Utente 117XXX
Salve. Sono un ragazzo di 21 anni.
Purtroppo mi trovo a dovervi scrivere perchè ormai questo è diventato un problema VERAMENTE insormontabile.
Mi causa attacchi di panico e ansia fortissima,depressione,insonnia,irascibilità alternata a vitalità azzerata e non so piu come uscirne. Per questo motivo sto facendo uso di psicofarmaci antidepressivi quali zyprexa,sereupin,depakin,risperdal,akineton etc.
Premetto che prima di una relazione durata due anni dalla quale ne sono recentemente uscito a pezzi avevo avuto un paio di ragazze,con le quali il problema si era manifestato. Ma anche se molto amareggiato e preoccupato non mi ero mai rivolto a nessuno.
Poi dopo una breve relazione con un altra persona con la quale le erezioni erano presenti conobbi lei,con la quale ando sempre tutto a posto.
Ma lentamente il problema si sta ripresentando.
Ho frequentato recentemente una ragazza con la quale purtroppo ho dovuto troncare per via del suddetto problema,che prima sembrava manifestarsi come poca erezione,e via via si è annullata del tutto.
Da poco invece sto uscendo con un altra ragazza ma la situazione è la stessa anche se non le ho mai lasciato intendere nulla per i motivi che potete ben capire.
L'ansia di un possibile ennesimo fallimento mi blocca psicologicamente,il che mi preclude l'eventualità di conoscere altre splendide ragazze con le quali costruire qualcosa insieme.
In questo la psicoterapia non è servita a nulla.
Vi prego di aiutarmi. So che per voi è solo un consulto,ma per sarebbe di FONDAMENTALE IMPORTANZA.
Per completezza:masturbazione e eiaculazione sono ok. Erezioni mattutine o spontanee ci sono,anche se non spesso.
In fondo non c'è cosa piu bella al mondo che amare qualcuno...
A me questa felicità viene negata,e ne sto soffrendo immensamente...
Vi ringrazio per l'attenzione

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,comprendo lo stato d'animo ma non capisco perché non consulta un esperto andrologo che giornalmente
diagnostica e cura casi analoghi al Suo.Ne parli con il medico di famiglia.Cordialità.
[#2] dopo  
Utente 117XXX

Iscritto dal 2009
Fondamentalmente per pudore,sia nei confronti di un estraneo ma soprattutto nei confronti dei miei genitori.
Era come lottare quotidianamente contro se stessi per non accettare una situazione che ormai è diventata insostenibile.
Lei è convinto che sarebbe d'aiuto?risolverebbe definitivamente il problema?quali potrebbero essere le eventuali prospettive di soluzione che mi si aprirebbero?
[#3] dopo  
Utente 117XXX

Iscritto dal 2009
Inoltre volevo sapere...essendo il medico di famiglia molto vicino ai miei genitori(e non volendo informarli della mia situazione)è possibile rivolgersi ad uno specialista in un ospedale o magari in una struttura convenzionata come privati o consultori di sessuologia senza dover per forza passara dal medico curante?
Spero vivamente in una risposta
grazie
[#4] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...il medico é tenuto al segreto professionale.Quanto alla necessità di un controllo andrologico,la ovvietà é espressa dal Suo disagio.Cordialità.
[#5] dopo  
Dr. Daniel Bulla
48% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2003
Gentile Utente,
una volta che la visita andrologica esclude la presenza di patologie mediche si deve seguire la pista psicologica.

Lei ha parlato di ansia, questa è probabilmente la vera causa dei suoi problemi sessuali. Il fatto che la psicoterapia di cui ci ha parlato (quanto è durata? perchè è finita?) non abbia dato effetti non significa che in generale la psicoterapia non funzioni. Molto probabilmente non era una terapia specifica per i disturbi d'ansia e sessuali.

Provi ad esempio a leggere questo articolo sull'ansia http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=42293

Un'ultima cosa: senta anche il medico che le ha prescritto gli psicofarmaci (psichiatra?).

E stia tranquillo, che questo tipo di disturbo viene curato in modo ottimale
[#6] dopo  
Utente 117XXX

Iscritto dal 2009
Onestamente credo anche io che la causa di questi problemi sia di origina psicologica anche se ormai la decisione di andare da un'andrologo è stata presa.

Per quanto riguarda la psicoterapia,è durata un anno e sinceramente è finita perchè di risultati,o perlomeno cambiamenti in positivo non se ne sono visti.
Forse l'obbiettivo iniziale era differente è vero,e non era mirato alla cura dell'ansia da prestazione,o comunque all'ansia in generale...ma se dovessero dirmi di ripetere l'esperienza sarei molto restio.

Speriamo che questo "disturbo" come lo chiama lei venga curato in modo ottimale.
Soffrire cosi non lo auguro a nessuno...
[#7] dopo  
Dr. Daniel Bulla
48% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2003
"la causa di questi problemi sia di origina psicologica anche se ormai la decisione di andare da un'andrologo è stata presa.!"

Le due visite (psicologica ed andrologica) non si escludono, anzi, io raccomando entrambe