Utente 260XXX
cari dottori sono molto demoralizzato perchè ultimamente (circa 3 mesi)non riesco ad avere vita sessuale normale perchè non riesco più ad avere erezioni soddisfacenti.
premetto che sono sposato da 15 anni e anche seda parecchio tempo le erezioni mattutine erano saltuarie quando serviva era sempre pronto.nell'ultimo periodo anche se mi masturbo l'erezione non è soddisfacente.sono fumatore (circa 20/25 al giorno)e da poco anche donatore di sangue (anche se devo prendere il FULCRO per i trigliceridi alti la media era sui 1200)un problema che ho sempre avuto anche se non ci ho mai fatto peso fino ha quando ho deciso di diventare donatore.ora sono scesi a circa 200 è prendo una capsula di fulcro tutti i giorni.avevo gia il problema dell'eiaculazioe precoce che riesco a gestire con la pomata EMLA oppure ultimamente con lo spray dei sexishop.VI PREGO AIUTATEMI PERCHE'STO ANDANDO FUORI DI TESTA.
Nel caso avessi bisogno di una visita specialistica mi potete indicare un medico nelle vicinanze di Fabriano (AN)
Vi ringrazio è aspetto con ansia una vostra risposta.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro lettore,
vista la sua storia clinica ,in presenza di una importante dislipidemia (cioè i trigliceridi "molto alti")e lei forte fumatore , si può pensare che la problematica erettiva che lei lamenta abbia un importante componente vascolare. Comunque solo una attenta valutazione andrologica diretta con una accurata indagine vascolare, anche in fase dinamica (cioè con una "stimolazione" farmacologica della sua erezione), permetterà di chiarire il suo attuale problema. Se desidera avere più informazioni su queste tematiche , può anche consultare il sito: www.andrologiamedica.org. Per quando riguarda il suo ultimo quesito infine la cosa migliore da fare , in prima battuta, è quella di consultare il proprio medico di medicina generale che sicuramente conoscerà un bravo collega andrologo che lavora vicino alla sua residenza.
Un cordiale saluto.
[#2] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile utente,

consideri anche il fatto che i fattori rischio per la difficoltà di erezione che ci ha comunicato (lipidi elevati e fumo) potrebbero da soli spiegare un inizio di difficoltà di erezione, che potrebbe aggravarsi con il calo di sensibilità prodotto da EMLA o sostanze simili.
Chi contattare? Può verificare sul sito della Società Italiana di Andrologia (andrologiaitaliana.it) chi siano gli andrologi più vicino a lei.

Cordialmente,

Edoardo Pescatori
[#3] dopo  
Dr. Daniele Masala
28% attività
4% attualità
12% socialità
POZZUOLI (NA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Caro signore,il problema da lei descritto è sicuramente piuttosto complesso per i vari fattori concomitanti:una situazione generale di grave dislipidemia abbinata al fumo intenso di sigarette richiama alla mente subito problematiche di tipo vascolare/circolatorio. Peraltro nella disfunzione erettile concorrono anche importanti fattori psicogeni,quali ansia,stress lavorativi e familiari,oltre che l'uso di sostanze come appunto la nicotina. Tuttavia pur volendo e potendo eliminare questi fattori,non si può prescindere da un eventuale problema funzionale,per cui le suggerisco di rivolgersi ad uno specialista urologo della sua zona che inquadrerà bene la sua situazione e la indirizzerà sul migliore percorso diagnostico e terapeutico da seguire.
Cordiali saluti,
dott. Daniele Masala.
[#4] dopo  
Utente 260XXX

Iscritto dal 2007
ringrazio tutti per le soddisfacenti risposte che mi avete fornito
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore,
quello che le raccomando, in prima battuta,è di provare a dare un grosso freno al fumo di sigaretta e di seguire una appropiata dieta dopo aver contattato naturalmente il suo medico di medicina generale.
Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
[#6] dopo  
Dr. Giuseppe Benedetto
28% attività
0% attualità
16% socialità
VICENZA (VI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2004
è necessario eliminare o quanto meno ridurre i fattori di rischio che possono influenzare sulla disfunzione erettile
[#7] dopo  
Utente 260XXX

Iscritto dal 2007
una cosa che avevo dimenticato:
puo' avere a che fare l'operazione all'ernia inquinale che ho fatto l'anno scorso GRAZIE
[#8] dopo  
Dr. Giuseppe Benedetto
28% attività
0% attualità
16% socialità
VICENZA (VI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2004
no
[#9] dopo  
Dr. Giacomo Luigi Del Monte
36% attività
12% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2006
Gentile utente,
come sempre i colleghi sono molto esaurienti e precisi nelle risposte.
Personalmente vorrei aggiungere che oltre ad una visita andrologica le consiglierei una visita sessuologica. e questo non solo per la disfunzione erettile ma anche perchè lei ha accennato a problemi di eiaculazione precoce. Spesso un'eiculazione precoce non seguita nei giusti modi, può portare ad una disfunzione erettile.
dott. Giacomo Del Monte
www.psicosalute.it
[#10] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
direi che una valutazione specialistica andrologica potrebbe rispondere a molti dei Suoi dubbi ed aiutarLa ad uscure da questa situazione che, appare evidentissimo, Le sta procurando uno stato ansioso non indifferente.
Ecco perchè concordo compeltamente con quanto affermato dal Collega DEL MONTE nella sua risposta. Accanto al tentativo di migliorare il Suo stile di vita, potrebbe essere utile il ricorso ad un aiuto psicosessuologico. Ma mi tolga una curiosità: chi Le ha consigliato l'uso di una crema anestetica per correggere l'eiaculazione precoce? Chi lo ha fatto è rimasto agli albori della terapia di questo disturbo dell'eiaculazione.
Auguri affettuosi per la pronta risoluzione del problema ed un cordialissimo saluto.
Prof. Giovanni MARTINO
[#11] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettroe,
anch'io comunque ritorno su quello che già le avevo indicato in prima battuta , cioè di un preliminare controllo andrologico poi, "a cascata",escluse le problematiche organiche, se sarà indicato dal collega che la valuterà, potrà essere data una indicazione di tipo psicoterapeutico.
Ancora un cordiale saluto.
[#12] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
io intendevo consigliarLe di intraprendere contemporaneamente i due approcci terapeutici: mi creda i risultati si vedranno se non perde ulteriore tempo prezioso.
Ancora affettuosi auguri.
Prof. Giovanni MARTINO
[#13] dopo  
Utente 260XXX

Iscritto dal 2007
Cari dottori avendo l'opportunità di effettuare una visita dal medico di famiglia visto che era ammalato (è donna) ho potuto parlare con un medico maschio (è più facile esprimersi)gli ho spiegato il problema mi ha fatto una breve visita dicendo che non c'è nessun problema ai testicoli è mi ha fatto fare l'esame del testosterone che è risultato basso intorno ai 300 prima di darmi una cura per il testosterone mi ha dato il cialis da prenderne una ogni 3 gg e rivederci dopo il 20 c.m.
il cialis è meraviglioso ha fatto miracoli aspetto la prossima settimana per sentire cosa mi dice grazie a tutti e accetto altri consigli