Utente 128XXX
Circa quaranta giorni fa il mio ragazzo è stato ricoverato d’urgenza per embolia polmonare a seguito di un incidente stradale verificatosi i primi di Luglio dove ha riscontrato, oltre la frattura del radio sinistro la lussazione spalla destra e l'asportazione della milza, due micro-fratture al bacino.
Attualmente segue una terapia con un anticoagulante orale (Coumadin) e si sottopone ad un prelievo di sangue settimanale per verificare il valore INR e stabilizzarlo.
Volevo sapere se, tramite rapporti sessuali e i movimenti che questi implicano, possa essere, di nuovo, a rischio embolia o trombosi e se tale attività possa interferire con l'assunzione del suddetto farmaco.
Cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, non vi è alcuna correlazione tra l'attività sessuale e la terapia anticoagulante praticata.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 128XXX

Iscritto dal 2009
Il mio quesito non riguarda la terapia in sè per sè, ma il bacino.
Sono state proprio le fratture riscontrate e precedentemente citate a provocare lo sposatmento del coagulo di sangue,perciò ora,il mio ragazzo,teme che un qualsiasi movimento brusco possa far ricomparire il pericolo embolia.
Nel ringraziare per la cortese chiarificazione, si porgono cordiali saluti