Utente 305XXX
A seguito di una tosse persistente mia moglie ha eseguito un rx torace in due proiezioni dal quale non è risultato nulla di rilevante e quindi si è rivolta ad un pneumologo-allergolo. Dopo vari esami si è scoperta essere allergiaca agli acari ed ai pollini, anche se in misura diversa ai primi rispetto ai secondi (le è stato eseguito sia il Prick Test che poi il prelievo per le IgE specifiche).
Dove concentrazioni superiori a 0,1 KUa/l indicano presenza di sensibilizzazione per gli acari è risultato :
11,8 dermat pteronissinus
7,33 " farinae
mentre per i pollini :
1,24 parietaria officinalis
1,03 parietaria judaica
Le Autoimmunità invece sono risultate ASSENTI come pure nella norma Emocoagulazione e Proteine specifiche.
Ha sostenuto pure una visita dall'ORL senza esiti particolari.
La terapia decisa dall'allergologo alla fine di tutte le indagini è la seguente :
- ITS per acari mix (un sublinguale della ditta Anallergo di Firenze);
- bonifica ambientale;
- lavaggi nasali con Sterimar con Mn;
- Ismigen i cpr al giorno x 10 giorni x 6 mesi;
I dubbi che stanno assillando mia moglie sono relativi al ITS per acari mix (ha già iniziato da circa una settimana la terapia con i restanti medicinali senza averne tratto per ora un particolare giovamento......cioè la tosse persiste tuttora!!!!!) in quanto il modulo per l'ordine di tale medicinale è stato compilato dall'allergologo ed inserito in busta chiusa che noi il giorno successivo abbiamo spedito.
Pur andando a visitare il sito web della Anallergo non siamo arrivati a chiarirci le idee su che tipo di medicinale si tratti (credo sia un medicinale creato ad personam), sul contenuto e soprattutto su eventuali controindicazioni ed efficacia.
Con il presente messaggio volevamo chiedere un parere all'esperto sulla terapia prescritta a mia moglie (ad es. pare che l'Ismigen abbia avuto problemi sul mercato francese a causa di sospette eruzioni cutanee ed eczemi) ed eventualmente avere qualche informazione supplementare sull' ITS per acari mix.
Cordiali saluti
Paolo & Ligia

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Antonio Corica
40% attività
8% attualità
12% socialità
MESSINA (ME)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2007
Credo che lo specialista che lei ha consultato abbia poca dimestichezza con le allergia e anche la tosse.
La tosse persistente in un paziente con prove allergiche positive ad acari è spesso il primo segno di allergia e sarebbe bastato, anzi basta che faccia uso di un broncodilatatore e un pò di cortisone inalatorio del tipo formoterolo e budesonide in associazione, un paio di inalazioni per una settimana, solo per farne un esempio, per vedere sparire la sintomatologia.
Sulla immunoterapia se ne può discutere e se fatta correttamente ha sicuramente un beneficio presente e futuro.
Riguardo il vaccino antibatterico è legato al fatto se vi sono durante l'anno delle tonsilliti e bronchiti che nulla hanno a che fare con l'allergia ma possono essere concomitanti, ma nel periodo invernale.

Cordiali saluti

Dott. Antonio Corica


[#2] dopo  
Utente 305XXX

Iscritto dal 2007
I miei più sinceri ringraziamenti Dott. Antonio Corica per la Sua gentile risposta.

Paolo & Ligia