Utente 919XXX
Salve,

mio padre un uomo di 59 anni in leggero sovrappeso (non di molto), ha in passato avuto un episodio di fibrillazione atriale curato in ambito ospedaliero con somministrazione di eparina e poi con la digitale, dopodichè il problema è cessato, il cardiologo gli ha prescritto l'Isoptin in compresse da prendere 3 volte al giorno, da circa un giorno ha la fibrillazione atriale ed ogni giorno si reca all'ospedale per farsi fare l'eparina nella speranza che cessi la fibrillazione che si manifesta in bassa frequenza. Volevo chiedere, è una situazione allarmante?? Il cardiologo di fiducia ritorna tra una settimana e siccome questa fibrillazione non passa pur essendo a bassa frequenza, volevo chiederle cosa poter fare ma soprattutto se stare tranquillo.

In attesa di un suo cortese riscontro le mando i miei più cordiali saluti.

Grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Massimo Tidu
36% attività
12% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Gentile utente:
L'eparina somministrata in ospedale nel precedente ricovero serve per impedire la formazione di coaguli di sangue all'interno del cuore fibrillante, poichè tale evenienza rappresenta la complicazione piu' temibile della fibrillazione atriale.
E' bene far "passare" la fibrillazione atriale solo quando si ha la certezza che essa sia insorta da meno di 48 ore. Se il lasso di tempo fosse maggiore o se non ci fosse la certezza sul momento di insorgenza dell'aritmia, conviene scoagulare il paziente per almeno 3-4 settimane, somministrando nel frattempo farmaci che non cardiovertano (= facciano passare l'aritmia), ma che ne controllino solo la frequenza cardiaca. Dopo 3-4 settimane di corretta scoagulazione sarà possibile pensare di somministrare farmaci che possano far passare la fibrillazione. Se si facessero cose piu' affrettate, la possibilità di formazione di coaguli di sangue, con possibilità di ictus o embolie periferiche è molto alta.
A disposizione per ulteriori consulti
[#2] dopo  
Utente 919XXX

Iscritto dal 2008
Gentile Dott. Tidu,

ringraziandola per la risposta tempestiva, volevo altresì chiederle se può accadere che la fibrillazione atriale non passi, mi spiego meglio, tenga conto che ora sono circa 48 ore che mio padre ha quest'aritmia ed al momento ha solo l'eparina (Che giustamente mi ha spiegato il motivo del suo utilizzo), ma continua a prendere l'Isoptin 3 volte al giorno come consigliato dal medico, ora l'Isoptin ha funzionalità che cardiovertano? Spero di essere stato abbastanza esauriente.

Grazie mille per la sua disponibilità.

[#3] dopo  
Dr. Massimo Tidu
36% attività
12% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Gentile utente:
la probabilità che l' isoptin possa far passare la fibrillazione atriale e' relativamente bassa.
A disposizione per ulteriori consulti
[#4] dopo  
Utente 919XXX

Iscritto dal 2008
Gentile Dr. Tidu,

i medici che hanno curato in ospedale mio padre hanno detto che se non dovesse passare l'aritmia, devono procedere con una terapia apposita con l'assunzione di farmaci. Lei mi sa indicare che tipi di farmaci potrebbero essere utilizzati? E che probabilità hanno di far cessare l'aritmia insorta?

Grazie mille.

[#5] dopo  
Dr. Massimo Tidu
36% attività
12% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Esistono varie categori di farmaci che hanno possibilità di cardiovertire (quando sarà arrivato il momento) la fibrillazione atriale.
Si tratta di scegliere solo quello piu' adatto alle consizioni cliniche si suo padre e solo il cardiologo che visiterà suo padre , dopo aver preso visione degli sami eseguiti in toto, potrà indicare quello giusto.
Saluti