Utente 508XXX
Salve,
Mi chiamo fabio ho 21 anni, sempre giocato a calcio per 14 anni fino a 6 mesi fà, sono ansioso di carattere.
Ho scoperto di soffrire di una tiroidite a causa di eventi come tachicardia, e altri sintomi dell' ipertiroidismo per questo dopo le accurate analisi dell' endrochinologo (TSH-ANTICORPI) mi ha diagnosticato un passaggio all IPOtiroidismo!questa tiroidite me la porto dietro da un anno secondo il dottore in questione.
Oggi esattamente trovandomi ad essere visitato da un cardiologo ho cominciato ad avvertire i SOLITI sintomi ansiosi che si presentano quasi quotidianamente di tachicardia con battito regolare...di cui mi preoccupo pochissimo essondoci ormai abituato!
Stendendomi sul lettino per fare l'elettrocardiogramma comincio a notare un aritmia (come se mi si fermasse il cuore...) e dopo due secondi esatti ritornare alla solita ritmica tachicardia..questo è successo per ben 3 volte nel giro di un minuto.La sfortuna ha voluto che nel momento che ha attivato la macchina dell ECG io avevo una tachicardia ritmica (cosi come si nota sul grafico) pari a 130 battiti al minuto.
Ovviamente da soggetto ansioso che sono e preoccupato non sapendo se poteva derivare dalla Tiroide, dal mio stato ansioso, oppure da problemi cardiaci non riscontrati dal medico (anzi mi ha detto che ho un cuore sano) nn mi basta e leggendo ovviamente da TIPI diversi di aritmia essendo la 3a volta che mi succede nella mia vita, la sensazione del cuore che si ferma un pò mi ha turbato, volevo sapere se devo approfondire il discorso! oppure posso finalmente e speriamo per sempre curare SOLO la mia tiroide senza preoccuparmi di questi episodi.

GRAZIE INFINITE

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
sebbene le sue sensazioni siano indubbiamente veritiere, ciò non toglie che il collega, che l'ha visitato e ha proceduto alla lettura dell'ECG, se avesse avuto dei dubbi diagnostici avrebbe già provveduto a prescriverle degli opportuni approfondimenti. A distanza non è possibile avere un quadro più chiaro di quanto non possa averlo il collega a cui lei fa riferimento. Se ha dei dubbi li esponga a lui.
Saluti