Utente 124XXX
Buongiorno.

Ho eseguito, in data 3 settembre, una mammografia di controllo.
Rispetto alla mammografia dell'anno precedente, che non aveva evidenziato nulla, il radiologo ha diagnosticato la comparsa di "microcalcificazioni raggruppate ed omogenee" al seno sinistro. Niente da segnalare al seno destro.
Mi ha quindi prescritto risonanza magnetica mammaria con mezzo di contrasto e successivo prelievo per esame istologico delle microcalcificazioni da effettuarsi con Mammotome.

Mi sono sottoposta alla risonanza magnetica due giorni fa e dispongo già del referto, il quale recita "non significative alterazioni di segnale in corrispondenza delle microcalcificazioni descritte alla precedente mammografia, anche con studio dopo infusione di mezzo di contrasto".

Premesso che ho la visita dal chirurgo senologo prenotata per mercoledì, vi chiedo cortesemente un parere:

1) con questo risultato alla RMN, posso stare relativamente più tranquilla?

2) secondo voi è necessario procedere ugualmente con il Mammotome (come io vorrei fare per avere una diagnosi sicura al cento per cento)?

3) è vero che il Mammotome consente di asportare anche tutte le microcalcificazioni, se presenti in un'area ridotta e circoscritta, in modo da non doverci pensare più?

Vi ringrazio dell'attenzione.
[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
1) Sì può stare più tranquilla

2)Sì perchè se fossero state interpretate come sicuramente benigne il radiologo non avrebbe richiesto nè la Risonanza magnetica , nè la microbiopsia

3)Sì se il raggruppamento di microcalcificazioni occupa una area relativamente piccola

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=43463
[#2] dopo  
124141

dal 2010
Buongiorno.

Nell'ambito degli accertamenti che sto effettuando per chiarire la situazione del mio seno, ho eseguito anche un ago aspirato di un'ectasia duttale presente nel seno sinistro.

L'esito dell'esame citologico è il seguente:
"Materiale amorfo, istiociti, singolo aggregato di cellule apocrine".

Potete spiegarmi cosa significa, in assenza della senologa che vedrò soltanto la prossima settimana?
Grazie.
[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Nulla di patologico ma da considerare poco significativo.