Utente 339XXX
Egr. dottore, sono una donna di 32 anni iscritta ai programmi di screening preventivo tumorale gratuito; oggi ho eseguito la colposcopia in seguito al risultato poco chiaro del pap-test fatto nel giugno scorso. Come prima “pre-diagnosi”, il medico ha trovato una macchia bianca e dove ha optato di eseguire un prelievo di tessuto per un test più mirato.
Il risultato l’avrò il 26/10 (4 mesi per una diagnosi e meno male che è PREVENZIONE!). Nel pomeriggio sono andata dal mio medico curante per una prescrizione e l’ho informato dell’esito parziale della colposcopia, ho chiesto un parere e mi ha risposto che potrebbe essere un’infiammazione (ma io non ho mai avuto febbre, anzi sono 11 anni che non prendo l’influenza). La sua risposta non mi ha rassicurato per nulla come prima di eseguire la colposcopia.
Ora chiedo:
Quali potrebbero essere i risultati della biopsia?
• E per questi, quali sono le cause?
• È possibile che per avere una diagnosi ci vogliano 40 giorni per risultati di un pap-test, altri 40 giorni per la biopsia e 2 mesi di attesa per fare una colposcopia essendo iscritta a un programma di screening preventivo?
La ringrazio e Le auguro buona giornata.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Sandro Morelli
28% attività
4% attualità
16% socialità
VELLETRI (RM)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2007
Il prelievo si mette su un vetrino con una particolare colorazione e ci vogliono almeno 15 giorni perché si veda quello che a noi serve.
Una cosa così piccola può essere solo un fatto infiammatorio "locale" e poiché è locale naturalmente non viene febbre.

Aspetti con serenità, una cosa così piccola, qualunque essa sia, non è un problema, si può curare.
Dott. Sandro Morelli