quadri clinici particolari come il suo non possono essere affrontati e tanto meno capiti e risolti tramite una semplice e-mail e richiedono sempre una attenta valutazione clinica diretta .

A questo punto riconsulti il suo medico di medicina generale che, esaminato in prima istanza il suo problema, potrà eventualmente indirizzarla successivamente verso una più mirata valutazione specialistica andrologica.

Nel frattempo, se desidera poi avere più informazioni dettagliate su questi temi, le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=22450.

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com
[#2] dopo  
Utente 126XXX

Iscritto dal 2009
Grazie dottore, è evidente che consulterò appena torna dalle ferie, il mio medico....la domanda era volta, in senso generale, a sapere se la succiatata medicina della pressione o quella della tiroide....o eventualmente ambedue potevano produrre questo tipo di disturbo. E' chiaro che dal senso generale al particolare (cioè a quello che sta succedendo a me) c'è uno spazio di differenza che valuterà il mio medico o lo specialista, però a me resta sempre l'interrogativo, sapere cioè se quelle medicine o il lor combinato possa produrre questo tipo di disturbi.
saluti!
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

se così fosse stato glielo avrei indicato "in chiaro" alla prima risposta che le ho già dato .

Comunque le confermo che i farmaci da lei segnalati non sono conosciuti come possibili cause o concause del suo problema sessuale.

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta

www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com