Utente 111XXX
salve ho 39 anni e devo essre operato di ernia inguinale in anestesia locale e sedazione. ho gia'avuto altri interventi chirurgici ma sempre in anestesia generale . l'anestesia locale per me'e'una novita'e vorrei gentilmente avere alcune informazioni: fa male l'anestesia quando viene iniettata all'inguine? il pensiero di un ago all'inguine non mi fa' stare tranquillo. viene seguita in sala operatoria? dopo l'intervento serve posizionare il catetere? la sedazione fa'dormire durante l'intervento o si è lucidi completamente? che rischio anestesiologico comporta a locale? grazie per la cortese attenzione. distinti saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Stelio Alvino
44% attività
16% attualità
20% socialità
MONTEPULCIANO (SI)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2008
Gentile Utente, se ha mai fatto una anestesia locale dal Dentista ha una vaga idea di come possa essere questa che affronterà....
Il dolore dell'iniezione di anestetico è in realtà abbastanza soggettivo: alcuni avvertono di più la sensazione di bruciore dell'anestetico al momento dell'inoculo, altri provano fastidio solo all'infissione dell'ago nella cute.
Altri ancora ben "premedicati" con delle benzodiazepine (cioè hanno assunto farmaci prima di arrivare in sala operatoria per essere più tranquilli) non manifestano particolari sensazioni.
In realtà anche se all'inguine la puntura non è più fastidiosa di altre, forse è più il pensiero che preoccupa che la reale esecuzione...
Ovviamente come per tutte le anestesie va eseguita in sala operatoria e non prima. Può anche essere fatta da un Anestesista anche se generalmente viene eseguita dal Chirurgo che effettua l'intervento. Invece sarà di stretta pertinenza anestesiologica la sedazione fatta per un miglior comfort del paziente e per mantenere una migliore immobilità per l'intevento.
Probabilmente il chirurgo avrà necessità di fare delle punture ripetute su vari piani anatomici in profondità per completare l'intervento. La sedazione l'aiuterà di certo a ridurre l'eventuale disagio incontrato.
Il rischio anestesiologico anche per una anestesia locale va valutato non tanto per l'anestesia di per se ma è la risultante di diversi fattori:
1) Il suo stato di salute (attuale e pregresso e la terapia eventualmente assunta)
2) La tipologia di intervento;
3) La sua durata;
quindi di tipo multifattoriale.
Ogni atto medico ha in se un margine di rischio ipotetico per il quale si firma un consenso informato. Sapendo già che fa una locale con sedazione probabilmente ha già fatto la visita preoperatoria dal Collega Anestesista.
Comunque per sdrammatizzare e concludere i rischi per una ernioplastica in locale statisticamente sono molto bassi...
In bocca al lupo
[#2] dopo  
Dr. Anna Maria Martin
36% attività
16% attualità
20% socialità
()
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
.....per farla stare ancora più tranquillo, gentile utente, aggiungo che l'anestesista può "approfondire" la sedazione nei momenti più fastidiosi della procedura chirurgica(per asempio le varie inoculazioni di anestetico) in modo che lei abbia il massimo confort. Spero che siamo riusciti a tranquillizzarla, in bocca al lupo anche da me.
[#3] dopo  
Utente 111XXX

Iscritto dal 2009
salve vi ringrazio di avermi risposto in modo semplice ed esaudiente cosi' mi sono tolto i dubbi che avevo riguardo l'anestesia locale. e'molto anche lo stress psicologico al pensiero di essere svegli durante un intervento chirurgico. vi terro'aggiornati e in caso di bisogno mi rivolgero'ancora su questo sito con voi dottori e professori sempre pronti a rispondere in modo tempestivo. grazie e buonl lavoro a tutti.