Utente 130XXX
Gentile dottore, ho 41 anni e da circa nove anni ho seguito una dilatazione del primo tratto dell'aorta ascendente che attualmente misura 51 mm.
Nel 2007 ho effettuato una consulenza cardiochirurgica (quando la dilatazione era di 50 mm) e mi hanno consigliato di assumere Beta bloccante e controllare ogni 6 mesi la dilatazione. Premetto che sono iperteso e ho una valvola aortica bicuspide, e assumo attualmente la mattina il beta bloccante (2,5 mg) e il pomeriggio TRIATEC 10 mg.
Nel 2009 ho effettuato un altra consulenza cardiochirurgica e mi hanno consigliato di effettuare l'intervento di Bentall.
Premetto che due giorni prima della consulenza cardiochirurgica ho effettuato un ecocolordoppler la quale mi segnalava la dilatazione a 51 mm.
Premetto anche che nei nove anni di esami ecocardiografici è stato sempre lo stesso cardiologo che li ha effettuati questo per avere sempre gli stessi parametri di valutazione.
Attualmente sono asintomatico.

Vorrei sapere cosa ne pensa, posso aspettare ancora ho devo far eseguire l'intervento?

Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Andrea Annoni
28% attività
12% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,indubbiamente il problema c'è e purtroppo considerando anche la sua giovane età l'intervento sarà prima o poi da effettuare;il fatto che lei sia ancora asintomatico potrebbe permettere di ritardare ancora un pochino se non se la sentisse di sottoporsi subito all'intervento,ma naturalmente col passare del tempo e l'aumento della misura il rischio stesso di aumenta;eventualmente ne parli col cardiologo che la segue sulla possibilità di completare l'iter diagnostico con altri esami come una aortografia e coronaro-ventricolografia e una TAC per avere delle delucidazioni maggiori sulle caratteristiche volumetriche e anatomiche della dilatazione e sul funzionamento della valvola aortica;l'ecodoppler che lei ha eseguito è transtoracico o transesofageo?quest'ultimo è senz'altro più preciso anche se un pochino più fastidioso per lei;quindi ricapitolando provi a parlarne col cardiologo curante per poter studiare con altri esami e accertamenti l'entità del problema per avere un quadro completo il più possibile su cui decidere.
Cordialmente
dr.Annoni
www.questionidicuore.com
[#2] dopo  
Utente 130XXX

Iscritto dal 2009
Grazie per la risposta.
Dagli ultimi esami ecocardiografici transtoraci il cardiologo mi dice che la valvola ancora chiude abbastanza bene.
Comunque voglio ringraziarla per la risposta.