Utente 132XXX
Buongiorno, sono una ragazza di 30 anni, affetta fin da giovanissima età da ipercolesterolemia familiare.
Su pressione del medico curante ho iniziato la cura con Crestor 20 mg. da circa 2 settimane, essendo i miei valori di colesterolo totale sempre attorno ai 300 ( di cui hld 65 ).
Fortunatamente non mi pare di avvertire, per ora, particolari effetti collaterali, ma sono molto scettica sull'utilizzo delle statine..quali danni possono portare a lungo termine? è proprio necessario iniziare a 30 anni una cura che dovro' proseguire per tutta la vita?
Preciso che non ho problemi di pressione arteriosa ( è piuttosto bassa anzi! ) , non fumo, ho un'alimentazione abbastanza equilibrata, non ho problemi di peso ( sono anzi in sottopeso ), ne altri problemi cardiaci o circolatori, svolgo moderata attività fisica.
Vi ringrazio anticipatamente
B.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Massimo Tidu
36% attività
12% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Gentile utente
purtroppo la diagnosi di ipercolesterolemia familiare consiglia l' utilizzo di una terapia ipocolesterolemizzante, poiche' il rischio di malattie cardiovascolare e' alto.

A disposizione per ulteriori consulti
[#2] dopo  
Utente 132XXX

Iscritto dal 2009
Buongiorno! ho iniziato la terapia con Crestor 20 mg., come da prescrizione del mio medico curante, e dopo 40 giorni ho rifatto gli esami del sangue...gli esami sono di nuovo sballati ma al contrario! ora il colesterolo totale è di 125 ( di cui 55 Hdl ) pertanto è segnato sugli esiti come troppo basso!!!
Suppongo che la cura sia troppo forte e vada aggiustata la dose..ma è normale che in così pochi giorni si sia abbassato di tanto? cosa puo' comportare questo?
grazie mille per l'attenzione, auguro una buona giornata!
B.