Utente 134XXX
Salve.
Sono un ragazzo di 30 anni. Alle prime esperienze sessuali ebbi problemi di erezione e eiaculazione precoce. Mi recai da un andrologo che mi diede una terapia a base di ansiolitici, la quale si rivelò efficace. Con la mia ultima partner stabile non avevo questi problemi e riuscivo ad avere un buon controllo del riflresso eiaculatorio. Ora sono di nuovo single e mi è capitato di avere dei rapporti occasionali quasi sempre accompagnati da ansia da prestazione. Tale stato mi ha causato qualche problema di erezione che comunque sono riuscito ad avere e soprattutto di eiaculazione precoce. Questa situazione mi provoca parecchio fastidio perchè mi impedisce di approcciarmi in modo del tutto sereno con l'altro sesso. Dato che nel periodo piuttosto lungo in cui ho avuto una relazione stabile il problema non si è presentato, può essere dovuto a cause di tipo organico ( ipersensibilità del glande ) o è esclusivamente psicologico ( ansia da prestazione ) ? Pensate che sia il caso di chiedere un nuovo consulto con un andrologo ? Potete consigliarmi qualche specialista che effettui visite convenzionate in provincia di Catania ?
Grazie per la disponibilità e cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro lettore ,

viste le sue osservazioni ed i suoi disturbi sessuali, l'indicazione è quella di consultare, senza perdere altro tempo prezioso, un esperto andrologo, a Catania non ne mancano, chieda al suo medico curante ma anche il nostro sito la può aiutare.

Se desidera poi avere più informazioni dettagliate su questa frequente disfunzione sessuale le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=27950.

Un cordiale saluto.
[#2] dopo  
Utente 134XXX

Iscritto dal 2009
Gentile Dr. Berretta.
Grazie per la risposta. Seguirò il suo consiglio. L'unica mia perplessità è riguardo alle terapie farmacologiche che, a mio parere, curano il sintomo ma non la causa del disturbo, il quale,nel mio caso, penso sia dovuto ad ansia da prestzione e quindi di natura psicologica.

Saluti.
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

le sue osservazioni sono corrette ma per capire se il suo problema ha una causa prevalentemente psicologica, organica oppure "mista" e poi impostare le successive indicazioni terapeutiche bisogna sentire in prima istanza sempre un esperto andrologo.

Un cordiale saluto.