Utente 122XXX
Buongiorno,
sono un ragazzo di 26 anni.

(All'età di 12 mi è stato asportato il testicolo dx per torsione. Prima di andare dall'urologo però un pediatra mi aveva fatto fare un esame con catetere. Nei giorni successivi avevo avuto sanguinamento e dolore alla base del pene.)

Il problema attuale è che da allora, a volte (1 volta su 10), nei minuti successivi all'eiaculazione, ho dei forti bruciori alla uretra (localizzati alla base del pene). Questo avviene specialmente: 1) quando eiaculo avendo contemporaneamente lo stimolo ad urinare e 2) quando passo da una fase "a riposo" del pene all'eiaculazione molto rapidamente.
Se invece ho un'erezione duratura, non segue nessun bruciore.

A questo quadro si aggiunga che soffro da sempre di eiaculazione precoce (non più di 1 minuto), anche se soltanto nel caso dei rapporti completi e non nei rapporti orali o nella masturbazione che si protraggono invece anche per mezz'ora.

Le mie domande sono due:

- vorrei sapere se questo bruciore può essere legato a quel trauma da catetere di 14 anni fa, o da cosa, se può essere causa della precocità e a chi dovrei rivolgermi: sono infatti indeciso tra un andrologo e l'urologo che mi ha operato (al quale però avevo già parlato della mia eiaculazione precoce e l'aveva liquidata con un sorriso dicendo che sarebbe passata da sola).

- sto seguendo i consigli di un libro di una certa Keesling contro l'eiaculazione precoce, che consiglia di "allenare" il muscolo pubbococcigeo, contraendolo più volte nell'arco della giornata, allo scopo di riuscire a frenare, interrompere l'eiaculazione durante il rapporto e continuare a mantenere l'erezione. Questo potrebbe avere effetti negativi alla mia uretra e aumentare la possibilità del bruciore?

Vi ringrazio per il servizio che offrite.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mario De Siati
32% attività
20% attualità
16% socialità
ALTAMURA (BA)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2000
Può rivolgersi ad un andrologo o anche ad un urologo con sensibilità andrologica ,cioè che si interessi anche di andrologia.
Un' infiammazione delle vie urinarie (prostatite ,uretrite,)può essere causa di eiaculazione precoce.
Non faccia mille congetture e si rivolga senza indugio alle cure dello specialista che, dopo la visita, potrà inquadrare correttamente il suo problema.

Distinti saluti
[#2] dopo  
Utente 122XXX

Iscritto dal 2009
La ringrazio per la risposta.
Una domanda: è possibile che un'infiammazione delle vie urinarie duri da così tanti anni?
[#3] dopo  
Utente 122XXX

Iscritto dal 2009
La ringrazio per la risposta.
Una domanda: è possibile che un'infiammazione delle vie urinarie duri da così tanti anni?
[#4] dopo  
Dr. Mario De Siati
32% attività
20% attualità
16% socialità
ALTAMURA (BA)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2000
La prostatite è un' infiammazione della prostata che può durare anni , esistono le infiammazioni acute e quelle croniche