Utente 130XXX
Buongiorno, sono una ragazzo di 28 anni che ultimamente si sta ponendo dei problemi riguardo a dei comportamenti tenuti negli anni passati.Potra' sembrare una domanda strana ma le chiedo gentilmente di fornirmi una risposta in merito. In passato ho rotto, manualmente, delle schede stampate di un pc. All' epoca mi ero accorto di avere dei pezzettini di vetro sulle mani, ma non ci avevo dato peso..In questi giorni ho scoperto che fra i materiali che compongono le schede elettroniche ce' la vetronite ( il materiale verde su cui sono appoggiati i circuti) e che tale materiale e' cancerogeno a causa di piccoli frammenti vetrosi che possono staccarsi in seguito ad una rottura, ora la mia domanda. Tali materiali sono davvero cancerogeni? Anche a seguito di un esposizione limitata come la mia ( in totale 4 schede rotte) ci sono rischi a causa dell inalazione di tali fibre?!. Grazie.
[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
LECCO (LC)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Stia tranquillo.

A prescindere che siano o meno cancerogene contano in linea generale le lunghe esposizioni generalmente professionali.
[#2] dopo  
Utente 130XXX

Iscritto dal 2009
La ringrazio della risposta, la mia paura e' stata prodotta dall aver letto che tali sostanze ( le fibre di vetro), hanno un effetto simile a quello dell amianto..e che quindi anche una singola esposizione puo' provocare problemi. Lei cosa ne pensa a riguardo?
[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
LECCO (LC)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Mi riferivo infatti alle esposizioni professionali di lunga durata e quindi può stare tranquillo.

Legga i consulti simili con il motore di ricerca interno di Medicitalia <<<CERCA>> in alto a destra digitando >>rischio amianto>>>
[#4] dopo  
Utente 130XXX

Iscritto dal 2009
La rigranzio della celerita' e della chiarezza nelle sue risposte. Ho gia' cercato nelle risposte " rischio amianto", e in effetti ho visto che vagando nel web si leggono le teorie piu' disparate, allo stesso modo posso intuire che in questi casi la medicina deve, per forza di cose, affidarsi alle percentuali..
Mi scuso se l' ho ulteriormente disturbata, ma in questi giorni sono stato molto preoccupato per questa faccenda. La sua risposta mi ha tranquilizzato, ma devo ancora avere il tempo di "metabolizzare" il tutto.
La ringrazio ancora.Saluti.