Utente 697XXX
gentile dottore
sono una donna di 35 anni che ha partorito esattamente un mese fa con taglio cesareo al 7 mese di gravidanza per problemi al bimbo che purtroppo è morto il giorno dopo.
Il problema che aveva mi ha comportato l'assenza completa di liquido amniotico e quindi la mia placenta era ingrossata e rovinata.
Tutto cio' mi ha provocato uninnalzamento di pressione, un po' anche per l'agitazione e il dolore sono arrivataa 150/110 la mia pressione è sempre stata 120/80 e 110/70.
Mi hanno prescritto uan terapia per 15 giorni di aldomit tre pasticche 3 volte al giorno ma dopo una settimana mi abbassava troppo la pressione quindi ho ridotto le pasticche fino a prenderne una al giorno...la cura l'ho fatta per 15 giorni..ho sempre tenuto sotto controllo la pressione e andava bene ma ultimamente soprattutto la mattina mi prendono delle vampate di calore e comincio a sudare..mi misuro la pressione e ho 130/90 da un braccio el'altro 120/80..mi prende una strana sensazione all'attaccatura dei capelli sopra la fronte..per farla breve all'inizio della testa e un pressione sulle tempie.
Tutto questio dipende dalla pressione alta??
Mi consiglia una visita dal cardiologo??
Premetto che sono una persona gia' paurosa di mio poi dopo questa tragedia sono sempre nervosa e ovviamente disperata.
Grazie per la risposta.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, il suo giustificato, ma alterato, stato emotivo potrebbe essere causa del suo alterato stato pressorio, che indubbiamente va valutato da un collega cardiologo. Consideri anche l'ipotesi di un eventuale supporto psicologico.
Saluti