Utente 264XXX
Buongiorno dottore, qualche mese fa ho fatto una visita da un cardiologo,in quanto mi erano capitati due episodi in cui mi sono sentita come svenire, ero bianca, facevo fatica a respirare e il cuore mi martellava nel petto. Ha eseguito sia elettrocardiogramma, sia ecocardio. Ha riscontrato un' insufficienza mitralica lieve, ma ha detto che non è niente di grave e non c'entra con gli episodi di tachicardia che mi sono successi. La diagnosi è stata: crisi di cardiopalmo tachicardico, tachicardia parossistica . Vorrei chiederle di cosa si tratta e se posso stare tranquilla e se è vero che l'insuff. mitralica non è nulla, visto che il mio dentista mi ha detto che avrei dovuto dirglielo, in quanto viene fatta una terapia antibiotica in caso di anestesia. Vi ringrazio e scusatemi le tante domande

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Guglielmo Mario Actis Dato
44% attività
8% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2004
L'insufficienza mitralica di grado lieve, quale le è stata diagnosticata ecograficamente, non costituisce un problema di rilievo. Certamente deve fare la profilassi antibiotica in caso di cure odontoiatriche (indipendentemente dalla anestesia locale) e deve controllarsi cardiologicamente almeno una volta all'anno

cordialmente
[#2] dopo  
Dr. Gabriele De Masi De Luca
24% attività
0% attualità
0% socialità
TRICASE (LE)
Rank MI+ 24
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

concordo con il collega, il riscontro di un minimo vizio valvolare come puo' essere una insufficienza mitralica e' cosa molto comune, nella maggior parte dei casi priva di significato patologico.
Valuterei per bene il sintomo tachicardiopalmo che lei ha descritto, e che e' stato considerato dal cardiologo che l'ha seguita come una tachicardia parossistica.
Eseguirei un Holter ECG (ovvero un monitoraggio elettrocardiografico in 24 o 48h)ed eventualmente un Test ergometrico (per valutare l'eventuale innesco di aritmie da sforzo, la capacita' funzionale e l'incremento cronotropo). Consiglierei altresi' determinazioni laboratoristiche riguardanti la funzionalita' tiroidea (FT3, FT4, TSH), i depositi di ferro (sideremia e ferritina), gli elettroliti (Na e K) ed un semplice emocromo.

Mi faccia sapere

Dr Gabriele De Masi De Luca