Utente 122XXX
Salve, il mio compagno (28 anni), il 3 settembre scorso, ha subito un intervento per la presenza di un varicocele di 3° grado al testicolo sx. A distanza di un mese la ferita inguinale, di lunghezza circa 7-8 cm, appare ancora molto indurita, un po' gonfia e dolente, nonostante la parte superficiale si sia rimarginata molto bene nei tempi attesi. Il quesito che vorrei cortesemente sottoporvi è il seguente: questo decorso post-operatorio è nella norma? E in caso contrario, è possibile intervenire in qualche modo per accelerare la guarigione? Vi ringrazio anticipatamente per la risposta e mi congratulo per il servizio offerto dallo staff di medicitalia.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Cara signorina,
francamente non so diurle se si tratta di cheloide (cicatrice esuberante) o di un ritardo cicatriziale dovuto ad una modesta infimmazione/infezione locale. Lo faccia vedere all collega che ha operato e faccia sapere.
[#2] dopo  
Utente 122XXX

Iscritto dal 2009
Grazie infinite anche per la celerità della risposta...riferirò al mio compagno e le faremo sapere
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Siam qua.