Utente 274XXX
Aiuto!!!!
Ho 38 anni, sono una donna di Torino che da tre anni soffre di un problema agli occhi, problema ad oggi irrisolto e che mi rende la vita un inferno.Tre anni fa ho iniziato ad avere una serie di congiuntiviti che si tentavano di curare con colliri a base di cortisone ed antibiotici.Purtroppo pero' erano recidive finchè, dopo un paio di mesi, è subentrata una secchezza oculare e dolore.ho fatto i seguenti esami:allergologici, ricerca della clamidia, ANA,SSA,SSB,IGC, etc.. tutti negativi,dall'ecografia tiroidea risultava un lieve ingrossamento della tiroide dx, l'ecografia delle ghiandole salivalri negativa.L'oculista sospettava la sindrome di Sjogren ma il dott. Modena, reumatologo stimato di Torino, dopo alcuni esami ripetuti per mesi l'ha quasi esclusa. Oggi il test di Shimer è spesso negativo, ma la mia lacrima ha una composizione poco lipodica.Inizia ad andare alla ricerca di specialisti in ogni campo:immunologi,endocrinologi, oculisti, ginecologi.Ho provato la medicina convenzionale e non.Nulla pero', il dolore è rimasto.Riesco a convivere con il prolblema della secchezza oculare che si presenta soprattutto al mattino e alla sera e che attenuo con lacrime artificiali, ma è assolutamente insopportabile il dolore che mi provocano le continue micro cisti che si formano all'interno delle palpebre superiori e che mi creano dei mal di testa pazzeschi. Aiutatemi Vi prego, qualsiasi consiglio, sono disperata.Grazie di cuore.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Gianluca Capra
28% attività
8% attualità
12% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2004
per effettuare diagnosi si puo attuare una biopsia delle ghiandole salivari minori a livello dellabbro inferiore,metodica di prelievo effettuabile anche in ambulatorio, si consulti con un orl
mi faccia sapere
[#2] dopo  
Utente 274XXX

Iscritto dal 2007
Intanto grazie per la risposta celere.Sono le persone come Lei che mi fanno avere ancora qualche speranza.
Onestamente devo dirLe che il Dott. Modena mi aveva sconsigliato a suo tempo tale esame da Lei suggerito, poichè non risolutivo, a parer suo, di una diagnosi certa.