Utente 931XXX
Buongiorno,
le scrivo per un suo parere in merito a delle fitte intercostali che si presentano soprattutto in questo periodo dell'anno negli ultimi due anni. L'anno scorso ho fatto degli accertamenti (non solo per questo ma anche per altri problemi) ed è venuto fuori, in seguito a gastroscopia, che soffro di gastrite cronica (mi hanno detto in fase quiescente) e di reflusso gastroesofageo con sospetto di un problema alla valvola mitrale visto che avevo spesso sintomi simili a quelli dell'attacco cardiaco (fitte alla parte sx, tachicardia, nausea, senso di mancanza del respiro, brividi). Ho eseguito così l'ecodoppler cardiaca dalla quale non si rilevava nessun problema nemmeno alla valvola mitrale. Ho poi eseguito anche una radiografia al torace e anch'essa non riscontrava nessuna anomalia. Poi per un pò non ho avuto problemi, mentre da un paio di mesi si sono ripresentate queste fitte a volte molto forti sempre nella parte sx, che peggiorano col respiro intenso, infatti quando si presentano devo respirare piano e massaggiandomi dopo un pò passano, usando magari anche una potata anti-infiammatoria (Naprosyn). Mi capitano al risveglio, ma anche la sera prima di coricarmi o durante il giorno a volte. Ne ho parlato anche con un fisioterapista che ha parlato di fibromialgie (ma non ho fatto una visita vera e propria) e ho eseguito per mia tranquillità un' ECG sotto sforzo per essere più tranquilla e poter escludere il cuore.
Inoltre pratico yoga e da poco ho ricominciato a frequentare la palestra, pensa che la respirazione intensa possa peggiorare questo problema? Secondo lei devo eseguire altri accertamenti o fare qualche terapia? Oppure continuare con il Naprosyn?
Grazie tanto per la disponibilità

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Paolo Scanagatta
32% attività
16% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Buonasera,

Volevo solo sapere se i disturbi che lei accusa aumentano con la digitopressione (è una caratteristica che hanno i dolori di tipo osteomuscolare). In caso affermativo, e previa conferma di una visita medica, sarebbe corretto trattare questi dolori con farmaci di tipo antiinfiammatorio, sia a livello topico (pomate), che eventualmente per via orale (compresse, bustine).
Qualora invece a tali dolori fossero associate delle parestesie (formicolii) o delle sensazioni di "peso" o di anestesia, potrebbe trattarsi di un problema di tipo nevritico periferico(per il quale esistono farmaci specifici, sempre previa conferma dei sintomi mediante visita).

Rimanendo a sua disposizione, la saluto cordialmente,
[#2] dopo  
Utente 931XXX

Iscritto dal 2008
Per quanto riguarda i dolori, quelli più profondi che compaiono ogni tanto e peggiorano con l'inspirazione intensa sono di tipo puntorio e più interni, mentre alla digitopressione sento che ho delle zone comunque un pò dolenti anche quando non ho questi dolori più intensi. Inoltre ogni tanto soffro anche di dolori cervicali e ho delle cisti al seno, non so se la cosa possa essere collegata anche a questo.
La postura e la masticazione possono influire?
Grazie ancora
cordiali saluti
[#3] dopo  
Utente 931XXX

Iscritto dal 2008
In realtà sono più convinta che sento un pò di dolore solo premendo nella zona del seno, perchè per il resto non sento dolore alla digitopressione, ma si tratta più di un dolore come dicevo prima di tipo profondo e puntorio come se qualcosa mi trafiggesse (sempre a sinistra).
Visti gli esami effettuati posso stare tranquilla che non siano problemi cardiaci?
Grazie buona serata
[#4] dopo  
Dr. Paolo Scanagatta
32% attività
16% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Per storia, tipo di sintomatologia ed esami effettuati sembrerebbero dolori di tipo osteomuscolari (e la postura/attività fisica può delle volte influire).

