Utente 129XXX
Buongiorno,

Abbiamo più casi di cardiomiopatia ipertrofica ostruttiva in famiglia: mio padre è morto d'infarto (56 anni), ad un nipote (7 anni)è stato diagnosticato la malattia ed a mia sorella lo stesso (46 anni).
Quest'ultima, dopo più di un anno di trattamento farmacologico, ha dovuto subire un'alcolizzazione del setto perché l'evoluzione della malattia era piuttosto rapida (l'operazione è stata fatta fine aprile). Sembra che tra poco, dovrà subire un'altra alcolizzazione.

Devo assolutamente fare degli esami (e quali) per sapere se ho la malattia considerato che non ho mai avuto sintomi ?

Ci sono in Nord-Italia (la mia famiglia vive in Francia) specialisti per esami ed eventualmente interventi simili?

Grazie per le vostre risposte.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
101860

Cancellato nel 2013
si può rivolgere alla cardiologia dell'ospedale Mauriziano di Torino (011-5082514): il primario, la dssa Conte, è uno dei maggiori esperti italiani della cardiomiopatia ipertrofica. Le saprà consigliare gli esami da fare.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 129XXX

Iscritto dal 2009
Grazie per questa prima risposta.
[#3] dopo  
Dr. Giacomo Terzi
20% attività
0% attualità
0% socialità
GENOVA (GE)
Rank MI+ 20
Iscritto dal 2009
Il trattamento della cardiomiopatia ipertrofica non è solo l'alcolizzazione, che per altro come tecnica è stata ridimensionata, per le molte problematiche che può determinare anche in operatori esperti.
Il fatto che potrebbe essere ripetuta ne è una dimostrazione,la scelta della terapia deve essere prima di tutto su indicazione clinica e comunque non è mai semplice.
In Italia Genova e Firenze sono dei punti di riferimento
ma le ricordo che le cardiologie e cardiochirurgie francesi sono eccellenti.
[#4] dopo  
Utente 129XXX

Iscritto dal 2009
Grazie Dr. Terzi, ma io vivo in Italia ed in caso di necessità, non mi sembra utile andare in Francia - d'altrove, è possibile farsi curare all'estero così, per scelta ? credevo che fosse possibile solo in certi casi !
[#5] dopo  
Prof. Emanuele Malta
16% attività
0% attualità
0% socialità
CATANZARO (CZ)
Rank MI+ 16
Iscritto dal 2009
gli esami diagnostici per la miocardiopatia ipertrofica possono inziare con un semplice E.C.G. a 12 derivazioni, utile per lo screening in quanto un E.C.G. normale può quasi escludere la diagnosi di miocardiopatia ipertrofica e questo perchè L'ECG dei pazienti affetti da tale patologia è caratteristicamente anormale. L'ecocardiografia bidimensionale è sicuramente il "gold standard" nella diagnosi di questa malattia. Utili sono pure un Holter ECG, che può evidenziare la presenza di una fibrillazione atriale, contrazioni precoci ventricolari o episodi aritmici ventricolari o sopraventricolari. La Risonanza Magnetica ed il cateterismo cardiaco sono utilizzati nella valutazione del paziente affetto da miocardiopatia ipertrofica. Il cateterismo cardiaco va considerato quando si evidenziano segni di ischemia miocardica o quando si intende prendere in considerazione l'intervento chirurgico.
Il trattamento della miocardiopatia ipertrofica prevede un attento inquadramento clinico del paziente con controlli periodici, eseguire una valutazione del rischio per morte improvvisa e stare attenti a qualunque cambiamento del quadro clinico . Per i pazienti sintomatici la terapia farmacologica consiste nell'utilizzare beta-bloccanti o calcioantagonisti oppure la disopiramide. L'ablazione settale alcolica, la stimolazione bicamerale e la miectomia del setto secondo Morrow sono gli altri presidi terapeutici a disposizione per la cura di questa malattia che vanno valutati in base alle condizioni cliniche del paziente.
[#6] dopo  
Utente 129XXX

Iscritto dal 2009
Grazie al Prof. Malta per la risposta dettagliata.
[#7] dopo  
Dr. Giacomo Terzi
20% attività
0% attualità
0% socialità
GENOVA (GE)
Rank MI+ 20
Iscritto dal 2009
Le ho solo ricordato che anche in Francia ci sono buoni centri cardiologici dato che scrive "Ci sono in Nord-Italia (la mia famiglia vive in Francia)"non quindi per estrofilia ma credevo le fosse più comodo. Concordo poi pienamente con il collega che ha fatto l'ultimo intervento.
Cordiali saluti
[#8] dopo  
Utente 129XXX

Iscritto dal 2009
Al Dr. Terzi,

Nessun problema ! avrei dovuto esprimermi meglio riguarda alla mia situazione geografica.

Grazie per la risposta.

Cordiali saluti.