Utente 126XXX
In seguito a sovraccarico notevole con rotazione anomala del polso sx, temo di avere leso il legamento dell'ulna all'altezza dello stiloide: infatti è lì che ho male (soprattutto se eseguo movimenti rotatori del polso) e i rx non evidenziano fratture.
L'ortopedico mi ha detto di tenere doccia gessata per 15 gg, poi se il dolore persiste devo eseguire Rmn per valutare appunto la distorsione al legamento (non prima, mi ha detto, essendo un trauma recente con gonfiore).
Domanda: se si tratta in effetti di distorsione del legamento, può nel frattempo "guarire" da sola con la sola immobilizzazione? Sono nel frattempo consigliabili applicazioni con ghiaccio ed antiinfiammatori? GRAZIE

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Umberto Donati
40% attività
16% attualità
20% socialità
BOLOGNA (BO)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Un legamento sottoposto a distrazione può guarire con l'immobilizzazione, un legamento completamente lacerato ha meno possibilità. Il ghiaccio ha significato nei primi giorni, l'antinfiammatorio è utile per ridurre il dolore. Concordo con il programma del Suo ortopedico: una volta eseguita la RMN (qualora la facesse) la dovrà mostrare all'ortopedico che dovrà guardarla alla luce dei segni clinici che avrà rilevato alla visita specialisticaLa RMN da sola ha poco significato senza la visita. Ricordi anche in quell'occasione di porre allo specialista tutte le domande che vorrà (tipo di lesione, terapie possibili, tempi di recupero, modi e tempi di riabilitazione, percentuale di guarigione, ecc) perché solo chi avrà visitato il Suo polso e visto direttamente le immagini RMN saprà rispondere specificamente al Suo caso.
In bocca al lupo
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 126XXX

Iscritto dal 2009
Mi scusi: per "visita specialistica" intende quella stessa con l'ortopedico da fare dopo aver eseguito la RNM?
Ancora una cosa: è normale che col polso ingessato io senta ancora dolore/bruciore a distanza ormai di 5 gg dal trauma? Può essere segnale di legamento gravemente danneggiato/lacerato? In quest'ultimo caso si può guarire e come?
La ringrazio per la cortesia ed attenzione.
[#3] dopo  
Dr. Umberto Donati
40% attività
16% attualità
20% socialità
BOLOGNA (BO)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
La visita specialistica è quella dell'ortopedico: ne ha già fatta una e ne farà un'altra quando porterà la RMN.
Cinque giorni dal trauma sono ben poca cosa, per cui è normale avere qualche fastidio ancora,indipendentemente dal legamento (un legamento rotto non fa male se l'articolazione è bloccata) ma se si tratta di un dolore persistente, forte, ecc occorre farsi controllare il gesso
Cordiali saluti
[#4] dopo  
Utente 126XXX

Iscritto dal 2009
Grazie molte per la tempestività e chiarezza delle risposte.
[#5] dopo  
Utente 126XXX

Iscritto dal 2009
La prossima settimana, essendo terminati i 15 gg. previsti con la doccia gessata per la distorsione al mio polso sx di cui sopra (probabile lesione ai legamenti), mi dovrò togliere la stessa per sottopormi a RNM. Il referto mi sarà dato dopo 3gg. circa e solo dopo potrò fare la visita specialistica ortopedica.
Domanda: nel frattempo, siccome avverto ancora dolore e non credo che sarò in grado di fare movimenti (soprattutto rotatori) o sostenere pesi, è consigliabile che porti un tutore al polso?
Se sì, di quale tipo (ne ho visti parecchi su internet: da semplici polsiere a quelli con stecca, a quelli fatti di resina...). Cosa può consigliare in merito? Credo infatti che sia meglio restare con il polso immobilizzato.
Grazie molte.
[#6] dopo  
Dr. Umberto Donati
40% attività
16% attualità
20% socialità
BOLOGNA (BO)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Non vale la pena acquistare un tutore per tre gg. Quando va a togliere il gesso se lo faccia tagliare in modo tale da utilizzarne la metà di sotto (quella dalla parte del palmo). Fatta la RMN se la faccia applicare. Sarà poi l'ortopedico che La visiterà 3 gg dopo a decidere in base al quadro clinico e ai risultati della RMN se deve utilizzare un tutore e di che tipo. I tutori non si scelgono su Internet: è lo specialista a decidere se ci vuole e di che tipo. In occasione della visita si rammenti quello che Le dissi nella prima risposta: "Ricordi anche in quell'occasione di porre allo specialista tutte le domande che vorrà (tipo di lesione, terapie possibili, tempi di recupero, modi e tempi di riabilitazione, percentuale di guarigione, ecc) perché solo chi avrà visitato il Suo polso e visto direttamente le immagini RMN saprà rispondere specificamente al Suo caso."
Cordiali saluti
[#7] dopo  
Utente 126XXX

Iscritto dal 2009
Ho effettuato la RMN e sono in attesa di relativa visita specialistica.
Ecco il referto della RNM:
“L’esame documenta la presenza di una irregolarità dello stiloide ulnare correlabile ad esito di frattura con distacco dello stelo ulnare stesso in assenza di segni di consolidamento spontaneo.
Coesiste una perforazione completa traumatica della fibrocartilagine triangolare sul versante cubito-piramidale associata a ispessimento del legamento cubito-piramidale e del legamento cubito-semilunare per correlato contiguo interessamento traumatico nel complesso fibrocartilagineo capsulo-legamentoso.
E’ presente una sublussazione del tendine dell’estensore ulnare del carpo con relativi segni di instabilità post-traumatica caratterizzati anche da una discreta falda essudativa lungo la guaina di scorrimento del tendine stesso che non mostra attualmente soluzioni di continuo dalla sua struttura fibrillare.
Regolare il trofismo dei segmenti scheletrici costituenti il carpo che paiono normalmente allineati tra loro.
Presenza di modica falda di versamento nel contesto della capsula articolare intercarpale”.
Tutto ciò significa che la situazione è particolarmente compromessa e non sarà sufficiente la fisioterapia? Eppure, a distanza ormai di 20gg. circa dal trauma, mi sembra di avvertire sensibili miglioramenti giornalieri nei movimenti del polso e nella minore percezione del dolore… Può dirmi cosa significa il referto? Grazie molte ancora.

