Utente 125XXX
Caro Dottore,ho un pectus excavatum piuttosto esteso e profondo 4 cm,e questa estate leggendo su internet le vari opinioni ed esperienze di altri ragazzi, ho pensato seriamente di operarmi.
Sono già andato da uno specialista che opera questo tipo di malformazioni.Le sue parole mi hanno reso molto più convinto nel voler fare questo intervento,ma c'è una cosa che mi ha sinceramente scioccato:ovvero,mi ha detto che in questo intervento c'è un rischio di morte del 3%.So che è una percentuale bassa(almeno,secondo me),però ho paura.
Io voglio farla assolutamente questa operazione,il mio pectus excavatum non mi da alcun problema spicologico(nel senso che non provo vergogna a mostrarmi nudo in spiaggia o davanti ai miei amici) anche se ovviamente proverei un'immensa gioia nel vedermi "normale"ogni volta che mi guardo allo specchio.Anche perchè penso che aumentando lo spazio del mio petto appunto con l'operazione,le mie capacità respiratorie migliorerebbero di sicuro(provo pochissimo dolore quando devo respirare mentre faccio degli sforzi).
Però sapere che c'è un rischio di morte durante l'intervento mi impedisce di voler procedere.
Secondo Lei c'è davvero questo rischio?Si possono fare degli esami per vedere se si è allergici all'anestesia(finora le uniche anestesie che ho fatto sono quelle per i denti,ma quelle totali non le ho mai fatte)?Quali sono i fattori di rischio che generano questo 3%?
La ringrazio in anticipo se può aiutarmi a fare chiarezza a questi miei dubbi!!
Cordiali saluti

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Paolo Scanagatta
32% attività
16% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Buongiorno,

Una percentuale di 3% di mortalità per interventi di pectus excavatum è una percentuale troppo alta, anzi, assolutamente inaccettabile al giorno d'oggi.

In letteratura scientifica nell'articolo pubblicato da Fonkalsrud a febbraio di quest'anno, su 912 casi di PE operati NON SI E' VERIFICATO ALCUN CASO DI MORTALITA'.

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19002739?ordinalpos=2&itool=EntrezSystem2.PEntrez.Pubmed.Pubmed_ResultsPanel.Pubmed_DefaultReportPanel.Pubmed_RVDocSum

Con la percentuale da lei riportata avrebbe dovuto riportare circa 30 (trenta!) morti, e per un trattamento con fini soprattutto estetici.

Il rischio reale di questo tipo di intervento (con tecnica di Ravitch modificata Fonkalsrud) è pertanto prossima allo zero.

Il rischio di interventi di questo tipo è un po' più alto per interventi con tecnica di Nuss, dovuta ai casi di dislocazione della barra con danni cardiaci:

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19348994?ordinalpos=28&itool=EntrezSystem2.PEntrez.Pubmed.Pubmed_ResultsPanel.Pubmed_DefaultReportPanel.Pubmed_RVDocSum

Tuttavia una percentuale quale quella riportata non sarebbe comunque accettabile.

Cordiali saluti
[#2] dopo  
125916

dal 2012
Buongiorno Dottore,la ringrazio per la Sua risposta.
Mi scusi se la disturbo ancora,quindi posso andare tranquillo nel procedere con l'intervento?Degli esami contro le allergie di qualche farmaco,le posso richiedere al mio medico di base?
[#3] dopo  
Dr. Paolo Scanagatta
32% attività
16% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Buongiorno,

ogni cosa ha un rischio (anche prendere l'autostrada), bisogna considerare se il rischio è proporzionato al vantaggio atteso.
Le prove allergologiche per i farmaci gliele sconsiglio se lei non ha storia di pregresse allergie (non hanno nessun valore predittivo, e quindi sono sconsigliate a chi non ha storia di reazioni allergiche).

Sarò assente per 15 giorni pertanto in questo periodo non potrò rispondere a sue ulteriori domande.

La saluto cordialmente,
[#4] dopo  
125916

dal 2012
Si figuri Dottore,è gia stato molto disponibile Lei!

La ringrazio
Cordiali saluti