Utente 846XXX
Buongiorno, mia moglie ad ottobre 2008 è stata operata per carcinoma al seno sx. A seguito dell'intervento ha eseguito AC 4, Radioterapia, attualmente sta eseguendo terapia di tamoxifene e decapeptyl 3,75 ogni 28 g. La settimana scora ha eseguito gli esami ematochimici, i valori di Cea e Ca 15.3 sono risultati aumentati rispetto alle analisi precedenti e cioè:

Cea attuale 1,40 precedente (circa 3 mesi fa 0,55 ng/ml) Rif. fino a 5.0;
Ca 15.3 attuale 6,60 precedente 5,80 (circa 3 mesi fa 5,80 u/ml) Rif. 0-30.

A seguito di questo prospetto, cosa significano le variazioni segnalate? Ci protebbe essere una ripresa della malattia o cosa? Cosa bisogna fare? Grazie
[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
LECCO (LC)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Non c'è alcuna ripresa di malattia per variazioni minime.

I marcatori sono indicatori aspecifici che possono variare anche per cause non tumorali.

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=39170

ad esempio possono interferire con la semplice somministrazione di fitoestrogeni (latte di soia, liquirizia...)
[#2] dopo  
Utente 846XXX

Iscritto dal 2008
Grazie per la sua cortese e lecita risposta. Pensandoci bene mia moglie ultimamente sta facendo uso di Sinaire 300 forte (alfa-galattosidosi) e Meliven plus integratore (rutina con estratto meliloto). La ginecologa aveva consigliato sia per la formazione del gas intestinale sia per il gonfiore. Potrebbero allora queste compresse contribuire alle variazioni dei valori? Per il problema che ha avuto mia moglie è il caso di sospendere l'assunzione delle compresse? Mia moglie nota però anche, se apparentemente, meno gonfiore, meno vampate di calore, meno secchezza vaginale. Non vorrei che andassero a stimolare gli estrogeni provocando qualche problema di recidiva e/o altri problemi tumorali. Anche perchè all'esame istologico del tumore il valore ER era uguale al 90%. Cosa mi consiglia? Abbiamo combinato un bel guaio utilizzando le compresse? Grazie ancora.
[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
LECCO (LC)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Ancora non riesco a comprendre dove vede il problema se i valori sono assolutamente normali.
[#4] dopo  
Utente 846XXX

Iscritto dal 2008
Mi scusi, Dr. Catania, le chiedevo se mia moglie può continuare ad assumere i farmaci, Sinaire 300 forte e Meliven plus integratore, probabilmente tali farmaci potrebbero far alterare i valori dei markers e non so se a lungo tempo possono alterare i recettori estrogeni negativamente per la patologia di mia moglie. Grazie
[#5] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
LECCO (LC)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Ne parli con il suo oncologo.

Si è osservato come i fitoestrogeni possano competere con i farmaci che posseggono attività estrogenica; questo significa che dovrebbero essere assunti con cautela da pazienti in terapia con estrogeni o estroprogestinici.

Ed è ormai nota la loro capacità di modulare selettivamente l'espressione dei recettori per gli estrogeni e per questo devono essere utilizzati con cautela da donne che assumono SERMS (clomifene, raloxifene, tamoxifene o toremifene).
[#6] dopo  
Utente 846XXX

Iscritto dal 2008
Buongiorno, Dr. Catania, mi scusi se le faccio perdere tempo, ma le preoccupazioni sono tante. Le vorrei rivolgere un’ultima domanda cioè: visto gli aumenti dei markes Cea e Ca 15.3, anche se minimi per il momento, e visto che mia moglie ha fatto uso da giugno ad oggi di tre scatole di fitoestrogeni, le chiedo se i fitoestrogeni hanno potuto contribuire alla formazione e quindi alla circolazione di cellule tumorali, anche se su internet si parla dei fitoestrogeni come protezione dai tumori. Nel caso affermativo quale rimedio secondo lei si potrebbe adottare? Per il momento mia moglie ne ha sospeso l'uso. Secondo lei se si sospende l'uso dei fitoestrogeni i valori potrebbero ristabilirsi? Grazie per la sua cortese risposta.
[#7] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
LECCO (LC)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Forse non mi sono spiegato : i valori dei marcatori che allega SONO NORMALI.

E li sospenda se in terapia con tamoxifene.
[#8] dopo  
Utente 846XXX

Iscritto dal 2008
Mi scusi ancora, grazie.
[#9] dopo  
Utente 846XXX

Iscritto dal 2008
Buongiorno, gentil. Dr. Catania, mi scusi se la disturbo nuovamente. Rivedendo le analisi oltre ai valori di Cea e Ca 15.3 già comunicati, ho natato che il valore LDH (lattato deidrogenasi) è a 589 Ui/l (Riferimento compreso tra 250 e 500). Secondo lei nel constesto di mia moglie, è una fattore rilevante o non ha alcuna importanza? Faccio inoltre presente che a fine gennaio 2009 ha concluso l'ultimo ciclo di chemio. Grazie Cordiali saluti.