Utente 895XXX
Gentili dottori ringraziandovi anticipatamente per quello che fate vorrei farvi una domanda in merito a degli esami ematologici fatti da mia mamma, in cui il colesterolo è risultato alto.

VALORI


COLESTEROLO TOTALE – 261 VALORE DI RIFERIMENTO 10/240



HDL – 39 VALORE DI RIFERIMENTO maggiore di 65 mg/dl nessun risch
trà 45/65 mg/dl risch. Moderato
minore di 45 mg/dl alto rischio



LDL – 180 VALORE DI RIFERIMENTO minore di 100 valore ottimale
100/129 quasi ottimale
130/159 alto a limite
160/189 alto
190 alto



TRIGLICERIDI - 302 VALORE DI RIFERIMENTO 0/160




Il medico dell’ospedale dove mia mamma è stata sottoposta a controllo e ha fatto gli esami le ha prescritto dei farmaci per fare abbassare il colesterolo, ma appena mia mamma è andata dal suo medico di famiglia quest ultimo gli e la sconsigliati dicendole che i valori non sono così alti da assumere questi farmaci.
Premetto che mia mamma è stata colpita 2 anni fa da una leggera ischemia transitoria (T.I.A) che si è risolta senza nessuna conseguenza, e attualmente è sottocura con degli anticoagulanti.
La mia domanda è: il medico di famiglia ha fatto bene a non prescriverle i farmaci? i valori sopra indicati sono da ritenere alti? è il caso di insistere sulla prescrizione?
Premetto che mia madre fa una dieta controllata.
Attendendo un vostro consulto porgo distinti saluti.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Prof. Marco Catani
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
gentile utente,

intanto bisognerebbe sapere se il medico dell'ospedale è uno specialista.

in linea di massima dovrebbero essere eseguiti degli esami diagnostici e soprattutto rivolgersi ad uno specialista.

cordiali saluti
[#2] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Gentile Utente,
poiché ci ripropone lo stesso quesito del 13/08, potrebbe essere opportuno avere qualche ulteriore consiglio dai Colleghi dell'area Diabetologia e Malattie del Metabolismo.
Col permesso del Prof Catani, che potrà comunque continuare a intervenire, provvedo a spostare il Consulto in questo settore.
[#3] dopo  
Dr. Mario Manunta
28% attività
4% attualità
16% socialità
PALERMO (PA)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Gentile Signore, non entro nel merito se il Medico Curante ha fatto bene o no, ognuno di noi agisce secondo scienza e coscienza, quindi avrà avuto le sue buone ragioni per non prescrivere il farmaco a sua madre; tuttavia, proprio in questo campo, non è questione di parere. Le linee Guida parlano chiaro, in un quadro clinico come quello di sua madre si devono assolutamente assumere le statine, e aggiungo anche l'aspirina, salvo che non esistano controindicazioni forti che leii non ha specificato e che il Collega Curante conosce. Probabilmente la condizione dismetabolica è precedente ai T.I.A. ed è stata causa degli stessi. Mi auguro che abbia eseguito anche un ecocolor Doppler dei Tronchi sovra Aortici (T.S.A.). Il futuro della medicina è la prevenzione; una volta che esistono i mezzi terapeutici, perchè sfidare la sorte?
Ci tenga informati sugli sviluppi.
Molto Cordialmente
[#4] dopo  
Utente 895XXX

Iscritto dal 2008
Grazie mille dottore