Un controllo cardiologico ulteriore (valutata la sede del dolore) potrebbe essere utile per togliere ogni ulteriore dubbio.

Saluti cordiali.

[#5] dopo  
Utente 931XXX

Iscritto dal 2008
Buongiorno,
in merito al controllo cardiologico mi consiglia di fare altri accertamenti oltre a quelli già eseguiti?
Ho fatto circa un'anno fà l'ecodoppler ed andava bene, mentre da poco ho eseguito sia l'ECG normale che quella da sforzo massimale al cicloergometro e non risultavano problemi (solo ho i battiti un pò alti a riposo e per questo la cardiologa mi ha consigliato un pò di attività fisica di tipo cardio).
Grazie ancora per la sua pazienza e disponibilità
[#6] dopo  
Utente 931XXX

Iscritto dal 2008
Un'ultima domanda: il dolore osteo-muscolare può essere di tipo "puntorio" improvviso come quello da me descritto anche senza dolore alla digitopressione? Contano comunque le pomate per uso locale?
Cordiali saluti e buona giornata
[#7] dopo  
Dr. Paolo Scanagatta
32% attività
16% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
La risposta è sì, comunque può coesistere una componente di tipo nevritico periferico.
Per le altre considerazioni la rimado a quanto già scritto nei post 1 e 4.

Rimanendo a sua disposizione le porgo i miei più cordiali saluti.

Buona domenica.
[#8] dopo  
Utente 931XXX

Iscritto dal 2008
La ringrazio molto. Non ho però capito se occorrono altri accertamenti per il cuore visto che ho già fatto diversi controlli...
[#9] dopo  
Dr. Paolo Scanagatta
32% attività
16% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
La situazione va valutata in base alla sintomatologia che avverte, visto che esami eseguiti in periodi "liberi" da sintomi (anche un test provocativo come l'ECG da sforzo) possono risultare negativi. Questo vale anche se cinque minuti prima dell'esame si avvertiva il dolore.

In particolare occorre considerare come, con un dolore in atto in sede toracica sinistra e concomitanti sintomi di difficoltà respiratoria (oppure di "fame d'aria")è importante eseguire un accertamento cardiologico urgente mediante accesso in Pronto Soccorso.

Tuttavia ribadisco il mio pensiero che la sua storia e i suoi sintomi mi sembrano più suggestivi di un dolore di tipo osteomuscolare che di tipo cardiologico.


La saluto cordialmente,
[#10] dopo  
Utente 931XXX

Iscritto dal 2008
L'anno scorso sono stata al pronto soccorso per un episodio simile ed è stata eseguito un ECG (anche se in realtà le fitte mi pare che fossero già passate quando ero arrivata) e visto che andava tutto bene hanno detto che si trattava di una crisi d'ansia. Altre volte quando mi svegliavo di notte ho chiamato la guardia medica che mi ha consigliato di prendere qualcosa contro l'ansia. Forse vista la mia età 30 anni (dalla scheda risulta 44 perchè è di mia cugina) hanno pensato di escludere il problema cardiaco.
Io comunque non vivo molto serenamente questa cosa, forse ho davvero un pò d'ansia, visto che ho diversi problemi come le dicevo di tipo gastro-enterico e mi hanno detto che anche la gastrite può dare fitte, ma sinceramente mi sembra che siano così profonde e scollegate dallo stomaco anche perchè si presentano in momenti in cui non ho problemi gastrici.
Poi le fitte durano anche pochi minuti e in questo periodo si presentano abbastanza spesso dunque mi risulterebbe difficile tutte le volte correre al pronto soccorso.
Mi scusi per lo sfogo e la ringrazio per il suo consiglio, magari ne riparlerò anche con la cardiologa che mi segue.
Cordiali saluti
[#11] dopo  
Dr. Paolo Scanagatta
32% attività
16% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Si figuri,
rimango a sua disposizione per eventuali ulteriori necessità.

Cordiali saluti,