[#8] dopo  
Dr. Umberto Donati
40% attività
16% attualità
20% socialità
BOLOGNA (BO)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
La RMN conferma una importante lesione a carico delle strutture localizzate nel polso nella parte verso il mignolo. Sarò il Chirurgo della Mano a concordare con Lei il da farsi, in considerazione anche dei Suoi disturbi, delle Sue necessità e delle Sue aspettative. Il fatto che a 20 gg stia già meglio è sicuramente un fatto positivo.
Ci informi sugli esiti della visita
Cordiali saluti
[#9] dopo  
Utente 126XXX

Iscritto dal 2009
Ho fatto la visita dal chirurgo della mano del CTO di Torino il quale mi ha prescritto:
1) altri 20 gg. con tutore steccato;
2) terapia con farmaci antiinfiammatori (Noxon) per 7 gg. due volte al dì;
3) laserterapia e ultrasuonoterapia (previa visita fisiatrica);
4) nuovo controllo dopo 1 mese circa.

Sto seguendo le prescrizioni 1) e 2), ho anche fatto la visita fisiatrica ma per la laserterapia e l'ultrasuonoterapia devo attendere fino al 16 ottobre. Domanda: è importante che provi ad anticiparle rivolgendomi ad altri centri di prenotazione a pagamento?
Altra domanda: ci sono momenti in cui il polso sembra andare meglio (faccio, senza sforzarmi, movimenti che prima non riuscivo, oppure non avverto nessun fastidio durante la giornata), altri giorni invece sento come del "bruciore/punture di spillo" nella parte laterale (forse il tendine?) e sopra (forse la fibrocartilagine triangolare?): so che devo avere pazienza, ma è passato più di 1 mese dal trauma, è normale tutto ciò? Sono organi che possono "autocorreggersi" col tempo (mi perdoni la terminologia impropria)? Le chiedo cortesemente una risposta (soprattutto sulla necessità o meno di tentare di fare subito le terapie laser e ultrasuono). Grazie ancora.
[#10] dopo  
Dr. Umberto Donati
40% attività
16% attualità
20% socialità
BOLOGNA (BO)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Circa un mese dal trauma è tanto per la nostra pazienza ma non è molto per guarire. Molti fattori possono influire su un andamento altalenante, non ultimo il tempo (in senso meteo).
Per le terapie proverei a farle il prima possibile, magari cercando altri centri prima di ricorrere a prestazioni a pagamento, finché il polso è a riposo con il tutore
Cordiali saluti.
[#11] dopo  
Utente 126XXX

Iscritto dal 2009
Ho iniziato la laserterapia e l'ultrasuonoterapia al polso sx: il tecnico (o fisiatra?) del centro si è limitato a leggere il referto della RMN (senza guardare le immagini) e a dirmi di posizionare il puntatore "dove avverto dolore e fastidio": è corretta questa procedura? Ho fatto 2 sedute (devo farne 12 in tutto) e non sento per ora nessun beneficio. E' normale?
Grazie, come sempre.
[#12] dopo  
Dr. Umberto Donati
40% attività
16% attualità
20% socialità
BOLOGNA (BO)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Bisogna che Lei sappia se ha contatto con un medico o un tecnico, e chieda al medico le delucidazioni sulla metodologia della terapia fisica. In via teorica la terapia va fatta dove c'è la lesione, che del resto a Lei fa male
Cordiali saluti
[#13] dopo  
Utente 126XXX

Iscritto dal 2009
Ho ultimato le 12 sedute laser e ultrasuoni al mio polso sx (cfr. sopra per il mio trauma e diagnosi).
Ho riscontrato miglioramenti MA avverto ancora dolore se faccio anche piccoli sforzi e, talvolta, la sensazione di "punture di spillo" anche senza movimenti, sempre nella parte sx.
Il fisiatra presso il quale ho fatto le sedute mi ha consigliato CHINESITERAPIA abbinata a TECARTERAPIA: di che si tratta? Può essere utile? Ci sono controindicazioni?
Tenga conto che sono ormai passati 2 mesi dal trauma: può servire una nuova RMN per accertare la situazione? Ho sentito parlare anche di "scintigrafia" per verificare la situazione di tendini e legamenti: quali dei 2 esami è preferibile?
La ringrazio, come sempre, per tutte queste risposte.
[#14] dopo  
Dr. Umberto Donati
40% attività
16% attualità
20% socialità
BOLOGNA (BO)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Il Suo punto di riferimento fisso è e deve essere il Chirurgo della mano del CTO di Torino. Lui L'ha visitata, ha fatto diagnosi e ha proposto un percorso. Tra l'altro aveva già previsto un controllo a un mese di distanza. E ora quindi che lui veda quali siano le condizioni attuali e decida il da farsi.
Noi da qui senza avere gli elementi necessari non possiamo consigliare terapie e accertamenti.
Cordiali saluti