Utente 132XXX
Gentile Dottore ,le scrivo disperata, in quando l'ultimo ginecologo sosterebbe che la teratozoospermia di mio marito sia collegata ai miei aborti precoci, questi avvenuti2 nel 2003 , poi finalmente la nascita di un bimbo nel 2005 e adesso rpresa la caccia del secondo ho appena avuto alla5a sett ennesimo aborto.
Premetto che non abbiamo problemi nell'avere una gravidanza rimango incinta abbastanza presto 3 mesi nell' ultimo tentativo.I valori dello spermiogramma sono 87 n nemaspermi , 218 nemaspermi totali ,num nemasper mobili tot 124, di cui 25% di forme normali , 71% atipie testa, 19 interm , 6 coda, mobilità tot, 57 % , rap progr 46% GIUDIZIO teratozoospermia. Ecco l'ultimo ginecologo dopo aver rilevato qualunque tipo di esame fatto su di me, per immnità ecc, cariotipo di entrambi isteroscopie ecc, sostiene che avendo questo 25% di forme normali io ho 1 possibilità su4 di avere una gravidanza portata a termine, che gli spermatozoi anomali riescono a fecondare l'ovulo e cio' comporterebbe un aborto,, con questo quadro mi sento a dir poco disperata, e non so quale sia la via da seguire.La ringrazio in anticipo.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mirco Castiglioni
28% attività
4% attualità
12% socialità
SARONNO (VA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2007
L'argomento teratozoospermia e poliabortività è tuttora controverso. Sicuramente esiste una associazione tra alterazione del DNA spermatico ( la cosiddetta frammentazione) e la poliabortività come pure esisterebbe una correlazione tra frammentazione del DNA e teratospermia. Di qui per la proprietà transitiva si potrebbe dedurre che la teratozoospermia si associa a polabortività. In realtà non è proprio così soprattutto per una teratozoospermia di lieve media gravità come quella di suo marito. In ogni caso varrebbe la pena di sottoporre il marito a vista andrologica perchè la teratozoospermia potrebbe essre secondaria a cause correggibili e quindi suscettibile di miglioramento.