Utente 191XXX
Salve,
sono un ragazzo 20enne felicemente fidanzato con una persona che amo tantissimo, stiamo bene assieme, c'è feeling completo.
vi scrivo per chiedere consiglio, quando faccio l'amore col mio partner, ci metto tanto tempo per raggiungere l'orgasmo....troppo....(ci vogliono circa 40-45 minuti di masturbazione continua o di sesso orale....) e comunque, quando esso arriva non è molto intenso...si provo piacere ma non ai livelli del mio partner che ne ha di molto intensi, prolungati e (a suo dire) multipli...
fisicamente sono alto 185, peso 94kg, il mio pene in erezione raggiunge i 20cm per circa 15 di circonferenza, la quantità di eiaculato è abbondante(poco meno di 3/4 del classico bicchiere da 200 ad eiaculazione) e presento una ipertrofia della corona del glande.
la mia domanda è la seguente:a cosa è dovuta secondo voi questa mia lungimiranza nel raggiungere l'orgasmo e la scarsa "intensità" di questo...diviene da un fattore fisico o psicologico?
resto a disposizione per eventuali chiarimenti o delucidazioni
Fiducioso in una vostra tempestiva risposta
cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile lettore,

è impotrante sapere innanzitutto se ciò capita adesso per la prima volta con l'attuale partner, o se è sempre capitato.

Alcune possibili condizioni che possono interferire sulla latenza eiaculatoria comprendono: assunzione preliminare di alcool o particolari sostanze, eventuali problematiche prostatiche (per cui sarebbe corretta una valutazione specialistica).

Cordialmente,

Edoardo Pescatori
[#2] dopo  
Dr. Giuseppe Benedetto
28% attività
0% attualità
16% socialità
VICENZA (VI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2004
sarebbe utile una valutazione andrologica per individuare cause legate ad eventuali assunzioni di alcuni farmaci o altre sostanze
[#3] dopo  
Dr. Renzo Benaglia
28% attività
4% attualità
8% socialità
ROZZANO (MI)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2006
Caro utente, la sua eiaculazione meriterebbe uno studio scientifico molto dettagliato. Una eiaculazione standard (negli umani) varia da 1.5 ml a 5 ml, con valori eccezionali, estrapolati da un database di 12.000 esami seminali, di 12 ml. Stando a quanto scritto, risulta che lei eiacula 150 ml di sperma e questo è un dato irrealistico. Le consiglio di misurare con maggiore attenzione il volume del suo seme.
[#4] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
l'osservazione del dr. Benaglia è corretta e richiede da parte sua una riconsiderazione ed una rivalutazione. Comunque per ritornare alle difficoltà all'eiaculazione non bisogna dimenticare le problematiche neurologiche ed eventualmente , come detto dal collega Benedetto, le cause iatrogene , cioè causate da farmaci che vengono presi per altre patologie tipo ansiolitici, antidepressivi o alfalitici.

Giovanni Beretta.
[#5] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
prima di pensare ad una possibile interferenza psicologica, sarebbe il caso che Lei ci dicesse se assume o meno farmaci di qualsiasi genere. E poi, potrebbe precisare meglio cosa intende per ipertrofia della corona del glande? E' presente fimosi? Patologia del frenulo?
Può precisare tali dati?
Cordiali saluti.
Prof. Giovanni MARTINO
[#6] dopo  
Utente 191XXX

Iscritto dal 2006
per rispondere ai vostri quesiti,
1) sono completamente astemio, non faccio uso di sostanze stupefacenti e non ne ho mai fatto, ne fumo o ho mai fumato
2) sono in cura da 4 anni presso un medico omeopatico per un problema che iniziai ad avere 6 anni fa
3) questa latenza eiaculatoria la ho risontrata con l'attuale partner, i tempi si stanno mano a mano restringendo ma non in maniera sensibile
4) non ho problematiche prostatiche
5) la mia eiaculazione la ho misurata in maniera non scentifica ma semplicemente eiaculando in un bicchiere....tali volumetrie (da 1/2 -abbastanza frequente- ai 3/4 -più rado ma capitato magari dopo una lunga astinenza- di bicchiere) le raggiungo solo quando sono assieme al mio partner, se mi masturbo da solo il volume di eiaculato è molto minore come minore è la spinta verso l'esterno (se assieme al partner gli schizzi possono raggiungere i 40-50 cm)
resto a disposizione e aspetto vostri commenti alla luce delle nuove informazioni datevi
[#7] dopo  
Utente 191XXX

Iscritto dal 2006
per ipertrofia della corona del glande intendo (credo il termine sia corretto ma non ne sono certo) una papillomatosi...
[#8] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
faccia visionare quella che Lei definisce "papillomatosi" ad un Collega Dermatolgo. Francamente non riesco a focalizzare il problema. La quantità del Suo eiaculato...stiamo parlando di un bicchiere per acqua?...è francamente sorprendente. Anche questa merita una accurata raccolta di dati anamnestici ed una scrupolosa visita specialistica. Mi sono capitati casi di iperspermia, ma si9 limitavano a 12-15 cc di prodotto. Lei parla di bicchieri...
Mi spiace, so che non era questo il genere di risposta che magari si attendeva dal Forum. Ma credo che sia la risposta più corretta e professionale che io posso personalmente darLe.
Affettuosi auguri
Prof. Giovanni MARTINO
[#9] dopo  
Utente 191XXX

Iscritto dal 2006
la papillomatosi è stata diagnosticata da un dermatologo
si, il bicchiere è il classico bicchiere da acqua