Utente 827XXX
gentilissimi dottori,
sono una ragazza di 24 anni e il 19 gennaio è iniziato il mio trattamento con apparecchio ortodontico.La mia diagnosi è la seguente:prima classe con affollamento superiore e inferiore,iperdivergente e biprotrusione.Il piano di trattamento prevede estrazioni primi premolari inferiori e secondi premolari superiori,terapia con apparecchio fisso superiore e inferiore ancoraggio minimo.In seguito alla prima estrazione avvenuta il 19 gennaio del secondo premolare superiore parte destra ho avvertito un forte dolore,che nemmeno numerosi aulin e moment hanno riuscito a placare,ho capito davvero cosa vuol dire l'espressione morire dal dolore.Il dolore è durato 15 giorni,dolore persistente,la gengiva è rimasta gonfia per 4 mesi.Dopo quasi 8 mesi avverto ancora dolore,che si presenta non tutti i giorni,ma a volte con forti fitte e presento gonfiore e fastidio all'occhio.La mattino quando mi alzo ho la guancia gonfia e durante il giorno verso sera tende a sgonfiarsi,cosa che prima non capitava,ho notato che quando mangio il gelato avverto una sensazione di freddo che va sino all'occhio,sensazione che prima anche questa non avevo.Vorrei sapere dove posso indirizzarmi,in quanto il mio dentista non sa cosa dire e le radiografie,ecografie e panoramiche non presentano nulla di rilevante.Inoltre ho preso per 12 giorni l'antibiotico in quanto aveva pensato ad una sinusite ma non è servito a nulla.
Ringrazio per la risposta.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Antonio Maria Miotti
28% attività
0% attualità
12% socialità
UDINE (UD)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2004
Gent.ma Sig.ra,
da quanto Lei riporta è opportuno richiedere una consulenza chirurgica maxillo-facciale.
Chieda pertanto consiglio al Suo Medico di Medicina Generale o, in alternativa, visiti il sito www.sicmf.org per trovare lo specialista a Lei più vicino.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Dr. Alessandro Medici
24% attività
0% attualità
12% socialità
ALESSANDRIA (AL)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2000
I sintomi che descrive potrebbero essere (badi... è solo un ipotesi) dovuti ad un "risentimento" a livello del seno mascellare.
Tra gli esami che ha eseguito non ho letto di una Tac.
Rivolgendosi a uno specialista o anche al suo medico di base sono certo potrà approfondire.
Saluti
[#3] dopo  
Dr. Sergio Formentelli
48% attività
20% attualità
20% socialità
MONDOVI' (CN)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Gentile paziente,
il primo specialista di riferimento può anche essere un chirurgo maxillo-facciale, ma più frequentemente è un dentista con buona esperienza di chirurgia orale.
Quando non si arriva ad una diagnosi neppure con l'ausilio di radiografie, spesso non resta che praticare una piccola incisione e "andare a vedere" direttamente di cosa si tratta.
La TAC va eseguita solo se lo specialista di riferimento la reputa utile valutandone il rapporto costo/beneficio.
[#4] dopo  
Utente 827XXX

Iscritto dal 2008
Grazie mille a tutti i dottori che mi hanno risposto.Avevo pensato anch'io ad una tac,ma la vera tristezza è che il dentista che mi ha causato il danno e soprattutto il dolore dice che non c'è niente,che ce l'avevo già prima,insomma onde evitare altri problemi preferisco non chiedergli più niente,dato che per 8 mesi sono stata trattata come una visionaria!!Peccato che le persone che mi conoscono hanno visto una trasformazione della guancia destra!!E il mio dottore di famiglia non sa dove indirizzarmi,l'unico dottore che mi ha suggerito un chirurgo maxillofacciale è stato il dottore che ha eseguito la radiografia perchè ha notato il gonfiore!Seguirò i vostri consigli e vi ringrazio ancora per la velocità nelle risposte.
[#5] dopo  
Dr. Carmine Taglialatela Scafati
24% attività
0% attualità
12% socialità
POZZUOLI (NA)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2006
Gentile utente, se lei riferisce di avere dolore (sintomo soggettivo) e soprattutto gonfiore (sintomo oggettivo), che riscontrano anche altre persone, a distanza di nove mesi, sicuramente c'è qualcosa che non va. Da quello che ha riferito, penso ad una sinusite mascellare, dovuta in questi casi, ad una comunicazione tra il cavo orale ed il seno mascellare in seguito alla avulsione. Non è nemmeno da escludere la spinta, in corso dell'avulsione della radice o parte di essa (apice) nel seno mascellare, che fungendo da corpo estraneo, genera infezione, con conseguente dolore e gonfiore. Tale situazione può anche non essere bene evidente alle comuni indagini x- grafiche come OPT e TC dentascan, soprattutto quando non si ha la giusta esperienza. Si rivolga ad un professionista che fa chirurgia.Ah dimenticavo! Ha per caso notato subito dopo l'avulsione e nei giorni immediatamente seguenti, la fuoriuscita di liquidi dal naso quando beveva? Ha avuto dei punti di sutura dopo l'intervento? Me lo faccia sapere. Grazie.

[#6] dopo  
Utente 827XXX

Iscritto dal 2008
gentilissimo dottore,
dopo l'estrazione,a parte il fortissimo dolore,non ho avuto nessuna fuoriuscita di liquidi dal naso quando bevevo e inoltre non ho avuto nessun punto di sutura dopo l'intervento,infatti l'emorragia è durata quasi 3 giorni e dopo 4 mesi ogni tanto trovavo delle macchie di sangue sul cuscino.Il gonfiore viene notato anche da persone comuni,se prima nessuno mi ha mai detto niente perchè ora si?!Non può essere una coincidenza,qualcosa penso che purtroppo ci sia,mi rinvolgerò al più presto a un chirurgo maxillo facciale.Ho aspettato tanto perchè speravo che il gonfiore passasse,dato che il dolore è diminuito e alcuni giorni non l'avverto proprio,a parte il senso di fastidio all'occhio.Ma a quanto vedo il gonfiore si è stabilizzato.Ringrazio ancora tutti voi per l'ascolto e i suggerimenti.
Cordialmente
[#7] dopo  
Utente 827XXX

Iscritto dal 2008
riapro questa discussione perchè ho consultato due chirurghi maxillofacciale:uno mi ha diagnostico una pulpite,cosa per fortuna non vera,e l'altro:non le so dire nulla,dalla radiografia sembrerebbe esserci un pezzo di radice,ma non si riscontra nella panoramica.Ora a distanza di due anni continuo ad avere forte dolore e sensibilità al freddo,qualcuno che abbia altre idee in merito?Continuo a portare l'apparecchio,perchè la parte destra procede più lentamente è come se ci fosse un impedimento.Ringrazio per l'ascolto e spero che qualcuno nuovamente possa indirizzarmi,io non so più cosa fare,anche perchè non vorrei ulteriori complicanze dato che già sono passati due anni.Ringrazio anticipatamente e porgo cordiali saluti.