Utente 132XXX
Buona sera dottori. Sono un ragazzo gay di 33 anni e mi è stata diagnosticata la clamidia dopo tampone uretrale. Una volta fatte le varie terapie risulto ormai negativo da pò. Il mio compagno ha fatto il test e risulta negativo. Premesso che io sono esclusivamente parte attiva nel rapporto e lui esclusivamente quella passiva e che d'ora in avanti nei rapporti anali utilizzeremo sempre il profilattico, vi chiedo:
1) il fatto che lui risulti negativo dal tampone uretrale significa che la clamidia non è presente nel suo intero corpo e quindi non la può trasmettere oppure deve eseguire anche il tampone anale? in altre parole, se risulta negativo il tampone uretrale,può la clamidia annidarsi nell'ano o nella gola?
2)può praticare sesso orale su di me oppure tramite la saliva potrebbe trasmettermela.
Grazie mille e spero di essere stato sufficientemente chiaro

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
in assenza di sintomi anali o otorinolaringoiatrici per me lei è libero da malattia. Comunque la cla clamidia non si trasmette alle vie aeree superiori e no si trasmette con saliva o rapporti orali. Tranquillo.
[#2] dopo  
Utente 132XXX

Iscritto dal 2009
Grazie infinite dottor Cavallini. Ora sono molto più sereno.
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
A disposzione.