Utente 127XXX
Salve, vi scrivo dalla calabria perchè da circa due anni grazie ad una ecografia addominale mi è stato diagnosticato un calcolo alla colistici più omeno di 1-1,5 cm...nel corso dei mesi precedenti i sintomi dolorosi sono stati quasi del tutto assenti mentre da qualche tempo sopratutto se mi tocco all'altezza dello sterno avverto dei leggeri fastidi e dolorini...il mio medico dice che questi sintomi sono riferibili al calcolo e mi ha consigliato di operarmi per risolvere il problema anche perchè ho già fatto una cura con il deursil per provare a scioglierlo senza però risultati eccezionali..Più passano i giorni e più mi convinco che sarebbe opportuno operarmi anche per evitare complicazioni ma quello che mi frena sono i forti dubbi che nutro verso la strutture sanitarie presenti sul territorio calabrese, dunque vorrei sapere se in italia c'è un centro chirugico di eccellenza per questi interventi (ANCHE A PAGAMENTO) ovvero quale struttura pubblica è meglio consigliata..sò bene che il tipo di intervento è abbastanza semplice, dura poco e non ha particolari postumi dolorosi, perchè svolto in laparoscopia, ma questo non mi tranquillizza e vorrei ugualmente svolgerlo nel migliore dei centri, pubblico o privato che sia, e per mano di un chirurgo esperto del settore...
Grazie per la disponibilità.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Francesco Nardacchione
32% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2006
Gentile signore
ormai in tutti gli ospedali italiani viene effettuato questo intervento in maniera sicura essendo divenuto il trattamento principale. La difficoltà consiste nella indicazione all'intervento chirurgico. Infatti vi è indicazione alla coelcistectomia laparoscopica solo quando questa diventa sintomatica, con disturbi digestivi e/o coliche recidivanti. Nella sua regione, nonostante la ingannevole pubblicità dei mezzi di comunicazione, mi creda esistono dei professionisti di primo piano che possono tranquillamente risolvere il suyo problema senza ricorrere a viaggi in altre sedi. Ne parli con il suo medico curante e si consigli con fiducia con lui per ottenere il nominativo ed il centro da lei richiesto.

Cordiali saluti
[#2] dopo  
Dr. Andrea Favara
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Perfettamente in linea con quanto scritto dal collega,mi permetto di aggiungere che nessun intervento è 'abbastanza semplice' come da lei definito e come purtroppo ritenuto da molte persone per colpa di una informazione scorretta. La chirurgia comporta sempre scelte complesse e tecniche meticolose, anche nelle piccole cose. Detto questo, qualsiasi chirurgo al mondo per quanto esperto e competente incontra complicanze e risultati non soddisfacenti nell'esercizio della propria professione. Auguri!
[#3] dopo  
Utente 127XXX

Iscritto dal 2009
Grazie per la cortese disponibilità, ma potrebbe essere più preciso su qualche centro ovvero qualche specialista nella mia regione a cui potrei rivolgermi??...
e poi un'altra breve informazione...
Nel caso di intervento chirurgico avrebbe rilevanza il fatto di essere stato ricoverato per una leggera forma di miopericardite curata con il semplice riposo e con una degenza ospedaliera di circa 10 giorni??
Malattie di questo tipo aumentano i rischi cardiovascolari in caso di interventi chirugici??
Grazie ancora!
[#4] dopo  
Dr. Andrea Favara
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Non conosco la sua regione ma immagino a Cosenza ci sia un ospedale con un reparto di chirurgia. Una buona indicazione credo possa dargliela il suo medico di base che conosce bene la zona e saprà indirizzarla correttamente.
La risposta alla seconda domanda arriverà dalla valutazione che farà l' anestesista prima dell' intervento.