Utente 283XXX
Salve,

mi è stato diagnosticato un carcinoma a cellule chiare G1-G2, ho eseguito l'intervento di nefrectomia radicale dx ed ora sono in convalescenza.
Vorrei sapere il significato di G1-G2 e se è possibile con queste valutazioni sapere lo stadio del tumore.

Grazie



[#1] dopo  
Dr. Carlo Pastore
36% attività
12% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2004
Caro Utente,

innanzitutto in bocca al lupo per la convalescenza. Tutte le informazioni sulla grandezza e le caratteristiche citologiche della malattia saranno evidenziate nell'esame istologico. La dizione G1-G2 indica il grado di differenziazione cellulare, cioè quanto le cellule neoplastiche sono vicine per caratteristiche morfologiche al tessuto renale di partenza. Questo dato è comunque favorevole ma non va svincolato dall'esame istologico in toto.

Sempre a disposizione, molto cordialmente

Dr. Carlo Pastore
[#2] dopo  
Dr. Giuseppe Benedetto
28% attività
0% attualità
16% socialità
GIOIA DEL COLLE (BA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2004
il G1-2 rappresenta il grado di differenziazione del tumore e nel suo caso direi buono perchè ben-moderatamente differenziato cioè simile al tessuto di origine
bisognerebbe valutare anche l'estensione della malattia all'interno del rene o degli organi viciniori
[#3] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
20% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
G1 corrisponde alla forma diciamo "meno aggressiva", mentre G3 è il grado più elevato.
Naturalmente a questo punto l'esame istologico definitivo, sul pezzo operatorio, darà tutti i dettagli finali.

Cordialmente,

Edoardo Pescatori
[#4] dopo  
Utente 283XXX

Iscritto dal 2007
Grazie Mille!!!
A
presto
[#5] dopo  
Dr. Daniele Masala
28% attività
0% attualità
12% socialità
POZZUOLI (NA)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2006
Se lei parla di carcinoma a cellule renali di grado G1-G2 in pratica già ci dice di aver avuto la risposta istologica definitiva, o forse è stata fatta una estemporanea?
Se fosse la risposta definitiva ciò dovrebbe tranquillizzarla perchè in genere questa malattia viene ottimamente dominata con la nefrectomia radicale,ovviamente il collega urologo che l'ha operata le darà una "scaletta" temporale per i controlli a distanza con indagini laboratoristiche e strumentali.
Tanti auguri di pronta guarigione e cordiali saluti.
dott. Daniele Masala.
[#6] dopo  
Utente 283XXX

Iscritto dal 2007
gentili Dottori, questo è l'esame istologico:

Rene dx - linfonodi interaorto cavali
Esame microscopico

Rene dx: nefrectomia, 144 gr, 100x60x40 mm. Esito di pregressa tumorectomia. Nodulo brunastro sottocapsulare 15 mm di dm, infiltrante il parenchima renale.

Prelievi-
1..4: .... frammenti nodulo
5 : .... elementi dell'ilo
6 : .... linfonodo interaorto cavale

Diagnosi Microscopica
1 - 4 : Esiti di pregresso intervento chirurgico: emorragia, flogosi cronica a cellule giganti. Assenza di cellule neoplastiche.
5 : Assenza di cellule neoplastiche
6 : Linfoadenite cronica.

Come valutereste questo esame istologico?
Che cos'è la linfoadenite cronica?