Utente 288XXX
Egregi Dottori,
con la presente vi scrivo per avere se possibile, delucidazioni su alcuni sintomi che ormai sto avvertendo da un po'.

Il tutto è cominciato il 29/11/2006, stavo in palestra e dopo uno sforzo (per me) blando, ho avuto la sensazione di non poter "recuperare", mi mancava aria e il cuore era all'impazzata, l'istruttore mi fece sdraiare con le gambe all'insù e il tutto è sembrato alleviarsi, dopodiché, sono andato a casa e mentre mangiavo ho avuto un'altra crisi che mi ha fatto correre al pronto soccorso dove mi è stato fatto un ECG normalissimo.
Questo è il referto all'esame Obiettivo:
Emotoraci Simmetrici, Normoconformati, FVT Trasmesso su tutto l'ambito, Sono chiaro Polmonare. Basi Simmetriche e Mobili, Apici in Sede, Murmure Vescicolare Fisiologico
Il dottore del pronto soccorso mi consiglia un esame alla Tiroide.

Il 14/12/2006 ho avuto ancora la stessa sensazione (ero a letto e molto ansiono per la paura di quello che mi era successo, paura che non è mai andata via dal primo episodio) e di nuovo vado al pronto soccorso riferendo i miei sintomi. E ancora un nuovo ECG con esiti perfetti.
Questo è il referto all'esame Obiettivo:
Attualmente paziente riferisce sensazione di tachicardia. Paziente eupnoico. Attività cardiaca ritmica. MV normopercepito su tutto l'ambito polmonare. Oviettività addominale nella norma. Polsi periferici validi ed isosfigmici.
Anche stavolta il medico mi consiglia un controllo alla tiroide.

Faccio l'esame alla tiroide e questi i risultati delle analisi(19/12/2006):

Glicemia 94 mg/dl 75-110
Colesterolo Tot. 184 mg/dl 100-201
Colesterolo HDL 51 mg/dl >35 mg/dl
Trigliceridi 90 mg/dl 40-160
Colesterolo LDL 115 mg/dl 0-150

FT3 3.32 pg/ml 1.0-4.6
TSH 2.81 uUI/ml 0.4-4.00
FT4 1.75 ng/dl 0.8-1.9

Antiretroglobilina 38 U/ml 0.01-220 U/ml
AbTMS o AbTPO 5 U/ml 0.01-100 U/ml

Ho eseguito anche visita da uno specialista cardiologo (18/12/2006) e questo è il referto ECG:
Ritmo sinusale. Turbe aspecifica della ripolarizzazione come da ipertono simpatico
Buon compenso emodinamico
Nulla di patologico a carico del cuore

Dopo tutto questo calvario, mi sono un po' calmato e sono stato bene fino al 03/03/2007 dove dopo una litigata al telefono mi si sono ripresentati i soliti sintomi: tachicardia, mancanza di fiato, vertigini, mal di testa facendomi di nuovo presentare al pronto soccorso. Nuovamente ECG nella norma e questo è il referto dell'esame Obiettivo:
Vigile, Lucido, Collaborante, Orientato, Eupnoico. Cuore Acr, FC 95bpm, Toni netti, Pause apparentemente libere, Torace MV Fisiologico.
Addome Trattabile non Dolente né Dolorabile. Peristalsi Presente, Polsi Periferici Presenti e Simmetrici
Eon. Non Deficit Focali o di Lato in Atto. Non segni Meningei.

Da quest'ultimo episodio, mi sveglio la mattina con il cuore accelerato, i battiti cardiaci sono sempre compresi tra 70-90, anche a riposo.
Mi sento subito affaticato, il cuore dopo le scale va a 1000, la pressione sembra nella norma, ma ho paura anche ad avere rapporti sessuali con la mia ragazza.

Ultimamente avverto del dolore al collo, precisamente nella parte anteriore, dolore al braccio sinistro (braccio e avambraccio), che si estende a volte al polso e nelle dita. Dolori al petto nel lato sinistro e destro. (I dolori che sento non sono vengono insieme, ma indipendenti)

In definitiva, se veramente dovessi avere un attacco cardiaco e quelli descritti sopra ne fossero i segni premonitori facendo ora un ECG me ne accorgerei se ci fosse una patologia in atto a carico del cuore?

Ho una paura folle di un imminente infarto!!!

Grazie anticipatamente per le risposte.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
27942

Cancellato nel 2007
Caro Utente,
ho letto con molta attenzione la sua descrizione, mi chiedo ha fatto anche un ecodoppler? od un ecg sotto sforzo??.
Inoltre ha familiari cardiopatici?
Tenuto tutto per buono , vorrei innanzitutto tranquillizzarla in quanto gli eventi infartuali sono alquanto rari in persone della sua età.
Ma gli esami di cui sopra potranno escludere gran parte di queste paure.
Inoltre quanto mi racconta mi sembra più collegato ad una situazione personale stressante di notevole peso che si stà riversando sul suo stato di attivazione simpatica , dandole la sintomatologia di cui soffre in dpoche parole ANSIA.
Ovviamente per una disgnosi di stato ansioso psicogeno bisognerebbe prima completare gli esami cardiologici e poi rivolgersi ad un collega psichiatra che la possa aiutare ad affrontare le eventuali problematiche in atto.
Spero di esserle stato di aiuto.
La saluto

Dott. Raffaele Marino
[#2] dopo  
Utente 288XXX

Iscritto dal 2007
Dottore,
la ringrazio della risposta e mi scuso della mia tarda risposta, ma non ho possibilità di collegarmi spesso ad internet.

Dopo aver letto la sua risposta, ho fatto anche ecodoppler e proprio oggi un ecg sotto sforzo i quali hanno dato esito negativo. Il mio cuore sta bene. Devo quindi pensare a seguire la strada per curare questo mio stato ansiogeno.

Nel frattempo, ho fatto anche delle analisi del sangue e delle urine complete nelle quali ho fatto aggiungere anche gli esami per gli ormoi tiroidei i quali valori rientrano tutti nella norma, il valore FT4 porta una valore di 1.89 quando il massimo è di 1.9, devo preoccuparmi di un ipertoroidismo latente?

Un saluto e grazie anticipatamente delle eventuali risposte.

Massimiliano.
[#3] dopo  
27942

Cancellato nel 2007
Caro Utente,
avendo escluso cause cardiogene, prima di aprocciare ad una terapia a base di ansiolitici o antidepressivi, le consiglerei di prendere della valeriana (da erboristeria) e fare una terapia di almeno di un mese, nel caso non ne abbia beneficio allora si prenderà in considerazione in visita presso un collega Psichiatra al fine di poter approcciare tali disturbi d'ansia con terapia faracologica.
Mi faccia sapere.

Saluti

Raffaele Marino
[#4] dopo  
Utente 288XXX

Iscritto dal 2007
Dottore, la ringrazio nuovamente per la risposta.

Ho fatto vedere tramite mio padre (il mio lavoro ha orari abbastanza strani e non mi permette di avere molto tempo libero), le analisi al mio dottore di famiglia che ha chiesto di vedermi per parlare un po' di questa mia ansia, forse dovuta alla mia tendenza ad essere ipocondriaco... chissà! :-)

Ringraziandola nuovamente le porgo i miei più cordiali saluti.

Massimiliano.