Utente 126XXX
Mia moglie ha avuto il 06/08/09 un taglio cesareo urgente. Le hanno effettuato un'anestesia spinale. Dopo due giorni ha iniziato la cefalea ortostatica. Dopo 5-6 giorni di cure le sono sommministrate Orodis e Terfalgan non sono sicuro del nome). Il mal di testa le è passata ma è rimasto un intontimento con acufeni e difficoltà di mettere a fuoco, meglio appena si sveglia peggiora con la stanchezza. Ha effetuato una visita neurologica in cui ci hanno detto che il problema tenderà a sparire. Quello che le chiedo è sapere se ci sono delle tempistiche e quando dobbiamo iniziare a preoccuparci se i sintomi non passano, ci è stato detto che può durare anche più di un mese non riesco però a trovare riscontri di questo tipo. Le chiedo se il fatto che stava prendendo cardioaspirina da circa 10 giorni, aveva smesso 2 giorni prima dell'intervento di prenderla. Qualche medico dell'ostetricia ha detto che questa confusione / intontimento può essere figlio del calo omronale e dello stress, per i neurologi è solo della spinale. Il fatto è che mia moglie, infermiera, ha rilevato delle inesattezze e delle difficoltà dell'anestesita durante le operazioni, il dottore ha detto a mia moglie che un dolore che provava non poteva essere vero. Oggi leggo che l'aspirina può peggiorare la situazione, ovvio che ho intenzione se il problema è solo derivato dall'essere nella piccola percentuale colpita da questo problema altro se deriva da un errore medico. Il fatto è che stiamo vivendo disagi importanti in un momento molto delicato. Grazie mille

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Stelio Alvino
44% attività
16% attualità
20% socialità
MONTEPULCIANO (SI)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2008
Gentile Utente dobbiamo fare un po di chiarezza in una situazione che rischia di "confondersi" molto facilmente...
L'occasionale ma rara cefalea da spinale è un effetto collaterale che può riscontrarsi dopo l'esecuzione di una puntura spinale. Oggi il fenomeno è raro per il fatto che gli aghi utilizzati per la spinale sono sottilissimi e difficilmente provocano quella liquorrea causa di una cefalea post spinale (cosa invece più frequente nel caso in cui si faccia una analgesia da parto con una epidurale e si utilizzi l'ago di Thuoy e si fori accidentalmente la meninge più in profondità). Tuttavia come più volte detto nei miei interventi si tratta di una cefale ad andamento benigno che con la terapia o meno è destinata a cessare. Ho riscontrato nella mia carriera una cefalea posturale della durata di tre settimane in una gestante che aveva fatto cesareo con spinale.
Il fatto che non vi siano dei deficit sensitivo-motori agli arti inferiori mi fa ben sperare che la concomitante terapia con cardioaspirina non abbia favorito la formazione di ematomi spinali. La sintomatologia di confusione avvertita penso derivi dal fatto che sua moglie ha avuto un consistente numero di giorni di cefalea e ha sopportato una cronica assunzione di antidolorifici oltre alla variazione ormonale segnalata dagli ostetrici. Nulla a che fare con la spinale però. A scanso di equivoci e per vostra maggior sicurezza potete fare una RMN midollare e valutare qualsiasi anomalia(ematoma?). Oggi le nuove linee guida americane ammettono la possibilità di fare la spinale senza sospendere l'aspirinetta. Qui in Italia non tutti i colleghi (me compreso) sono concordi.
Ci faccia sapere comunque i risvolti del caso ma sostanzialmente sarei tranquillo.
cordiali saluti