Utente 132XXX
Salve, sono una ragazza di venti anni, da circa tre anni soffro saltuariamente di attacchi d’ansia e panico. Di solito si presentavano qualche giorno dopo un forte stress.. questi attacchi venivano preannunciati da: un aumento del battito cardiaco,respiro affannato, formicolio alle mani e alle labbra, minore percezione acustica, giramenti di testa e assenza di forza agli arti inferiori. Durante la crisi i sintomi che si aggiungevano a quelli già elencati erano: rigidità totale soprattutto degli arti inferiori, spasmi al braccio destro e impossibilità di comunicazione. Spesso risolvevo queste crisi che duravano circa 15-20 minuti con l’assunzione del Valium (orale o endovena). Da qualche mese non ho più questi attacchi in relazione, forse, al fatto che lo stress è diminuito e mi sento più serena. Però da circa 6-7 mesi è sorto un altro problema. Mi sento sempre affaticata e stanca, ci sono giorni che faccio fatica anche ad alzarmi al mattino magari solo per raggiungere il bagno, a volte mi sento così stanca da avvertire la sensazione che da lì a breve dovessi svenire. In questi momenti sento tutto in lontananza,non riesco a stare in piedi, sono totalmente priva di forze; mi hanno anche detto che proprio in queste occasioni divento pallidissima. Mi è capitato anche mentre mi visitavano al pronto soccorso (per la stessa causa) e mi hanno quindi subito misurato la pressione che era ottima. Mi rivolgo a voi perché ogni volta che entro in ospedale l’unica cosa che mi dicono è :” la pressione va bene, secondo me hai litigato col fidanzato !” cosa potrei pensare???!! Solo che medici incompetenti manifestano in modi sciocchi la loro negligenza . Tra l’altro non ho mai avuto litigi o situazioni che mi hanno provocato nervosismo prima o durante questi periodi di malessere, che si manifestano per circa una settimana; poi senza prendere nessun farmaco scompaiono per una decina di giorni e poi ricominciano. È ovvio che soprattutto a quest’età questo tipo di malessere mi crea non pochi problemi.

Gli esami che ho fatto senza riscontri anomali sono stati: risonanza magnetica alla testa, esami ormonali e tiroidei (oltre che ai più frequenti esami), elettroencefalogramma , ecografia al fegato e alle ovaie e l’eco color doppler carotideo. Gli specialisti che mi hanno seguito non sono riusciti a scoprire le cause di questo malessere.

P.S. seguo un’alimentazione regolare e varia, il ciclo mestruale è regolare e i due periodo (del ciclo e del malessere) non hanno nessun collegamento; non assumo nessun tipo di droga. Ho notato che in quest’ultimo periodo mi capita spesso di non riuscire a completare delle frasi mentre parlo perché dimentico immediatamente quello che stavo dicendo e strani mal di testa simili a dei crampi localizzati in vari punti.

Cosa dovrei fare per capirne qualcosa? È possibile che ci sia qualche correlazione tra gli attacchi di panico e queste strane stanchezze?
Vi ringrazio anticipatamente.

CORDIALI SALUTI

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Davide Ventre
44% attività
4% attualità
20% socialità
SONCINO (CR)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Si, è possibile.

Mi pare di aver capito che lei attualmente non segue alcuna terapia giusto?

Mi dica: quando ha queste crisi simil-lipotimiche, ha paura di svenire? Voglio dire: terrore? paura che si tratti di qualcosa di irrimediabile? O è cosciente che se dovesse svenire poi si risveglierà subito ed è quindi tranquilla per quanto possa esserlo?
[#2] dopo  
Utente 132XXX

Iscritto dal 2009
grazie per aver risposto.
no,non seguo alcuna terapia. Non mi è mai capitato di avere paura né di pensare che dovesse succedermi qualcosa di irrimediabile, anzi quando capisco che sto per sentirmi male, cerco di tranquillizzare, dicendo che mi è capitato altre volte e che non è niente di grave, la gente che si trova con me.
cosa pensa che dovrei fare per cercare di risolvere il problema o comunque capire a cosa è dovuto? qualche esame specifico..

grazie per il suo tempo
[#3] dopo  
Dr. Davide Ventre
44% attività
4% attualità
20% socialità
SONCINO (CR)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
riguardando gli esami strumentali da lei già svolti, più che la Risonanza Magnetica Cerebrale sarebbe indicata una TAC.

Se anche questa dovesse essere negativa, le consiglio di rivolgersi ad un reparto dove viene eseguito l'esame definito comunemente "Tilt Test", che serve a slatentizzare, ove siano presenti, eventuali lipotimie o sincopi dovuti a brusco calo della pressione (la pressione se la misura da sdraiata può in molti casi tornare a valori normali anche rapidamente, al massimo quando vengono questi attacchi ci vorrebbe la prontezza di qualcuno che le possa misurare la pressione istantaneamente, velocemente, tenendola in piedi).

MI indichi anche quali sono finora gli specialisti che l'hanno visitata.

Saluti.
[#4] dopo  
Utente 132XXX

Iscritto dal 2009
grazie per i consigli.. saranno sicuramente seguiti..
Mi ha visitata un endocrinologo e un neurologo...
L'endocrinologo mi ha detto che andava tutto bene,il neurologo ,invece ,mi ha detto che ero molto stressata e nervosa. entrambe le visite sono state fatte circa un anno fà...
Grazie ancora per il consulto..