Utente 269XXX
Buongiorno, vorrei sottoporvi un quesito che ultimamente mi genera molta ansia... mi è stato diagnosticato e curato con "bruciatura" il virus del HPV. Più o meno nello stesso periodo il mio ragazzo ha cominciato ad avere una irritazione alla base del glande, una specie di piaghetta dolorosa. A novembre gli hanno fatto un tampone dal quale è risultato positivo allo steptococco faecalis e gli hanno quindi prescritto il ciproxin per 7 giorni. La situazione è leggermente migliorata ma oggi a distanza di 3 mesi non guarita, presenta ancora una piaghetta sulla pelle e si irrita facilmente... ci può essere qualche correlazione col mio hpv? Che tipo di esami dobbiamo/deve fare? Nel frattempo ovviamente abbiamo avuto solo rapporti protetti... Grazie mille in anticipo per l'aiuto!

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2005
Gentile utente,

La diagnosi del tampone non può giustificare questa situazione, così come l'utilizzo di terapie antibiotiche potrebbe sovvertire dei quadri dermato-venereologici molto importanti (come il sifiloma primario ad esempio): nessuna ipotesi diagnostica quindi, ma il consiglio di rivolgersi al Venereologo per la diagnosi corretta del problema che interessa il suo partner: nel frattempo evitate ogni rimedio o terapia FAI-Da-TE.

Cari Saluti.
Dott. Luigi LAINO
Dermatologo e Venereologo, ROMA
[#2] dopo  
Utente 269XXX

Iscritto dal 2007
Gentile Dott. Laino, grazie mille per la sua risposta. La terapia antibiotica, così come il tampone, ci era stato prescritto da un andrologo... Ora il mio ginecologo mi ha suggerito di fargli ripetere gli esami (tampone) prima di prendergli appuntamento da un altro medico (dermatologo/venereologo), in modo da arrivare con un quadro clinico aggiornato... lei pensa che sia meglio fare prima la visita generale perchè gli esami potrebbero alterare la situazione/non essere quelli giusti? Mi piacerebbe riuscire a fargli risparmiare un po' di tempo senza troppi passaggi... grazie mille ancora per la disponibilità e complimenti per la velocità di risposta!
[#3] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2005
Le rispondo subito:
non abbia timore di passaggi in più da solo di passaggi inutili: il modo più congruo per affrontare la situazione è la diagnosi dermato-venereologica: o si risolve in tal sede oppure lo stesso specialista srà in grado di valutare e prescriverre le analisi migliori e più specifiche, le quali per etica ma sopratutto per vacanza di diagnosi è impossibile trarre in tal sede.
Saluti.
Dott. LAINO
[#4] dopo  
Dr. Luigi Mocci
40% attività
4% attualità
20% socialità
TORTONA (AL)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Gentile paziente,
la presenza di streptococcus foecalis è in realtà un falso problema: è molto spesso presente sui genitali sia maschili che femminili, perchè vive nell'intestino e, nelle donne per contiguità, negli uomini per rapporti sessuali o scarsa igiene può essere presente. Io sono convinto che non sia patogeno o che lo sia in seconda istanza: purtroppo una serie di colleghi tuttologi (i cosiddetti andrologi che dovrebbero curare non le Malattie Trasmesse sessualmenrte ma quelli che sono i disturbi della sfera riproduttiva, per i quali sono sicuramente culturalmente ottimamente preparati, o gli ibnfettivologi, che devono a tutti i costi dare antibiotici) sono pronti a creare malattie dove non vi sono, ovvero a tragicizzarle, oppure a volerle , non capendone un sacrosanto nulla, farle rientrare nelle loro, ahimè modeste, categorie culturali.
Poichè il problema che affligge il suo partner, ovvero la vostra coppia potrebbe essere almeno sei - sette cose totalmente differenti tra loro, la consiglio di rivolgersi con fiducia a quello che è l'unico specialista veramente preparato in questo campo, che è oil dermatologo, in quanto la specialòità è Dermatologia e malattie a trasmissione sessuale, ergo.....
UN caro augurio

Dr. Mocci