Utente 100XXX
Salve a tutto lo staff di medicitalia
Ieri pomeriggio mi sono recato dal dentista per eseguire una pulizia dei denti che ormai non eseguivo da parecchi anni (3-4 all'incirca, se non di più) in quanto per altri problemi di salute più o meno gravi non ho avuto tempo e soprattutto non ho neanche pensato ad eseguirla almeno una volta l'anno.
In ogni caso, ieri recatomi dal dentista procedo con la pulizia. Il dolore era abbastanza accentuato e le gengive mi sanguinavano moltissimo. Finito il medico mi dà una crema da applicare sulle gengiva ed un colluttorio. Torno a casa e dopo un ora all'incirca le gengive ricominciano a sanguinare copiosamente e il tutto è continuato per 3 ore o fi più! 3 ore di sanguinamento ininterrotto e copioso! Andando al pronto soccorso sono dovuto ricorrere al tranex per far smettere il sanguinamento. è normale tutto ciò?
Cordiali saluti

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Marco Finotti
44% attività
8% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
è normale se vi sono problemi parodontali o comunque se le gengive erano molto infiammate
l'uso del ghiaccio ed evitare di sciaquare riduce solitamente in modo rapido il sanguinamento
cordiali saluti
[#2] dopo  
Dr. Giovanni Auletta
28% attività
8% attualità
16% socialità
GIUGLIANO IN CAMPANIA (NA)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2009
A quali problemi di salute più o meno gravi si riferisce?
[#3] dopo  
Utente 100XXX

Iscritto dal 2009
Morbo di crohn e celiachia o meglio, prima morbo di crohn, poi diagnosi di celiachia con smentita del primo. In ogni caso il dentista mi ha anche detto che ho un palato stretto e una lingua disfunzionale.
[#4] dopo  
Dr. Marco Finotti
44% attività
8% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
.....palato stretto e una lingua disfunzionale che comunque non hanno nessuna influenza sul sanguinamentocome le altre patologie da lei citate
[#5] dopo  
Utente 100XXX

Iscritto dal 2009
Vorrei fare un altra domanda senza dover effettuare un altra richiesta in proposito del palato stretto.
Il dentista mi ha detto che vista la mia età (18 anni) il palato me lo dovrò tenere così com'è, ergo mi ha sconsigliato l'uso di apparecchio correttivo. A detta del medico, usarlo comporterebbe anche la rimozione di qualche dente. Sarebbe più veloce fare direttamente un intervento chirurgico.
è corretto ciò?
[#6] dopo  
Dr. Marco Finotti
44% attività
8% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
se il palato è stretto da avere un morso crociato a fine crescita spesso è indispensabile l'intervento chiruirgico
per la rimozione dentaria dipende dal motivo per cui sarebbe necessaria. difficile rispondere senza indizi. il palato stretto potrebbe non richiederlo
cordiali saluti
[#7] dopo  
Dr. Sergio Formentelli
48% attività
20% attualità
20% socialità
GENOVA (GE)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
A 18 anni il palato si può espandere.
La via chirurgica è forse la migliore, la più rapida, con meno complicazioni, non lo valutare on-line; siamo a fine crescita, e forse si può ancora espandere il palato creando una frattura (come lo si farebbe chirurgicamente) con un espansore rapido, ma poi servirà l'apparecchio correttivo lo stesso; non capisco qiuindi perchè è stato sconsigliato, e temo che ci sia stato un fraintendimento nelle spiegazioni.

Sanguinamento:
Non è questione di normale.
Se le gengive erano molto infiammate può succedere.
Più che altro è stato inutile andare al pronto soccorso e inutile è stato prendere il Tranex.
Il sanguinamento si ferma da solo.
Per accelerarlo è sufficiente applicare il ghiaccio (meglio il gelato) sulla parte sanguinante, ed esercitare una compressione sulle gengive.
Si ferma.
Il gelato è l'arma fondamentale, perchè chiude i vasi capillari responsabili del sanguinamento.

Nei casi ribelli, con tantissima infiammazione, il dentista può applicare un emostatico sulla gengiva sanguinante (NON il Tranex, ma uno serio che i dentisti conoscono).

[#8] dopo  
Dr. Giovanni Auletta
28% attività
8% attualità
16% socialità
GIUGLIANO IN CAMPANIA (NA)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2009
I problemi di salute che ha avuto anche in corso di terapia farmacologica non hanno relazioni con il sanguinamento gengivale .
Il fenomeno infatti non è stata cosa grave,ma considerato che l'igiene dentale è una terapia che dovrà affrontare anche in futuro,faccia prima dell'appuntamento anche su consiglio del suo dentista un pretrattamento con collutorio antiplacca per decongestionare la gengiva e ridurre la possibilità del ripetersi di un sanguinamento prolungato.
[#9] dopo  
Utente 100XXX

Iscritto dal 2009
Vi ringrazio innanzitutto pr la disponibilità.
Riguardo il palato stretto il medico mi sconsigliò la correzione (chirurgica o non) in quanto non vi è morso crociato però mi disse, riguardo la lingua disfunzionale, che non "sapevo" dove poggiarla in quanto di norma dovrebbe trovarsi poggiata al palato ed invece io la metto tra i denti (leggermente. Non ho nessunissima difficoltà a parlare. In effetti il problema sarebbe rimasco misconosciuto se non fossi andato per la pulizia dei denti). Mi disse ancora che sicuramente la notte dormivo con la bocca aperta quando di norma si dovrebbe dormire con la bocca chiusa (cosa confermata dal fatto che la mattina trovo saliva sul cuscino) e questo è dovuto alla "difficoltà" respiratoria dovuta alla lingua disfunzionale.
Ripeto, tutti questi "problemi" sarebbero rimasti a me sconosciuti se non fossi andato per la pulizia. Non ho mai risentito di tutto ciò. In effetti non ho mai avuto problemi orali (carie, mal di denti ecc...) e quindi non ho mai avuto bisogno di questo campo della medicina (per fortuna visto i miei precedenti problemi)