Utente 128XXX
Buongiorno,
vi scrivo per mio nonno di 80 anni ha eseguito 2 cardioversioni ma senza buon esito ora sta facendo ogni 7-15-21-gg il controllo INR ( che risulta essere sempre nei valori corretti) e prende il Coumadin la domanda è: dovrà prendere sempre questo farmaco e fare i controlli INR?
Seconda domanda da quando ha iniziato a prendere il Coumadin ha sempre piedi e gambe molto gonfie, cosa di cui non ha mai sofferto, c'è da preoccuparsi?
Grazie per il Vostro consulto, buon Pomeriggio.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Massimo Tidu
36% attività
12% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Gentile utente.
La probabilità che si formi un coagulo di sangue nell'atrio di un anziano fibrillante è molto elevata per cui ritengo che debba continuare a prendere il Coumadin, in assenza di controindicazioni, poichè il rischio appena riferito normalmente è maggiore rispetto a quello di saguinamenti dovuti al trattamento anticoagulante orale.
Non credo che il coumadin sia da correlare alle gambe gonfie, mentre è possibile che non sia ben controllata la frequenza della fibrillazione atriale. Potrebbe esserci indicazione ad eseguire un ECG con visita cardiologica ed eventualmente un ecocardiogramma, ma per questo senta il vostro medico di fiducia.
A disposizione per ulteriori consulti