Utente 130XXX
Gentili dottori,
ringraziandovi per la disponibilità e la cortesia, vi parlo del mio caso. Ho 33 anni e da anni, almeno 5, soffro di attacchi di ansia e di panico. Il primo periodo è stato tra i peggiori della mia vita. Conoscete l'iter, non sapevo cosa fosse, mi hanno consigliato di fare mille esami e risultava tutto nella norma, o quasi. Dico quasi, perché mi è stata diagnosticata una tiroidite autoimmune, con linfonodi sparsi qua e là, ma senza particolari problemi. E' passato il tempo e il problema con l'ansia non si risolve. In alcuni periodi, poi, è davvero disarmante. Non ho mai preso farmaci, mi sono sempre curato con rimedi naturali. Ma, ecco che arrivo all'oggi, da qualche giorno ho ceduto allo Xanax, perché mi dà un aiuto non indifferente a placare il mio affanno. E' uno il sintomo che più di altri mi desta preoccupazione: quella sensazione di affaticamento al cuore, che sembra un soffio o una sorta di fibrillazione, non so come spiegarla, che mi viene di tanto in tanto quando sono particolarmente ansioso e ho la tachicardia. Stamane, poi, ho avvertito anche un leggero giramento di testa... Due anni fa, proprio perché temevo di avere problemi al cuore, ho fatto un esame sotto sforzo per ottenere il certificato di idoneità agonistica. E l'ho passato senza particolari problemi. Il medico mi ha detto che non c'erano problemi di sorta. Crede che debba fare indagini più approfondite per questa nuova sensazione al cuore? Crede che dipenda dallì'ansia e che non mi debba preoccupare più di tanto?
Grazie infinite per la cortesia

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Massimo Tidu
36% attività
12% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Gentile utente:
Credo possa dipendere dall'ansia, tuttavia solo un controllo cardiologico con esecuzione di un ECG potrebbe escludere problematiche cardiologiche.
A disposizione per ulteriori consulti
[#2] dopo  
Utente 130XXX

Iscritto dal 2009
Grazie dott. Tidu, molto gentile per la risposta. Ma non crede che l'esame completo sotto sforzo possa escludere eventuali patologie cardiache? Dopo tutti gli esami che ho fatto nel corso degli ultimi tempi, riuscissi a non rientrare nel tunnel dell'apprensione, sarei felice... E ancora, può la tiroidite influire in modo pesante e decisivo anche sul funzionamento del cuore? E, se sì, ritiene che possa essere una cosa grave?
Grazie ancora e buona serata
[#3] dopo  
Dr. Massimo Tidu
36% attività
12% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Gentile utente:
Senza prima aver eseguito un ECG a riposo e una visita cardiologica (con una chiara ed esauriente anamnesi) non posso sapere se ci sia indicazione all'esecuzione di una prova da sforzo, che tuttavia dalla descrizione dei suoi sintomi parrebbe poco indicata.
A disposizione per ulteriori consulti