Utente 942XXX
Buongiorno.

Circa un mese fa mia moglie ha contratto la varicella.
Dal giorno in cui sono comparse a lei le prime pustole, ho iniziato ad avere mal di testa e cefalea.
Dopo 20 giorni ho contratto anche io la malattia e, grazie all'aciclovir, ne sono uscito abbastanza bene e brevemente (lunedì scorso, dopo 15 giorni, ero già senza croste), ma il mal di testa che avevo è rimasto ed in questi ultimi 4 giorni si è trasformato in una sorta di nevralgia lato-trigeminale, non dolorosissima, ma fastidiosa, come un peso alla testa continuo. Oltretutto mi sento sempre stanco (complice anche il gran caldo di questo periodo e la mia sinusite cronica).

Domanda: può essere un postumo della varicella ? Questa sintomatologia cefalica può essere scaturita dalla incubazione e successiva contrazione della varicella ?

Vi ringrazio molto per la risposta.
Saluti.

[#1] dopo  
Dr. Mario Corcelli
52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
Gentile Utente,

è possibile che la nevralgia da lei accusata sia causata dalla varicella; il virus, infatti, si localizza nei gangli nervosi.

Peraltro, i questi gangli può rimanere senza dare problemi anche per anni; in alcuni soggetti, il virus può risvegliarsi producendo il classico fuoco di Sant'Antonio, cioè l'herpes zoster.

Una volta contratta la varicella, però, il soggetto ne acquisisce una immunità permanente, che rende difficile una ricaduta, salvo il fenomeno (non frequente) a distanza di anni dell'herpes zoster.

Vedrà che i suoi sintomi sono destinati a scomparire.

Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 942XXX

Iscritto dal 2008
La ringrazio molto per la risposta, in effetti questa cefalea e quete piccole nevralgie facciali sono concomitanti con l'incubazione e la fine della varicella.
Mi auguro la sintomatologia passi presto.

Cordiali saluti.