Utente 592XXX
gentili medici,
ho 47 anni, sono in menopausa chirurgica dal 24 luglio 2008(data dell'intervento) la mia pressione sanguigna comincia a fare qualche sbalzo, soprattutto la minima sta sempre intorno ai 90, la massima invece oscilla tra i
140 e i 150. Sono un soggetto ansioso, reduce in anni passati dopo gravi lutti familiari da depressioni ansiose curate dal medico di famiglia (xanax, liposom e samir)la mia ansia ora si scatena soltanto quando c'è una preoccupazione particolare, mentre quando sono tranquilla i miei valori pressori sono sui 130/85. La mia ginecologa di fiducia sta cercando di curarmi un po' a 360° e mi ha consigliato "per il momento" una terapia blanda OLIVIS 30 gocce 2 volte al dì e di eliminare caffè e sale dalla dieta.
Cerco di seguire queste regole ma a volte faccio un po' di testa mia e abbandono i buoni propositi.
Vorrei sapere se la menopausa incide molto sul fattore pressorio e se con il tempo la cosa si stabilizzerà.
Dimenticavo di dire che haimè peso 75 kg (altezza 1,70) mangio con appetito, ma cammino tantissimo.
Premetto che prima che mi asportassero le ovaie io ho sempre avuto una pressione media di 120/80.
Ringrazio dell'attenzione che mi avete dedicato attendo con fiducia un vostro prezioso consiglio.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
purtroppo la menopausa rappresenta un momento critico per l'organismo femminile ed anche causa dell'instaurarsi di uno stato ipertensivo. Considerati tuttavia i valori da lei riportati, ai limiti alti della normalità, può effettivamente seguire inizialmente le regole igieniche indicatole dalla collega. E' ovvio che se dovesse riscontrare più volte alti valori, sarebbe comunque utile una visione specialistica cardiologica suppletiva.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 592XXX

Iscritto dal 2008
gentile dottore la ringrazio per il consulto e le auguro buon lavoro.