Utente 953XXX
Buongiorno,
vi spiego il mio problema: sono un uomo di 31 che non ha mai avuto una relazione fissa e che fino a pochi mesi fa non ha mai avuto un orgasmo dentro la vagina con una compagna ma solo con prostitute (sempre con preservativo ovviamente).
Da alcuni mesi ho una partner con la quale cè molta sintonia,mi eccitta molto, ho forte erezioni ma raramente riesco a raggiungere lorgasmo dentro di lei, anche dopo 30 minuti di sesso non ce la faccio e devo uscire, solo con la sua o la mia mano riesco ad averlo. Nella mia vita mi sono masturbato tantissime volte, e ho quasi sempre fatto sesso a pagamento (in cui riuscivo a venire dopo una intensa masturbazione preliminare da solo)poichè non riuscivo a sentirmi apprezzato e accettato dalle donne, questo mi portava a soddisfare i miei appetiti sessuali a pagamento.
Sono in cura da alcuni mesi con levitra per problemi di disfunzione erettile causati da fumo e finasteride e basso livello di testosterone libero (prendo anche androgel), ora ho smesso di fumare e con levitra ho ottime erezioni ma rimane il problema che riesco a provare piacere solo con la mano (mia o sua) e sento di avere pochissima sensibilità dentro la vagina (anche senza preservativo.)dove proprio sento pochissimo, quasi piacere nullo.
Questa cosa è molto frustrante e sta mettendo a rischio la relazione fantastica che ho da alcuni mesi con questa donna, il fatto che potrei perderla per questo problema mi crea profonda ansia e tristezza.
Sono riuscito in passato ad avere qualche orgasmo dentro di lei dando sfogo alle mie fantasie ad esempio facendo sesso non completamente nudi o con lei che indossava dei collant neri ma completamente nudi non funziona.
Mi potete dare gentilmente un consiglio.

Grazie infinite.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,oltre che consigliarLe di seguire i consigli dell'andrologo di riferimento,evitando,quindi,di tuffarsi nelle variegate,quantunque plausibili,
opinioni di chi,come noi,lavora da una postazione mediatica,La invito a consultare uno psicosessuologo.L'accanimento,infatti,verso una funzione spontanea,finisce per penalizzarla vieppiu'.Non dice nulla riguardo la diagnosi andrologica strumentale che,sicuramente,avra' fatto.Cordialita'.