Utente 856XXX
Gentili Dottori,
vi chiedo gentilmente di leggere lo spermiogramma del marito ( 41 anni )in quanto non riusciamo ad avere un figlio e il ginecologo ritiene possa essere proprio questo il nostro problema ( io ho eseguito tampone vaginale e faringeo nella norma, nessun altro esame ) :
esame chimico : aspetto avorio, volume 2 ml, ph 8, fluidificazione completa, viscosità nella norma, numero 30 mil/ml, Motilità dopo due ore dalla raccolta lineare rapida 34%, lineare lenta 18%, progressiva non lineare 5%, oscillazione in situ 0%, spermatozoi immobili 43%. Esame microscopico ( criteri di kruger ) : forme tipiche 3% e atipiche 97%, cellulre spermatogene alcune e altri elementi assenti.
Giudizio conclusivo normospermia; teratozospermia.
Il ginecoloco ha consigliato di effettuare l'analisi di testosterone, prolattina, tsh e ft4 prima di andare da un urologo.
A me nessun esame.
Ritenete necessario andare a rifare lo spermiogramma o no ? Gli esami consigliati sono corretti ? C'è dell'altro che possiamo fare ?
Vi ringrazio se vorrete toglierci questi dubbi.
Cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mario De Siati
32% attività
20% attualità
16% socialità
ALTAMURA (BA)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2000
Prima di eseguire gli esami le consiglio una visita andrologica, lo specialista, dopo la vista,consiglierà a suo marito gli esami utili per porre una corretta diagnosi che da questa sede non è ovviamente possibile fare.

Distinti saluti
[#2] dopo  
Utente 856XXX

Iscritto dal 2008
Dottore grazie per la celere risposta.
Perdoni l'ignoranza : che differenza c'è tra urologia e andrologia ? Ancora grazie e cordiali saluti.
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Cara lettrice,

la differenza tra un andrologo ed un urologo è dovuta al fatto che generalmente il primo, anche quando affronta problemi nell'area uro-genitale o propriamente urologica, pensa sempre anche alle future conseguenze che possono avere le eventuali indicazioni diagnostico-terapeutiche sulla sfera sessuale e riproduttiva.

Se desidera poi avere più informazioni dettagliate su questa disciplina, le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=69473

Un cordiale saluto.